Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
 
Connetti
Utente:

Password:



Guerra e verità

Il chiarimento del caos. Perché gli USA usano l'ISIS per conquistare l'Eurasia

Una straordinaria analisi a firma Piotr. Cos'è la Terza guerra mondiale a zone di cui parla il papa. I veri confini del dibattito su ISIS, Di Battista, l'Ucraina, i curdi.

Redazione
lunedì 25 agosto 2014 23:58

di Piotr.

1. I corsari erano dei privati (spesso armatori) che ingaggiavano comandanti abili nella navigazione per perseguire propri interessi in condominio con quelli politici di una potenza che li forniva, appunto, di una "lettera di corsa". Tale lettera li abilitava ad attaccare e saccheggiare navi di altre potenze sotto particolari condizioni (solitamente una guerra).
Le attività dei pirati e quelle dei corsari erano praticamente le stesse. Cambiavano solo le coperture politiche ufficiali. Diversi corsari finirono la loro carriera come pirati, a volte impiccati dagli stessi governi che li avevano ingaggiati.

Di fatto i corsari potevano permettersi di fare quelle cose che uno Stato riteneva politicamente e/o economicamente imprudente fare.

Una variante molto più in grande ed organizzata erano le Compagnie commerciali dotate di privilegi, come la famosa Compagnia Inglese delle Indie Orientali, che benché totalmente private (la Corona inglese non possedeva nemmeno un'azione delle Compagnie inglesi) avevano il nulla osta per condurre guerre e attività di governo.
Corsari e pirati hanno smosso le fantasie romantiche e libertarie di generazioni di persone che invece storcevano il naso per le imprese dei loro mandanti. 
Oggi la storia si ripete. In peggio.

2. I reparti armati dei (cosiddetti) fondamentalisti islamici sono da più di trenta anni una forma ancor più perversa di simili compagnie di ventura, al servizio dell'impero statunitense. I prodromi di questa alleanza-servizio furono gettati durante la Prima Guerra Mondiale da persone come St John Philby e Gertrude Bell, brillanti e preparatissimi agenti inglesi che lavoravano in stretto contatto con i principi sauditi.
L'alleanza è stata vista all'opera in Afghanistan negli anni Ottanta, sotto la sapiente regia criminale di Zbigniew Brzezinski, poi in Bosnia, in Kosovo, in Cecenia, in Libia, in Siria e ora in Iraq. È verosimile che la sua longa manus arrivi fino in India, via Pakistan, e nello Xinjiang Uyghur, in Cina.
L'ISIS, cioè lo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (Siria), è la forma più sofisticata di questa strategia corsara. Più ancora che Israele - che, essendo formalmente uno stato internazionalmente riconosciuto deve sottoporsi alla legalità internazionale, anche se non lo fa praticamente mai e si avvale di ampie deroghe e ha un'organizzazione politico-istituzionale complessa (ma questo conta sempre meno, lì come da noi) - l'ISIS è la quadratura del cerchio: uno stato-non-stato che essendo per definizione un'entità terrorista ha il "diritto" di essere al di fuori di qualsiasi legalità. Bene fanno, dal loro punto di vista, gli USA a chiamarla "organizzazione terrorista": il sostegno politico diretto, quello organizzativo via Arabia Saudita e proprio quella stessa definizione costituiscono la "lettera di corsa" che la Superpotenza gli fornisce. In altri termini, hanno il diritto-dovere di essere terroristi.
Esattamente come succedeva coi corsari di un tempo, sotto le mentite spoglie di "combattenti per la libertà" (anti Assad) hanno smosso le fantasie romantiche di ingenui buonisti - a volte, ahimè, persino caduti nella mortale tela del ragno - e di sedicenti internazionalisti fatti perdere da Giove. Possiamo immaginare che ora essi si sentano confusi. Noi, al contrario, iniziamo a vedere con più chiarezza i contorni di un disegno sufficientemente preciso.

