Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Democrazia nella comunicazione

Il rimpasto nudo

Dopo il crash del renzismo, il Sistema s'è riavviato ripristinando la configurazione precedente. [A. Daniele]

Redazione
martedì 10 gennaio 2017 22:37

di Alessandra Daniele

"Questo governo non è il Renzi bis, è il Monti quater."

(Alberto Bagnai, economista, a Coffee Break)


Non è difficile riconoscere nella plumbea sobrietà di Mattarella e Gentiloni la stessa matrice di Monti. Lo stesso sprezzante classismo del ministro del Lavoro Poletti, parallelo al classismo razzista del ministro dell'Interno Minniti. La reificazione sistematica degli esseri umani da vendere e comprare come un pacchetto di sigarette, classificati in base al loro valore di mercato, espressa in modo così eloquente dalla definizione "migranti economici". Dopo il crollo rovinoso della facciata posticcia renziana è di nuovo sotto gli occhi di tutti il volto metallico della tecnocrazia al potere.

Quell'oligarchia finanziaria che aveva scelto Renzi come frontman, sperando che catalizzasse le spinte antisistema per metterle al servizio del solito piano di smantellamento della Costituzione antifascista, e sostituzione della Repubblica democratica con un'altra struttura più congeniale alle esigenze del mercato. Gli era quindi stato affidato il volante del PD perché lo guidasse alla vittoria. Matteo Renzi l'ha schiantato contro un muro. Tre volte di seguito. Regionali, comunali, referendum.

Nonostante il sostegno di tutti i poter forti, con l'adesione compatta e servile dei media mainstream, in soli due anni il Cazzaro, coi suoi strapagati consigliori americani, le sue ministre-immagine, e tutta la sua corte di spocchiosi incapaci, ha perso tutto quello che c'era da perdere. Matteo Renzi non è solo un perdente, è un recordman della disfatta.

Dopo il crash del renzismo, il Sistema s'è riavviato ripristinando la configurazione precedente. L'oligarchia si ritrova ancora una volta a dover escogitare una legge elettorale che rappresenti la volontà popolare il meno possibile, e nello stesso tempo consenta Grossolane Koalition permanenti, telecomandate dall'Unione Europea, sulle quali l'esito del voto possa produrre al massimo un rimpasto con l'espulsione di qualche sottosegretario indigesto, sputacchiato fuori come i canditi del panettone.

Dato il suo fallimento, gli interessi e la carriera di Renzi non sono più in cima alle preoccupazioni dei suoi committenti. Gliel'ha detto chiaro Mattarella nel messaggio di fine anno: Matteo stai sereno, non si voterà né quando né come servirebbe a te. Tutte le trattative sono riaperte. L'era della velocità è finita.

La mia rubrica Scheggetaglienti compie nove anni. Il primo post riguardava il dibattito sulla legge elettorale:

Allora Ponzio Pilato chiese alla folla di scegliere tra Gesù e Barabba, e subito la folla si divise.

Metà chiedeva di votare col sistema uninominale secco, l'altra metà preferiva il proporzionale con sbarramento al 3%.

Allora Ponzio Pilato chiese alla folla di scegliere con quale sistema scegliere, e subito la folla si divise.

Metà chiedeva una raccolta di firme per un referendum propositivo, l'altra metà preferiva una legge costituzionale da sottoporre a referendum abrogativo.

Allora Ponzio Pilato chiese alla folla di scegliere con quale sistema scegliere il sistema col quale scegliere, e subito la folla si divise.

Metà chiedeva l'istituzione di una commissione apposita, l'altra metà preferiva il televoto.

Allora Ponzio Pilato guardò Gesù e Barabba, e lanciò una moneta.

Uscì croce.

La moneta di Pilato ovviamente ha due croci.


(8 gennao 2017)


Link articolo © Alessandra Daniele © Carmilla online.

Schegge taglienti è il blog personale di Alessandra Daniele.





Torna alla Home Page

DONAZIONE



Letto 1890 volte