Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Pensieri lunghi

Sul ciglio delle (loro) elezioni

Oltre a quelli internazionali, nascono gravi conflitti interni anche in seno alla Superpotenza, che non è immune dalla crisi sistemica. Primo segno: queste elezioni USA [Piotr]

Redazione
domenica 6 novembre 2016 23:48

di Piotr.

La Russia sta cercando in tutti i modi - sia nei negoziati diplomatici sia nel suo appoggio pratico - di unire in un unico dossier tutti i conflitti, dal quello nella Novorussia, a quello in Siria, nell'Iraq a quello nello Yemen e ora anche quello in Libia. Il motivo dovrebbe essere evidente anche: sono tutti legati e parte della stessa strategia.
Una strategia che ha visto tre tappe:
1) decisione nel 2001 (vedi "rivelazioni" del generale Wesley Clark),
2) pianificazione tra il 2006 e il 2008)
3) implementazione a partire dalle "primavere arabe" (benedetta dal discorso al Cairo di Obama). A cui si è aggiunto l'«inserto» ucraino, ad uso e consumo dell'Europa; una sorta di fuori programma offerto dalla coppia Clinton-Nuland.

Il fatto che l'Arabia Saudita sia impresentabile sotto tutti i punti di vista, permette agevolmente di indirizzare gli sforzi dei pacifisti (mi riferisco qui a quelli sinceri, non ai doppiopesisti) su battaglie focalizzate contro di essa [1]. E' quanto sta succedendo da alcune settimane. Ma se è giusto attaccare appena si può i Saud, è tuttavia impossibile scollegare lo Yemen dalla Siria e dagli altri teatri di crisi.
Io personalmente devo anche capire compiutamente perché parte del mainstream se la stia ora pigliando con l'Arabia Saudita dopo anni di assordante e inammissibile silenzio. Per cavalcare le emozioni per motivi giornalistici e/o di audience? Forse, ma non può essere l'unico motivo. Tremendi fatti che generano (o dovrebbero generare) emozione, avvengono tutti i giorni nei Paesi che abbiamo menzionato. Penso quindi che ci siano ragioni più ampie. Ad esempio, negli USA è da tempo attiva una parte dell'establishment che vorrebbe balcanizzare l'Arabia Saudita e gli statunitensi sono spesso veramente stufi dell'infezione wahhabita. Un'altra ragione è che scaricare responsabilità sui Saud è agevole e fa comodo.

Come al solito negli USA regna l'usuale confusione, che ormai ha assunto i tratti di un dualismo di potere.
Considerate questa sequenza:
1) Bombardamento del funerale nello Yemen.
2) Indignazione popolare amplificata anche dai media mainstream col concorso delle solite "ONG governative" (altra definizione non mi viene in mente).
3) Dichiarazione governativa che gli USA rivedranno il loro sostegno ai Sauditi.
4) Bombardamento su postazioni degli Houthi direttamente da parte di una nave da guerra statunitense.
Ovviamente gli eventi 3 e 4 sono in contraddizione tra loro e sono avvenuti a distanza di tre giorni. Addirittura la metà del tempo trascorso tra gli accordi Lavrov-Kerry e il bombardamento di Deir Ez-Zor.

