Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Guerra e verità

La battaglia per Aleppo e le menzogne dei giornalisti di regime

L'apice dello scandalo informativo è nella descrizione, tutta capovolta rispetto alla realtà, della battaglia per Aleppo, decisiva per le sorti della guerra. [Vincenzo Brandi]

Redazione
mercoledì 10 febbraio 2016 07:06


di Vincenzo Brandi.

Desta veramente scandalo ed indignazione il cumulo di menzogne spudorate con cui i giornalisti dei principali canali TV e dei maggiori quotidiani descrivono le operazioni militari in Siria che potrebbero segnare una svolta nel corso della guerra che insanguina il paese da quasi 5 anni. L'apice dello scandalo è raggiunto nella descrizione, del tutto capovolta rispetto alla realtà, della battaglia per Aleppo, che potrebbe rivelarsi decisiva per le sorti della guerra.
La grande città industriale, posta nel Nord della Siria, è stata sempre la capitale economica del paese. Nel 2012 la città fu attaccata da bande jihadiste di diversa tendenza, in buona parte costituite da jihadisti e mercenari stranieri, che riuscirono a circondarla quasi completamente, ad occupare alcuni quartieri periferici comprendenti varie industrie e le centrali elettrica ed idrica, e ad infiltrarsi anche in alcuni quartieri centrali.
Gli abitanti non collaborarono minimamente all'attacco, ma ne subirono tutte le conseguenze. Infatti le industrie furono tutte smantellate dai jihadisti, continuamente riforniti dalla vicina Turchia con armi e rinforzi. Le attrezzature industriali furono tutte rivendute nella stessa Turchia, ovviamente con la complicità delle autorità turche.
Poiché però la città continuava a resistere, grazie anche ad un'incerta via di rifornimento posta a Sud-Est del centro e tenuta aperta dall'esercito, i jihadisti, cui nel frattempo si erano aggiunti anche i miliziani dello Stato Islamico (o Daesh) provenienti dall'Est, da Raqqa, tagliarono l'acqua e l'energia elettrica agli assediati, bombardando nel contempo i quartieri centrali con razzi e mortai e tormentando gli assediati con sanguinosi attentati condotti con autobombe ed altri mezzi (il più grave e micidiale fu condotto contro l'Università con la morte di decine di studenti). Su tutto questo vi sono, tra le altre, le continue testimonianze dei vescovi delle comunità cristiane cittadine, che riferiscono anche di aver fatto scavare pozzi nei recinti delle chiese per alleviare le sofferenze della popolazione assetata, testimonianze che i giornalisti non potevano ignorare, anche se non avessero voluto prestare fede alle dettagliate notizie fornite dall'agenzia siriana SANA, o dalle fonti russe (Sputnik-edizione italiana) e libanesi (Al Manar).
La controffensiva dell'esercito siriano, scattata negli ultimi mesi del 2015 con l'appoggio dell'aviazione russa, è diretta innanzitutto a "liberare" la città dall'assedio. L'esercito è quindi avanzato "dal centro della città verso la periferia e le località vicine" per allontanare gli assedianti. Verso Nord-Est è stata "liberata" la grande base militare di Kuweiri, posta a circa 25 kilometri e assediata da oltre tre anni, respingendo i miliziani di Daesh verso l'Eufrate. Verso Nord-Ovest sono state "liberate" due cittadine distanti circa 40 Kilometri, assediate anch'esse dal 2012 dai jihadisti  di Al Nusra (ramo siriano di Al Queda) e dai loro alleati di Ahrar Al Sham e dell'Esercito Libero Siriano . L'agenzia SANA ha mostrato le folle festanti che accolgono l'esercito "liberatore". Anche verso Sud-Ovest l'esercito avanza per riaprire le strade verso le province di Homs ed Hama e permettere un maggior afflusso di rifornimenti essenziali alla popolazione.
Ebbene, le parole usate dai nostri giornalisti di regime dicono vergognosamente l'esatto opposto della realtà. Secondo loro (e secondo le veline che ricevono) sarebbe l'esercito nazionale che "avanza verso Aleppo" per "riconquistarla", come se la città fosse in mano ai rivoltosi e ai mercenari stranieri, e non invece assediata da oltre tre anni dai jihadisti. Da Aleppo gli abitanti fuggirebbero verso la Turchia, terrorizzati dai bombardamenti russi.
In realtà all'interno del perimetro cittadino non si combatte più. I gruppi jihadisti e mercenari che si erano infiltrati in città sono accerchiati ed hanno solo la prospettiva di arrendersi o raggiungere un accordo con il governo simile a quello raggiunto dai jihadisti che erano accerchiati in un quartiere isolato di Homs e furono accompagnati alla frontiera turca con degli autobus forniti dal governo.
Il fronte si trova ormai molto a Nord della città a soli 20 Kilometri dalla frontiera turca (notizia del 7 febbraio). L'esercito nazionale vuole raggiungere la città frontaliera di Azaz per bloccare i continui rifornimenti di armi e mercenari stranieri che la Turchia fa affluire. Anche in altre zone della Siria, come nell'estremo Sud nella provincia di Deraa, l'esercito respinge  i Jihadisti verso la Giordania (che prudentemente sta cambiando il suo atteggiamento ostile verso il governo siriano), mentre anche il tratto di frontiera con la Turchia nel Nord della provincia di Latakia (dove venne proditoriamente abbattuto da un missile  turco un aereo russo)  è ormai sotto il controllo dell'esercito che blocca le infiltrazioni dei mercenari.
Di fronte a questa svolta nella guerra i nostri giornalisti, che per anni hanno ignorato la fame e la sete dei civili intrappolati ad Aleppo e taciuto sulle loro condizioni drammatiche per cui molti hanno abbandonato la città e sono finiti profughi, ora si stracciano le vesti parlando dei civili che fuggono dalle zone dei combattimenti. Facendo eco alla propaganda ed alle richieste dei due avventurieri criminali, il presidente turco Erdoğan ed il suo primo ministro Davutoğlu, tra i principali responsabili del massacro siriano insieme ai Sauditi e agli USA, chiedono la fine dei "bombardamenti russi". Ma questo fervore pseudo-umanitario nasce solo dal fatto che i mercenari al servizio del neo-colonialismo e dell'imperialismo occidentale e delle monarchie oscurantiste del Golfo stanno perdendo la guerra e che la Siria, con l'aiuto della Russia, dell'Iran e degli Hezbollah libanesi, si dimostra un osso più duro del previsto. Quando i popoli resistono è vero che "l'imperialismo è una tigre di carta".



PANDORA TV - SERVIZIO CORRELATO:

Siria: la riconquista dei confini

Video tratto da pandoratv.it/?p=6130



DONAZIONE



Letto 7838 volte
Commenti
  • Laertino 10/02/2016 alle 12:20:47 rispondi
    Incredulità
    Ieri sera, nell'ascoltare l'edizione principale del TG3 della Berlinguer, in un crescendo di incredulità, ho sentito il corrispondente infilare una castroneria dietro l'altra:
    l'Esercito Siriano era ormai ridotto ai minimi termini;
    era diventata una guerra di religione tra sunniti e sciti;
    la gente veniva massacrata dai bombardamenti russi.
    Ci sono modi e modi per fare i servi, ma perché si sceglie sempre il modo peggiore?