3. Già negli anni Ottanta la Rand Corporation aveva "previsto" che le guerre future sarebbero state un misto di conflitti stellari e di conflitti premoderni condotti da entità substatali. Una previsione non difficile, visto che la Rand faceva parte di quel complesso che stava preparando tale scenario.
È una strategia sostenuta da un'ottima logica. Le "guerre stellari", infatti, se condotte fino alle loro estreme conseguenze non posso trasformarsi che in conflitti nucleari. La guerra di corsa tramite entità substatali, condotta dagli USA dopo i primi colpi "ortodossi" inferti dalla genia dei Bush e da Clinton, ha invece permesso alla Superpotenza di lanciare quella serie di first strike che sarebbero stati rischiosissimi, e quindi impossibili, in termini di guerre ortodosse tra stati, sebbene fossero contemplati dalla New Nuclear Posture elaborata dai neocons sotto Bush Jr.
L'iniziale sbandamento dei competitor strategici dimostra che la mossa ha una sua genialità, ovviamente criminale. Anzi, c'è la sensazione che questi competitor preferiscano correre il rischio di guerre substatali terroristiche piuttosto che quello di un conflitto aperto contro un avversario spregiudicato e sempre più aggressivo perché sempre più in difficoltà. Una difficoltà, comunque, relativa e che cercheremo di precisare.

4. Cosa c'è di meglio per gli USA che installare nel centro nevralgico dell'Eurasia (già oggetto degli incubi e dei desideri del "veggente" consigliere di Carter per la sicurezza, Zbigniew Brzezinski) uno stato-non-stato, uno stato-zombie, un essere-non-essere, un'organizzazione territoriale che al riparo della sua bandiera nera pirata può minacciare di azioni raccapriccianti tutti gli stati vicini, a partire da Siria, Russia, Iran, Cina, repubbliche centroasiatiche e poi lungo il corridoio che tramite il Pakistan penetra in India e che attraverso lo Xinjiang Uyghur prende alle spalle la Cina? Difficile pensare a un'arma non convenzionale migliore. Proprio difficile. Un temibile cuneo piazzato nel bel mezzo dell'Organizzazione di Shanghai.
Non solo, ma anche l'Europa può essere minacciata (non è già stato fatto?). Può essere utile qualora si mostrasse troppo recalcitrante al progetto neoimperiale statunitense, con annessi e connessi tipo il rapinoso TTIP.
La difficoltà statunitense di cui si parlava prima, non sta nel fatto che gli Stati Uniti siano inesorabilmente in declino per chissà quali leggi geopolitiche o economiche. In realtà la difficoltà è insita nel sistema capitalistico stesso che oggi è ancora incentrato sugli USA, cosa che si può contestare solo se si pensa che il sistema capitalistico sia misurabile solo a suon di profitti, PIL, scambi commerciali e riserve valutarie. Anche, ma non "solo", perché il sistema capitalistico è un sistema di potere.
In più, le potenze emergenti sono emerse, diciamo così, "in ritardo" (non poteva essere altrimenti) ovvero quando le capacità distruttive militari, industriali, ecologiche e finanziarie mondiali erano già state ipotecate massicciamente da uno stato-continente denominato Stati Uniti d'America e dai suoi vassalli. È vero che noi paesi occidentali a capitalismo maturo contiamo solo per un settimo della popolazione mondiale, ma questo dà proprio l'inquietante misura del problema, perché contiamo immensamente di più in quanto a capacità distruttiva.

5. Il regista Oliver Stone e lo storico Peter Kuznick con molto acume hanno fatto notare che con Hiroshima e Nagasaki gli USA non solo volevano dimostrare al mondo di essere superpotenti, ma anche - cosa ancor più preoccupante - che non avrebbero avuto alcuno scrupolo nella difesa dei propri interessi: erano pronti a incenerire in massa uomini, donne e bambini.
Le popolazioni libiche, siriane e irachene martirizzate dai corsari fondamentalisti sono la raccapricciante dimostrazione di questa mancanza di scrupoli, episodi di genocidi compiuti a rate al posto del singolo sterminio atomico, troppo rischioso. In questo senso preciso l'ISIS è utilizzato come arma di distruzione di massa a consumo.

