Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Cronache internazionali

Le confessioni del criminale John Kerry

La guerra alla Siria è il primo conflitto dell'era informatica a durare oltre 6 anni. Documenti destinati al segreto sono già stati pubblicati. [T. Meyssan]

Redazione
giovedì 19 gennaio 2017 23:20


«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°219
di Thierry Meyssan.


La guerra contro la Siria è il primo conflitto dell'epoca informatica a durare oltre sei anni. Numerosissimi documenti che sarebbero dovuti rimanere a lungo segreti sono già stati pubblicati. Benché siano stati divulgati [in misura diversa, ndt] in Paesi diversi e l'opinione pubblica non abbia così potuto prenderne piena consapevolezza, essi consentono sin da ora una ricostruzione degli avvenimenti. La pubblicazione della registrazione di quanto dichiarato da John Kerry in privato, a settembre scorso, rivela la politica del Dipartimento di Stato americano e costringe tutti gli osservatori, noi compresi, a rivedere le proprie analisi.



La registrazione integrale dell'incontro del segretario di Stato John Kerry con membri della Coalizione nazionale siriana delle forze dell'opposizione e della rivoluzione, avvenuta il 22 settembre nei locali della delegazione olandese alle Nazioni unite, pubblicata da The Last Refuge, rimette in causa la nostra analisi della posizione USA nei confronti della Siria [1].
In primo luogo, avevamo creduto che Washington, dopo aver dato inizio all'operazione chiamata "Primavera araba", finalizzata a rovesciare i regimi laici a beneficio dei Fratelli Mussulmani, avesse lasciato i propri alleati da soli a dare l'avvio alla Seconda guerra contro la Siria, iniziata a luglio 2012. E avevamo creduto che, perseguendo questi alleati obiettivi propri (ricolonizzazione per Francia e Regno Unito; conquista del gas per il Qatar; espansione del wahabismo e vendetta della Guerra civile libanese per l'Arabia saudita; annessione della Siria del nord per la Turchia, secondo il modello cipriota, ecc.), l'obiettivo iniziale fosse stato abbandonato. Invece, nella registrazione si sente John Kerry affermare che Washington non ha mai rinunciato ai tentativi di rovesciamento della Repubblica araba siriana. Ciò significa che gli USA hanno seguito passo per passo l'operato degli alleati. Di fatto, negli ultimi quattro anni gli jihadisti sono stati comandati, armati e coordinati dall'AlliedLandCom (Comando delle forze terrestri) della NATO, basato a Smirne (Turchia).

In secondo luogo, John Kerry riconosce che Washington non poteva esporsi maggiormente per due ragioni: il diritto internazionale e la posizione della Russia. Sia chiaro, gli Stati Uniti non hanno mai avuto scrupoli a violare il diritto internazionale: hanno distrutto le strutture nodali della rete petrolifera e del gas della Siria, con il pretesto di combattere gli jihadisti (ciò che è conforme al diritto internazionale), senza però che il presidente al-Assad glielo avesse chiesto (quindi, in violazione del diritto internazionale). 
Non hanno invece osato mandare truppe terrestri per combattere in campo aperto la Repubblica siriana, come viceversa avevano fatto in Corea, in Vietnam e in Iraq. E hanno scelto di mandare in prima linea i loro alleati (secondo la strategia della leadership from behind - leadership occulta) e di sostenere, senza peraltro grande discrezione, i mercenari, come avvenne in Nicaragua, rischiando di venire condannati dalla Corte internazionale di Giustizia (il tribunale dell'ONU). 
In realtà, Washington non vuole imbarcarsi in una guerra contro la Russia. E, dal canto suo, la Russia, che non si era opposta alla distruzione della Jugoslavia e della Libia, ora ha rialzato la testa e spinto più in là il limite da non oltrepassare. Mosca è in condizione di difendere il Diritto con la forza, qualora Washington ingaggiasse apertamente una nuova guerra di conquista.




