Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Musicachip

Pallett, magnifica band iraniana

Quando il disgelo politico fa riscoprire l'Iran, non ci sono solo affari e turismo. Ci sono le arti, e fra queste la musica. Signore e signori, cantano i Pallett.

Redazione
mercoledì 5 agosto 2015 23:23


di Simone Santini.

I figli illegitimi di Goran Bregovic e Piero Ciampi, dopo lunghi soggiorni tra Smirne, Tripoli (Libano), e Haifa, approdano finalmente in Iran e fondano una magnifica band chiamata Pallett.
La necessità di richiamare così tante, e forse contraddittorie, fonti musicali dice quanto originale riecheggi agli orecchi occidentali l'impasto sonoro di questo gruppo: emozionante, sorprendente, godibilissimo.
E riempitevi gli occhi anche con i loro videoclip colmi di idee e poesia, un'ulteriore prova di quanto sia vivace la scena artistica visuale iraniana, una delle cinematografie più ricche a livello mondiale. 
Buon ascolto e buona visione!

ps: notate nell'intro del secondo videoclip (A Thousand Tales) la citazione-omaggio a "Parole parole parole" cantata da Mina.


1) Sal Ta Sal (گروه پالت - سال تا سال)

2) A Thousand Tales (هزارتا قصه)

3) Yadegar Doost (یادگار دوست)

4) Ke mesle Kopol - ("ک" مثل کپل)

5) Ghasedak (قاصدک)




Torna alla Home Page

Letto 10934 volte