6. In Occidente questa strategia rimane incomprensibile ai più. È vero che è complessa perché fa leva su un gioco intricato di interessi differenziati, da quelli puramente ideologici a quelli puramente mafiosi, ma la cosa è sorprendente perché oltre ad essere ormai chiara negli obiettivi - evidentemente perché gli USA stessi se li sono chiariti -, come si è visto è anche la riedizione di una strategia già nota e stranota.
Confusa poteva essere la sua percezione durante il conflitto afgano degli anni Ottanta. Era forse difficile capire allora la connessione tra Volker shock, invasione sovietica e nascita della guerriglia islamista sostenuta e organizzata dagli USA. Tuttavia alcuni studiosi, benché pochi e trattati come eccentrici, avevano già fatto notare le connessioni tra crisi sistemica, reaganomics, finanziarizzazione, conflitti geopolitici e la ripresa d'iniziativa neoimperiale degli USA dopo la sconfitta in Vietnam (quante volte gli Stati Uniti sono stati dati per spacciati?). Mi riferisco agli studiosi raccolti nella scuola del "sistema-mondo".
È comunque singolare che una sinistra così determinata negli anni Sessanta e Settanta a lottare per la difesa del filosovietico Vietnam, pochissimi anni dopo si trovasse a strizzare l'occhiolino a fondamentalisti sostenuti dagli USA contro una Unione Sovietica ora considerata l'impero da sconfiggere a tutti i costi.
Con le Torri Gemelle, inizio della Terza Guerra Mondiale a Zone di cui oggi parla persino il papa (ci sono veramente voluti tredici anni per capirlo in Vaticano?), la deriva totale della sinistra veniva preannunciata con uno spettacolare canto del cigno: le enormi dimostrazioni contro le guerre di Bush Jr e le politiche neoliberiste globalizzate. Si era sulla strada giusta, perché erano esattamente i due lati complementari del connubio denaro-potere messo a nudo dalla crisi sistemica. Eppure è bastato il peggioramento di questa crisi e il suo irrompere nei centri capitalistici occidentali e l'elezione santificata di Barack Hussein Obama per far deragliare ogni ragionamento e centinaia di migliaia di ex militanti venivano trasformati in supporter attivi, passivi o incoscienti della nuova politica imperiale.
Non è un'esagerazione: basta confrontare i 3 milioni di persone in piazza a Roma nel 2003 contro la guerra all'Iraq e le 300 (trecento) persone in piazza a Roma nel 2011 contro la guerra alla Libia.
Quel che era peggio, è che questo non era il risultato di un sofisticato programma di condizionamento, ma l'esito delle strategie di comunicazione introdotte ai suoi tempi dal nazista Goebbels ricanalizzate attraverso i vecchi e i nuovi media, con una variante decisiva. Non solo balle grosse come case ripetute all'unisono ovunque e con ogni mezzo, ma anche condite coi termini e coi concetti che più piacevano alla sinistra: se gettare bombe faceva storcere il naso, bastava dire che esse erano intelligenti o addirittura umanitarie, se non proprio aiuti umanitari sic et simpliciter. L'impero ora parlava con un linguaggio ad ampio spettro, da quello reazionario a quello del progresso, tecnico, sociale e politico. Non proprio una novità, ma il bersaglio era una società in via di disarticolazione a causa della crisi sempre più feroce, abbandonata e addirittura tradita dagli intellettuali e politici a cui si era affidata e dove purtroppo anche nelle poche roccaforti rimaste gli effetti mutageni del linguaggio imperiale facevano danni.
Come commentava allora una vignetta di Altan: "Il trucco c'è, si vede benissimo, ma non gliene frega niente a nessuno". Il perché dovrebbe essere studiato a fondo per capire come uscire da questo limbo sospeso sopra il baratro.
Ad ogni modo la "guerra al terrorismo" non sconfiggeva alcun terrorismo, banalmente perché non c'era nessun terrorismo da sconfiggere. In compenso distruggeva stati, prima l'Afghanistan poi l'Iraq.
Il terrorismo nel frattempo entrava "in sonno" e si rifaceva vivo con alcune necessarie dimostrazioni di esistenza a Madrid e a Londra, nel cuore dell'Europa. In realtà era in fase di riorganizzazione, nel senso che lo stavano riorganizzando per i nuovi teatri operativi, forse all'inizio ancora non molto chiari nelle menti degli strateghi statunitensi perché nelle crisi sistemiche anche chi genera e utilizza il caos risente delle sue conseguenze.