In terzo luogo, quanto detto da John Kerry dimostra che Washington sperava in una vittoria di Daesh sulla Repubblica siriana. Fino a oggi, basandoci sul rapporto del generale Michael Flynn del 12 agosto 2012 e dell'articolo di Robert Wright sul New York Times del 28 settembre 2013, avevamo ritenuto che il Pentagono volesse creare un "Sunnistan" a cavallo tra Siria e Iraq, per tagliare la via della seta. 
Nella registrazione Kerry confessa che il piano andava ben oltre. Probabilmente, Daesh avrebbe dovuto prendere Damasco per poi venirne cacciato da Tel Aviv (ossia, ripiegare sul "Sunnistan", appositamente creato). La Siria avrebbe potuto così essere spartita: il sud a Israele, l'est a Daesh, il nord alla Turchia.

Ciò fa capire perché Washington abbia dato l'impressione di non controllare nulla, di "lasciar fare" gli alleati: gli Stati Uniti hanno indotto Francia e Regno Unito a impegnarsi nel conflitto, facendo loro credere che avrebbero potuto ricolonizzare il Levante, [mentre], al contrario, avevano già deciso che sarebbero stati esclusi dalla spartizione della Siria.


In quarto luogo, John Kerry, ammettendo di aver "sostenuto" Daesh, riconosce di averlo armato. La retorica della "guerra contro il terrorismo" si riduce perciò a nulla. 
‒ Dall'attentato del 22 febbraio 2006 alla moschea al-Askari di Samarra [Iraq, ndt], sapevamo che Daesh (che inizialmente si chiamava "Emirato islamico dell'Iraq") era stato creato dal direttore nazionale dell'intelligence USA, John Negroponte, e dal colonnello James Steele per stroncare la Resistenza irachena e provocare una guerra civile, sul modello di quanto fatto in Honduras. 
‒ Dopo la pubblicazione sul quotidiano del PKK [Partito dei lavoratori del Kurdistan, ndt], Özgür Gündem, del processo verbale della riunione di pianificazione, tenutasi ad Amman il 1° giugno 2014, sapevamo che gli Stati Uniti avevano organizzato un'offensiva congiunta di Daesh su Mosul, e del governo regionale del Kurdistan iracheno su Kirkuk. 



In quinto luogo, abbiamo ritenuto che il conflitto tra il clan Allen/Clinton/Feltman/Petraeus da un lato, e l'amministrazione Obama/Kerry dall'altro vertesse sul sostegno o no a Daesh. Non è affatto così. Entrambi i campi non hanno avuto scrupoli a organizzare e sostenere gli jihadisti più fanatici. Il loro disaccordo attiene esclusivamente al ricorso alla guerra aperta - e al rischio di un conflitto con la Russia - o alla scelta di manovrare dietro le quinte. Solo Flynn, attuale consigliere per la sicurezza di Trump - si è opposto allo jihadismo.
Se accadesse che, fra qualche anno, gli Stati Uniti crollassero, com'è accaduto per l'URSS, la registrazione di John Kerry potrebbe essere utilizzata contro di lui e contro Obama davanti a una giurisdizione internazionale - ma non davanti alla Corte penale internazionale dell'ONU, ormai screditata. 
Avendo riconosciuto la veridicità degli estratti pubblicati dal New York Times, Kerry non potrebbe contestare l'autenticità del documento sonoro integrale. Il sostegno a Daesh che Kerry esibisce vìola parecchie risoluzioni delle Nazioni Unite e costituisce una prova della responsabilità sua e di Obama nei crimini contro l'umanità commessi dall'organizzazione terrorista.


NOTA
[1] "Absolutely Stunning - Leaked Audio of Secretary Kerry Reveals President Obama Intentionally Allowed Rise of ISIS.", The Last Refuge (The Conservative Tree House), January 1, 2017.

Traduzione a cura di Rachele Marmetti - Il Cronista 


Letto 5642 volte
 
Connetti
Utente:

Password: