Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Lettere

Che succede a Colonia? (E a Parigi?)

Eventi manipolati dai media stanno alimentando paure e xenofobia. Una volta pavlovianamente abituati, ai cittadini toglieranno molte libertà [Giulietto Chiesa]

Redazione
venerdì 8 gennaio 2016 17:51

Elaborazione su immagine Reuters
Elaborazione su immagine Reuters


di Giulietto Chiesa (Risposta a Nicoletta Giacometti).

Buon giorno Signor Chiesa,

vorrei chiedere a Lei aiuto per chiarirmi delle cose sui fatti di Colonia. L'informazione ci dice che circa un migliaio di persone, probabilmente immigrati di origine araba, hanno aggredito, derubato ed in alcuni casi stuprato delle giovani donne svedesi. Sembra che la polizia non abbia fatto il suo dovere. Ma secondo Lei in una piazza piena di gente che festeggiava non c'erano uomini che avrebbero dovuto e potuto reagire a queste aggressioni? Questo succede normalmente negli stadi, nelle manifestazioni di piazza e come diretta conseguenza feriti da una parte e dall'altra, fermi o arresti di polizia, con relative riprese televisive ed interviste. In questo caso invece ci sono arrivate solo immagini ed interviste di ragazze per altro senza manco un graffio! Non so, tutta la faccenda non mi è chiara e le due cose che mi vengono in mente sono : ci dicono poco per non scatenare reazioni xenofobe o è tutta una montatura.
Lei che ne pensa? Grazie

Nicoletta Giacometti


È una montatura mediatica, che dice con chiarezza (a chi ha gli strumenti per capire) che c'è chi vuole far salire l'isteria della gente. Per evidenti ragioni politiche, cioè per abituare il cittadino a un clima xenofobo.
Poi, gradualmente, una volta che il pubblico sarà pavlovianamente abituato, arriveranno misure di limitazione delle libertà civili.
Guardi cosa è successo ieri a Parigi. Un giovane di 20 anni viene ammazzato come un cane in strada. La notizia della polizia dice che "aveva un coltello" (testimoni del fatto smentiscono); che ha gridato "Allah u akhbar" (testimoni del fatto smentiscono); che "aveva una cintura esplosiva" (la polizia si smentisce da sola: non aveva nessuna cintura esplosiva. Del resto come facevano a saperlo?).
Perché l'hanno ucciso? Probabilmente perché un poliziotto con i nervi tesi ha sparato.
Il resto serve per terrorizzare i parigini. E la stampa e i media fanno il resto, bevendo tutto quello che gli viene propinato e travasandolo nei cervelli dell'uomo della strada.

Giulietto.






Torna alla Home Page

Letto 12705 volte
Commenti
  • leonnam 09/01/2016 alle 17:16:34 rispondi
    Invidio chi ha le idee così chiare: io non ho ancora capito cosa è successo, certo mi insospettisce che nel mondo supercollegato ed iperinformato le notizie arrivino con una settimana di ritardo, poi cosa è arrivato?
    Giulietto è uno dei pochi che sa interpretare il mondo dei media perchè c'è stato dentro e perchè ha viaggiato e viaggia; quindi in mancanza di informazioni maggiore mi fido meglio di lui che degli urlatori caserecci.
    ...un migliaio di persone.....boh
        Auguri a tutti
  • MarcoA 09/01/2016 alle 18:42:21 , modificato il 2016-01-09, alle 18:49:06 rispondi
    Purtroppo è un grande problema per la sinistra
    Egregio Dottor Chiesa,
    mi trovo quasi sempre d'accordo con Lei, soprattutto quando si parla di politica estera.
    Stavolta mi permetta di non essere d'accordo.
    La notizia sui fatti di Colonia è stata data dal telegiornale russo il 1 gennaio.
    Quindi non è una notizia e creata dai media mainstream occidentali, che, anzi, hanno fatto di tutto per nasconderla, visto che ne hanno parlato solo il 6 gennaio quando i fatti non potevano più essere nascosti.
    Per prima cosa, noto il vergognoso silenzio delle femministe e delle donne di sinistra, Boldrini in testa, con la sola eccezione di Lucia Annunziata.
    Si pone il problema. Che per la sinistra, che non è attrezzata culturalmente ad affrontarlo ( e quindi nè dà risposte sbagliatissime ), è veramente grande.
    Il rapporto dell'islam arabo sunnita con il progresso e la civiltà.
    L'islam sunnita, soprattutto arabo, con alla guida l'Arabia Saudita, il paese più oscurantista, reazionario, medievale ed assassino del mondo, e la Turchia del tiranno islamista e negazionista dalle mani sporche di sangue Erdogan, sono incompatibili con progresso, civiltà, e con qualsiasi cosa sia anche solo minimamente di sinistra. E contro questo mostro, la Russia combatte in prima linea per tutti noi.
    E la sinistra non lo capisce.
    Considerato che la linea della Merkel e della UE dei tecnocrati è quella di sommergere l'Europa di immigrati musulmani arabi ( attenzione : quasi tutti maschi giovani soli, anche questa è una cosa molto pericolosa, che porta dritta a fatti come quelli di Colonia ), per islamizzare l'Europa stessa ( se Max Weber fosse vivo oggi, direbbe che l'islam sunnita è la religione funzionale al capitalismo neoliberale ) e per creare un poderoso esercito industriale di riserva ( la sinistra non legge più Marx ? ) per comprimere ancora di più salari e condizioni di lavoro dei lavoratori europei.
    La sinistra non lo capisce o rifiuta di capirlo ? I lavoratori europei ( quelli che lavorano nel privato ) finiranno per votare tutti l'estrema destra.
    Dopotutto negli anni '30, che dovrebbero essere un riferimento molto preciso per la situazione odierna, è già successo.
    E' successo, e può succedere ancora ( Primo Levi ).
    Per quanto riguarda la Francia .... è una situazione completamente diversa.
    La tecnocrazia UE e le elites mainstream francesi stanno creando i presupposti per l'alleanza socialisti - sarkozysti e l'arrivo della troika in Francia ( come dice Varoufakis ) magari rinforzata dallo stato di emergenza, che Hollande ha dichiarato permanente.