7. Con Obama gli obiettivi e la strategia si sono progressivamente chiariti. Una volta riorganizzato e potenziato l'esercito corsaro, scattava la nuova offensiva che ha avuto due preludi: il discorso di Obama all'Università del Cairo nel 2009 e le "primavere arabe" iniziate l'anno seguente.
In entrambi i casi la sinistra ha sfoggiato una strabiliante capacità di non capire nulla.
Avendo ormai scisso completamente l'anticapitalismo dall'antimperialismo, la maggior parte del "popolo di sinistra" si faceva avviluppare dalla melassa della coppia buonismo-diritti umanitari (inutile ricordare i campioni italiani di questa pasticceria), elevando ogni bla-bla a concetto e poi a Verbo. Obama dixit. Che bello! Che differenza tra Obama e quel guerrafondaio antimusulmano di Bush! Avete sentito cosa ha detto al Cairo?
Nemmeno il più pallido sospetto che l'impero stesse esponendo la nuova dottrina di alleanza con l'Islam politico (alleanza che ha il centro logistico, finanziario e organizzativo nell'Arabia Saudita, il partner più fedele e di più lunga data degli USA in Medio Oriente).
Peggio ancora con le "primavere arabe". Nemmeno a bombardamenti sulla Libia già iniziati la sinistra ha avuto il buon senso di rivedere il proprio entusiasmo per quelle "rivolte". Apodittico è stato il demenziale e sgradevole appello di Rossana Rossanda ad arruolarsi nelle fila dei tagliagole di Bengasi (il cui capo veniva direttamente da Guantánamo con copertura della Nato), come gli antifascisti avevano fatto in Spagna. Un appello che è stato il segno di una corruzione aristotelica non già di un cervello anziano, bensì di alcune generazioni di sognatori cresciuti sotto il cielo dell'impero americano, naturale come il firmamento e invisibile come il tempo, quindi non percepibile. Sotto questa cupola stellata e globalizzata il capitalismo diventava non più un rapporto sociale vivente in società e luoghi geografici materiali, bensì un concetto che si contrapponeva a un altro concetto: il "capitale" al "lavoro". La cosa meno materialista dai tempi delle discussioni sul sesso degli angeli.
Disaccoppiare il capitalismo dall'imperialismo è come pretendere di dissociare l'idrogeno dall'ossigeno e avere ancora acqua. Per un cristiano è come dissociare Cristo dallo Spirito Santo. Rimane qualcosa che pendola tra il libresco e il buonismo istintivo in preda ad ogni demonio furbo e determinato.
Si è giunti al punto che un capo di stato maggiore statunitense, il generale Wesley Clark, rivela che Libia e Siria erano già nel 2001 nella lista di obiettivi selezionati dal Pentagono e che sedicenti marxisti continuino incuranti a credere a "rivolte popolari", quelle rivolte popolari che loro non sono stati e non sono in grado di suscitare nel proprio paese. Insomma, effetti da crisi di astinenza.

8. Ma questi ormai sono dettagli residuali, che riguardano cioè residui storici, privi di valore politico. Servono al più ad illustrare il ben più grave fenomeno di una sinistra tutta che è di fronte alla Terza Guerra Mondiale e ci arriva totalmente disattrezzata, teoricamente, politicamente e ideologicamente. Più disattrezzata del "popolo di destra" e spesso apertamente dalla parte dei guerrafondai.
Ah, Pasolini, quanta ragione avevi di inveire contro gli "irresponsabili intellettuali di sinistra"! A che punto siamo giunti!
C'è solo qualche sprazzo di sereno in questa estate nuvolosissima. Non si può che essere d'accordo con Movimento 5 Stelle e SEL per la loro opposizione all'invio di armi ai Curdi (intanto: a quali Curdi?). Diversi ragionamenti ci accomunano, come l'indecenza di esportare armi e l'inutilità della cosa per la risoluzione del conflitto. Ma la vera inutilità e l'indecenza stanno nel fatto che quel conflitto è una partita di giro in cui ci andranno di mezzo migliaia di persone, al 90% civili, come succede in tutti i conflitti moderni e da tempo avvertono organizzazioni come Emergency.
Il senatore John McCain, in apparenza battitore libero ma nella realtà executive plenipotenziario della politica di caos terroristico di Obama, si è messo d'accordo sia coi leader del Governo Regionale Curdo in Iraq sia con il Califfo dell'ISIS, Abu Bakr al-Baghdadi, già Abu Du'a, già Ibrahim al-Badri, uno dei cinque terroristi più ricercati dagli Stati Uniti con una taglia di 10 milioni di dollari. 