Insomma, lo scontro tra le strane posizioni accomodanti di Donald Trump in politica internazionale e le cristalline posizioni guerrafondaie della Clinton, che vediamo agitarsi sul palcoscenico del teatrino delle elezioni presidenziali statunitensi, è già in atto in modo crudo nella realtà. E' uno scontro che passa anche all'interno del Partito Repubblicano, e questo lo si sa perché ne parlano tutti i media (pro domo clintoniana). Ma passa anche attraverso quello Democratico (e ciò sembra fuori dal radar dei commentatori).
Da una parte le posizioni della Clinton rischiano seriamente di alienare totalmente i voti che erano andati a Sanders, dall'altro nonostante Obama appoggi formalmente la Clinton ho l'impressione che cerchi di farle un po' il prato inglese sotto i piedi, con inserimenti last minute qua e là in posti chiave di persone a lui fedeli che la potranno intralciare nei suoi progetti e nelle sue velleità da presidente. La nuova bordata dell'FBI contro Killary potrebbe far parte di queste mosse. La Clinton potrebbe arrivare alla Casa Bianca già azzoppata, se ci arriva. E anche le botte ai sauditi, sodali della Clinton, potrebbero essere mosse di questo gioco.
Dietro a ciò ci sono molte cose, di tipo anche assai differente. Intanto, a Obama piacerebbe rendere alla Clinton pan per focaccia, dopo che lei direttamente o con le persone che a lei fanno riferimento, lo ha intralciato almeno dalla metà del primo mandato e pesantemente nel secondo. In secondo luogo, come si è detto, il Partito Democratico si sta spaccando non meno di quello Repubblicano, come dimostra il fatto che hanno dovuto fare un colpo di mano per escludere Sanders dalla corsa alla Casa Bianca rischiando però così milioni di voti e disgustando migliaia di militanti; e Obama e i suoi ne stanno tenendo conto [2].
In terzo luogo sembra che Michelle sia stata l'anima politica moderata dietro la confusa e ondivaga politica internazionale del marito Barack e - qui sta un ulteriore punto - non è escluso che Michelle stia preparando tramite il marito il terreno per una sua futura candidatura. E Michelle non deve amare molto Hillary, visto che ha preso al balzo la nuova inchiesta dell'FBI per cancellare ogni riferimento della Clinton dai suoi accounts Twitter.

In termini sistemici cosa significa tutto ciò, ammesso che le cose stiano andando come le ho descritte? Significa che la marcia trionfale neocon post Torri Gemelle si sta sempre più inceppando, perché il ruolino di marcia non è stato rispettato.
Ricordo i sette Stati che secondo la testimonianza del generale Clark, il Pentagono aveva deciso nel 2001 di far fuori ("take out") in cinque anni, ovvero entro il 2006: Iraq, Siria, Libano, Libia, Sudan, Somalia e Iran (ovviamente con l'Afghanistan come apripista).
E siamo nel 2016, dieci anni dopo la scadenza, con i rottamatori impantanati in Novorussia, Afghanistan, Iraq, Siria, Libia, Yemen e fuori dai piedi dell'Iran. E questo ha dato il tempo a Russia e Cina di diventare temibili sia militarmente sia economicamente. Molto temibili.
Significa, come conseguenza, che la finanziarizzazione a guida occidentale, deve fare i conti a scadenze sempre più frequenti con la realtà, ovvero col fatto che è un cumulo di carta straccia.
Significa che la politica, ovvero il Potere del Territorio, ha perciò necessità di sganciarsi dal Potere del Denaro nella sua forma finanziarizzata per affrontare la crisi sistemica facendo prevalere un punto di vista squisitamente politico. Un punto di vista che deve obtorto collo adeguarsi a una configurazione multipolare del mondo. Cosa che, a sua volta, vuol dire tra le altre cose che i capitali che, per trilioni di dollari, sono tenuti in vita artificialmente dovranno essere macellati, con tutte le conseguenze politiche e sociali che ne seguiranno e che richiederanno una gestione pesantemente politica (da cui l'importanza sempre maggiore dell'allerta democratica - vedi Referendum costituzionale).

