Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Musicachip

Una canzone contro il tabù della guerra

Oceans on the Moon. Un progetto musicale per la pace. Per dare un aiuto concreto a chi è vittima della guerra.

Redazione
venerdì 1 aprile 2016 11:03

di Redazione

Segnaliamo con piacere questo progetto del gruppo rock genovese Oceans on the Moon. Un progetto musicale per la pace. Per dare un aiuto concreto a chi è vittima della guerra. Sosteniamolo! (pfdi)




***


CHI SIAMO

Ciao, siamo gli Oceans on the Moon, un progetto genovese di rock elettronico. Abbiamo all'attivo un album, Tidal Songs (New Model Label,2014), che ha ricevuto buona stampa su Ondarock e Rockit. Abbiamo partecipato alla colonna sonora del documentario Il più grande successo dell'euro (2014), il primo film italiano sulla crisi greca e sugli effetti delle politiche di austerità, recensito da diversi prestigiosi quotidiani italiani e trasmesso, parzialmente, dalla tv nazionale svizzera. L'attuale campagna di crowdfunding è finalizzata a sostenere la produzione di un singolo (e relativo video), dal titolo Unconscious killer.


DI COSA PARLA IL BRANO?

Unconscious killer parla di un tema a noi tanto vicino, e purtroppo altrettanto lontano, in termini di interesse da parte del mondo culturale italiano ed europeo: la guerra.

E' piuttosto desolante la sensazione che si prova, quando ci si accorge che solo un'esigua percentuale di artisti, soprattutto tra i giovani e gli indipendenti, riserva qualche interesse a un tema di tale gravità.

Il nostro obiettivo, componendo questo brano, è di contribuire, nel nostro piccolo, a riaccendere i riflettori su una delle questioni più gravi e impellenti che possano essere discusse al giorno d'oggi.

La guerra non è una realtà astratta e lontana. Essa ci coinvolge a ogni livello, anche se l'anestesia emotiva e la fuga dalla realtà che ci propinano i social network e i media sembrano, illusoriamente, tenerla lontana dal nostro orizzonte. Soltanto la tragica crisi dei rifugiati sembra risvegliare il mondo della cultura e l'opinione pubblica dal letargo, razionale ed emozionale. La guerra però è tanto altro: è distruzione delle identità, dei rapporti sociali, degli equilibri politici ed economici.

Unconscious killer parla della guerra dal punto di vista di un soldato, costretto ad uccidere per non essere ucciso, che si confronta con l'ipocrisia di un sistema che lo loderà come "uomo di pace" per aver tolto la vita ad altri esseri umani, trovatisi come lui in un tritacarne senza speranza di redenzione.

Questo è il testo di una canzone, è fiction. Ma è anche la realtà per tante popolazioni, a distanza ravvicinata da noi. Più vicini di quanto siamo portati a pensare, dall'interno della realtà virtuale in cui siamo immersi.


COSA FAREMO CON IL VOSTRO SUPPORTO

Dedicheremo grande cura alla produzione di questo brano. Siamo in contatti avviati con Luca Vicini dei Subsonica, al quale abbiamo già parlato del singolo che intendiamo realizzare, e che potrebbe esserne il produttore designato. Realizzeremo un videoclip, che sia in linea con il messaggio che intendiamo veicolare. Inoltre, penseremo nel concreto a chi, come dicevamo, patisce queste situazioni drammatiche ogni santo giorno passato sulla Terra.

Per questo, abbiamo deciso di devolvere parte dei ricavi di questa campagna alle attività di Music For Peace.

Music for Peace è divenuta negli anni un punto di riferimento nel cuore di Genova per tutti coloro che vogliono aiutare ed essere aiutati: studenti, insegnanti, istituzioni, volontari, lavoratori, aziende, artisti, sportivi, tutti coloro che credono in un progetto di solidarietà tangibile.

Music for Peace ha oggi all'attivo 18 missioni umanitarie all'estero e importanti interventi sul territorio: dal terremoto in Abruzzo alle alluvioni in Liguria.

La politica portata avanti da quest'organizzazione è particolare: non chiedono fondi in denaro, ma la donazione di generi di prima necessità, che distribuiranno nelle loro attività.

Ci impegniamo a documentare minuziosamente come useremo le quote dedicate a Music For Peace, che diventeranno pacchi di pasta, di riso, medicinali, tutto ciò che può servire nell'immediato ad aiutare popolazioni in sofferenza. Puoi anche decidere di aiutarci, senza dare un contributo a Music For Peace. In questo caso, oltre a ringraziarti già adesso, possiamo offrirti i servizi che abbiamo deciso di dedicare a tutti coloro che ci aiuteranno: una dedica video, il download digitale in anteprima, una copia del nostro prossimo album in fase di lavorazione, e altre opportunità.

Aiutaci a fare qualcosa di speciale.


PARTECIPA ALLA CAMPAGNA DI CROWDFUNDING




Torna alla Home page


Letto 7297 volte