Ci sono testimonianze e prove fotografiche (e su queste si basa la denuncia all'autorità giudiziaria del senatore McCain come complice del rapimento in Libano da parte dell'ISIS di alcune persone, sporta dai loro famigliari).
Così come Mussolini aveva bisogno di un migliaio di morti da gettare sul tavolo delle trattative di pace, gli USA, l'ISIS e i boss curdo-iracheni hanno bisogno di qualche migliaio di morti (civili) da gettare sul palcoscenico della tragedia mediorientale, per portare a termine la tripartizione dell'Iraq e lo scippo delle zone nordorientali della Siria (altro che Siria e USA uniti contro i terroristi, come scrivono cialtroni superficiali e pennivendoli di regime). Il tutto a beneficio del realismo dello spettacolo.
Caro Di Battista e caro Movimento 5 Stelle e anche cara SEL (mi rivolgo a loro perché sono gli unici che in Parlamento abbiano mostrato barlumi di intelligenza e di decenza), avete avuto ottime intuizioni, ma cercate di andare oltre alle intuizioni, perché con questa tremenda crisi sistemica destinata a peggiorare la pura intuizione alla lunga non basta più e tutti i racconti di fate diventeranno racconti di orchi, specialmente in politica internazionale dove dovreste attrezzarvi un po' meglio.
Nel 1979 Zbigniew Brzezinski aveva capito e scritto che il futuro problema degli Stati Uniti era l'Eurasia e che quindi occorreva balcanizzarla, in particolare la Russia e la Cina. All'inizio del secolo scorso, in piena egemonia mondiale dell'impero britannico, il geografo inglese Halford Mackinder scriveva «Chi controlla l'Est Europa comanda l'Heartland: chi controlla l'Heartland comanda l'Isola-Mondo: chi controlla l'Isola-Mondo comanda il mondo».
L'indefesso girovagare di McCain tra Ucraina e Medio Oriente non è dunque un caso. Il pensiero dominante è sempre lo stesso. Ciò che è cambiato è che gli USA hanno capito che non è necessario che siano le proprie truppe a fare tutto il lavoro sporco.





ARTICOLO CORRELATO:
Pierluigi Fagan, Al margine del Caos - Geopolitica ai tempi dell'era della Complessità