Non è la prima volta nella storia del capitalismo che la politica si sgancia dall'economia (con buona pace dei marxisti economicisti).
Durante lo sgretolamento dell'egemonia britannica (che era basata in Occidente sul gold-standard e il libero mercato unilaterale britannico, e in Oriente e in Africa sulla forza) il New Deal negli Usa e i fascismi in Europa fecero la stessa cosa. E ovviamente lo faceva lo stalinismo in Russia, con tutt'altro progetto in testa.
La spiegazione ultra sintetica e ultra sintetizzante di quei fenomeni è questa, pur con tutte le loro evidenti differenze politiche e le loro differenti motivazioni.
Non sto assolutamente equiparando i tre fenomeni, sto dicendo che furono tutti espressioni di una supremazia della Politica sull'Economia e specialmente sulla finanza, nonostante la classica interpretazione di sinistra del fascismo come alleanza tra finanza e potere agrario. E' anche evidente che ciò non significa automaticamente un allontanamento della guerra, come la Seconda Guerra Mondiale è infatti lì a dimostrare. Ma significa che l'ottica potrebbe cambiare e di molto e che oltre a quelli internazionali, sono destinati a nascere gravi conflitti interni, anche in seno alla Superpotenza che non è certo immune dalla crisi sistemica e dal suo conseguente caos, visto che proprio da lì nasce.

EXCURSUS. E' importante sottolineare una cosa. Quando l'Impero Britannico decise di non adeguarsi alla multipolarità che stava emergendo nel mondo ed ebbe inizio la Prima Guerra Mondiale (che fu il primo atto della tragedia che si concluse con la Seconda), le ultime grosse guerre che si erano combattute in Europa erano state quella di Crimea con circa 150.000 morti in battaglia (molti di più per malattie) e la guerra Franco-Prussiana con circa 160.000 caduti. Era a quei tipi di guerre che i Comandi e gli Stati pensavano, perché quella era la loro esperienza. La Guerra di Secessione americana era stata un enorme massacro con circa 600.000 morti. Era un campanello d'allarme, ma era pur sempre considerata una questione interna [3].
Oggi tutti sanno perfettamente che cosa significherebbe una Terza Guerra Mondiale.
Insomma, in questo caos è più che logico che spesso non si possa procedere che a tentoni. E se è già difficile che noi ci si raccapezzi nel caos (per lo meno parlo per me), figuriamoci quando dobbiamo esporci all'esterno, prendendo posizione. E' ben difficile prendere e soprattutto motivare posizioni durante il caos sistemico, quando le alleanze internazionali assumono sempre più una geometria variabile che a volte nemmeno è nettamente individuabile e quando - per lo meno in questa fase - sono gli Stati (anch'essi affetti dal caos sistemico) a condurre i giochi e sono questi giochi a dettare le forme della risposta popolare e non il contrario.
Dobbiamo tuttavia ad ogni costo sforzarci di collegare ciò che le persone sentono, provano, vivono e subiscono, con le grandi linee di tendenza, se possibile anticipando le mosse dell'avversario. Dobbiamo cercare cioè di orientarci e poi orientare. Dobbiamo quindi evitare di rispondere di rimessa e, meno che meno, dimenticarci del quadro generale. E lo possiamo fare solo facendo due cose che sembrano in contraddizione tra loro: mandare al diavolo i dogmi e contemporaneamente non cadere nell'eclettismo.


NOTE

[1] Ciò non toglie che recentemente la Russia sia stata esclusa dal Consiglio per i Diritti Umani dell'ONU  (UNHCR) dove invece è stata rieletta l'Arabia Saudita. Penso che ciò illustri chiaramente la misera fine che ha fatto questo concetto (nella pratica reale, non nel mondo dei bei sogni). E' sorprendente che Alessandro Di Battista se la pigli non per questo ma perché nell'UNHCR è stato eletto l'Egitto il cui governo è ossessivamente ed erratamente visto come il mandante dell'assassinio Regeni.
[2] Adam Walinsky, da sempre democrat, collaboratore di J. F. Kennedy, assistente legislativo e speechwriter di Bob Kennedy, ha dichiarato che per il bene della pace mondiale voterà Donald Trump.
[3] La maggior parte degli storici continua a considerarla una mera questione interna statunitense, ma io non finirò mai d'insistere che invece sarebbe ora che si iniziasse a riconoscere che è stata proprio la Guerra Civile Americana a segnare il passaggio all'Epoca Contemporanea.



Torna alla Home Page

Letto 4479 volte