Letto 21335 volte
Commenti
  • Laertino 24/08/2014 alle 13:38:44 rispondi
    Su capitale e lavoro
    L'analisi fatta da Piotr è precisa e puntuale, senz'altro da condividere: Ma non in toto. L'articolista è il classico uomo troppo immerso nella foresta per poterla cogliere nella sua totalità.
    Sintomatico quanto scrive: "Sotto questa cupola stellata e globalizzata il capitalismo diventava non più un rapporto sociale vivente in società e luoghi geografici materiali, bensì un concetto che si contrapponeva a un altro concetto: il "capitale" al "lavoro". La cosa meno materialista dai tempi delle discussioni sul sesso degli angeli". Anche se usa più volta l'espressione "crisi sistemica", non coglie il fatto che se questa crisi è sistemica, non lo è perché è una crisi del capitalismo (in tal caso si parlerebbe di "crisi strutturale"), ma perché è una crisi del capitale: del suo processo di accumulazione. Inoltre non c'è niente di più materialista del rapporto/conflitto tra capitale e lavoro, alla radice e spiegazione ultima dei conflitti generati dal capitalismo, compreso quello della sua finanziarizzazione: ovvero dell'illusione di creare plusvalore staccato dal pluslavoro, finendo con l'accumulare capitali non frutto di lavoro svolto, ma di lavoro che verrà svolto negli anni futuri. Altro che sesso degli angeli.
  • Nemoprofeta 24/08/2014 alle 20:59:06 , modificato il 2014-08-24, alle 21:04:08 rispondi
    Qualche risposta dovuta
    Che quanto detto dal signor Sergio Mazzella siano semplici parole campate per aria lo dimostrava già la foto con cui il redattore di Megachip ha opportunamente accompagnato il mio pezzo: lì si possono vedere riuniti attorno allo stesso tavolo Abu Bakr al-Baghdadi, cioè lo sceicco dell'ISIS, quello con la barba che si rivolge a McCain e, alla sua sinistra con gli occhiali, il brigadier generale Salim Idriss del cosiddetto Esercito Siriano Libero.
    Hamas in Palestina è tutta un'altra cosa, così come un'altra cosa ancora è Hezbollah in Libano (strano che Mazzella si sia scordato di citarlo). Ma non è questa la sede per parlarne. Rimanendo nel contesto occorre solo ricordare che ad esempio negli ultimi giorni l'aviazione siriana ha duramente bombardato le postazioni dell'ISIS a Raqqa (basta leggere i notiziari ANSA, non ci vuole un grande sforzo). In compenso è noto che invece i bombardamenti statunitensi contro l'ISIS si sono limitati a distruggere alcuni veicoli. Su questo argomento non intendo più ritornare per un elementare principio di ecologia della mente.
    Su quanto affermato da Laertino nel suo commento forse occorrerà invece ritornare anche in seguito, perché anche se con un tono un po' scortese è in definitiva una richiesta di chiarimento.
    Io uso il termine "crisi sistemica" in un'accezione molto simile a quella usata da Giovanni Arrighi, che della richiamata scuola del "sistema-mondo" era un grande maestro. Più precisamente il concetto da me usato deriva direttamente da quello di Arrighi (introdotto magistralmente ne "Il lungo XX secolo. Denaro, potere e le origini del nostro tempo", il Saggiatore, 1996), ma cerca di andare oltre. In estrema sintesi per me crisi sistemica si ha quando la configurazione di potere mondiale che ha permesso un ciclo sistemico di sviluppo si deteriora di modo che la potenza egemone di quel ciclo e di conseguenza i suoi clientes riescono sempre meno a scaricare all'esterno le contraddizioni inevitabilmente prodotte dai processi di accumulazione capitalistica. Queste contraddizioni sono inevitabili proprio per via della natura di classe di tale processi: non ho quindi nessuna intenzione né necessità di negare che ci sia un conflitto tra capitale e lavoro. Intendo però sottolineare che le contraddizioni prodotte dal processo di accumulazione sfociano in crisi sistemiche proprio perché non esiste un unico sistema capitalistico, bensì perché la logica dell'accumulazione è "implementata" in diferenti configurazioni sociali, fisiche, geografiche ed ecologiche che inevitabilmente sono destinate a scontrarsi dato che tutte hanno la necessità di esportare al proprio esterno l'entropia, diciamo così, che i processi di accumulazione producono.
    Il sistema occidentale egemonizzato dagli Usa a partire dalla II Guerra Mondiale è in crisi proprio perché non riesce più a scaricare all'esterno le proprie tremende contraddizioni che, se si vuole, sono rappresentabili in modo apodittico dalla mostruosa finanziarizzazione iniziata col Volker shock del 1979. Banalmente questa enorme finanziarizzazione - basata sul Dollaro - non poteva essere sostenuta che da un impetuoso rilancio dell'egemonia "armata di coercizione" degli Usa, unica garanzia mondiale del valore della moneta statunitense dopo il Nixon shock del 1971. Non è un caso che David Harvey abbia scritto nel 2003 che qualsiasi minaccia al predominio del Dollaro avrebbe indotto gli Usa a scatenare «risposte selvagge, anche militari». E così è stato.
    Tutto ciò può essere spiegato in altri termini. Ad esempio descrivendo il capitalismo (in quanto sistema di potere basato su luoghi fisici, materiali) come un "sistema dissipativo". Oppure attraverso la categoria di "complessità", come ad esempio fa brillantemente Pierluigi Fagan (http://www.sinistrainrete.info/filosofia/3983-pierluigi-fagan-al-margine-del-caos.html). Sono spiegazioni che non contraddicono le "scoperte" di Marx.
    Incidentalmente, in risposta al comprensibilissimo scoramento di Rodolfo Marosi, in quell'articolo ci sono spunti, che io condivido e che occorrerà discutere, su come evitare un esito catastrofico della crisi.
    Ritornando a noi, pensare invece ad un unico sistema capitalistico mondiale (tentazione che va dalla tesi dell'ultraimperialismo di Kautsky a quella dell'Impero di Hardt e Negri) porta a traguardare ogni contraddizione attraverso la coppia capitale-lavoro, che a quel punto può vivere solo nel mondo dei concetti platonici. Un unico "capitale", non capitale vero, cioè rapporto sociale fisico con tutte le contraddizioni della, diciamo così, "geografia umana"; un unico "lavoro", non lavoro vero, cioè sottoposto alle stesse contraddizioni. Quindi un concetto di capitale e un concetto di lavoro pensati capaci di riprodurre la realtà, esattamente secondo il noto procedimento hegeliano che Marx riteneva rovesciato.
    In questo quadro l'imperialismo non ha cittadinanza se non sotto la forma della rapina coloniale (già messa in secondo piano da Lenin): che bisogno intrinseco c'è dell'imperialismo se il capitale è uno solo? In questo quadro è facile, anche se non ineluttabile, che si cerchi a tutti i costi nelle "rivolte" in Libia, in Siria o in altri martoriati paesi la contraddizione capitale-lavoro, e di lì la loro legittimazione. Ecco che il gioco è fatto. Peccato che nella fattispecie poi salti sempre fuori che la stragrande maggioranza dei "rivoltosi" siano mercenari stranieri, corsari internazionali, spesso liberati da (altre) patrie galere per la bisogna.
    Non capire il rapporto inscindibile tra capitalismo e imperialismo è come vedere uno scheletro e credere di vedere un essere umano completo. Oppure, appunto, pensare che un concetto equivalga alla sua espressione storica.
    «Prima di tutto, io non parto da "concetti" ». Karl Marx, Glosse a Wagner

    Piotr
  • Laertino 25/08/2014 alle 12:49:10 rispondi
    Una stimolante discussione
    Mi spiace che un tono polemico venga confuso con un tono scortese, ma andiamo oltre.
    Credo che sia indispensabile recuperare parole che, troppo velocemente, sono state gettate nella pattumiera della storia. Una di queste è la parola "borghesia nazionale". Per quanto si voglia enfatizzare il concetto di globalizzazione (come se esistesse una sola, unica imperante borghesia mondiale), le borghesie nazionali sono ancora un elemento decisivo del sistema capitalistico. Esempio lampante è l'estrema difficoltà, se non l'impossibilità, delle varie borghesie nazionali europee di farsi "borghesia europea", facendo così della UE un terreno di lotta delle stesse borghesie, europee e no.
    L'imperialismo altro non è stato, e non è, che il frutto della lotta tra queste borghesie per l'accaparramento delle materie prime e dei mercati mondiali.
    Ma i principi di riproduzione e accumulazione del capitale sono unici, comuni a tutte le realtà economiche di questo mondo: è quello che si intende per "sistema capitale" Ed è questo sistema che in ultima analisi entrato in una crisi irreversibile.
    Quanto detto, da Piotr e da me, è materiale per un confronto tanto lungo quanto stimolante. Indubbiamente si sente l'esigenza di superare il livello dello sguardo a volo di uccello, per discutere e confrontarsi sulla essenza di quello che vediamo e viviamo come storia in divenire. Così facendo, inoltre, verrebbe messa in luce la miseria culturale e politica dei mister Mazzella.
  • penzones 26/08/2014 alle 15:00:55 , modificato il 2014-08-26, alle 17:01:01 rispondi
    Purtroppo è la pura verità. La élite che governa gli Stati Uniti, già da Hiroshima e Nagasaki, ha sempre dimostrato di non avere il minimo scrupolo a massacrare civili innocenti e a distorcere e manipolare la realtà dei fatti presentando, già allora, quel genocidio come un diritto all'autodifesa e un un "modo per salvare vite umane". Con la globalizzazione liberista hanno sottratto sovranità ai popoli, hanno spogliato le nazioni della loro identità o, là dove serviva, hanno esasperato le differenze per creare divisione avvalendosi di strategie che apportavano tensione nelle nazioni prese di mira e alimentavano il terrorismo. Di questo è stata testimone e vittima il nostro paese a partire dall'omicidio di Enrico Mattei e poi di Aldo Moro. In Europa hanno operato per demolire le costituzioni antifasciste in modo da rendere più agevole l'azione del loro capitalismo finanziario. Hanno voluto che la nostra democrazia rappresentativa diventasse funzionale a rappresentare gli interessi di banche e multinazionali e non più quelli dei cittadini. In poche parole hanno incarnato lo spirito del nazismo avendo l'accortezza di nasconderlo dietro la maschera della democrazia, così come hanno nascosto le mire imperialiste dietro la maschera della guerra al terrorismo e dell'intervento umanitario presentando la vittima di turno come carnefice, dittatore e sanguinario. Qua in Europa a reggere questo sporco gioco è stata proprio la nostra opinione pubblica di sinistra e i nostri intellettuali, alcuni in buona fede perchè ingenui, gli altri, invece, dovranno dar conto alla propria coscienza per aver venduto la nostra democrazia mentre i governi di "sinistra" svendevano i beni pubblici!