Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Giulietto Chiesa - Alternativa

La lotta mortale tra due 'Americhe profonde'

Questo popolo americano (la grande maggioranza) non piace all'America dei grandi giornali e della grandi tv mondiali, delle Banche e delle Grandi Corporations [Giulietto Chiesa]

Redazione
venerdì 17 febbraio 2017 19:16

di Giulietto Chiesa.

Una è quella che ha eletto Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti. Profonda perché rappresenta bene  il "popolo" americano. Non quello che da decenni ci viene raccontato instancabilmente dai corifei dell'America hollywoodiana, quella delle bollicine di superficie, quella della Coca Cola e di Silicon Valley, quella delle "modernità", degli i-phone, della globalizzazione, della crescita, del progresso, dei consumi, dei record, del siamo i migliori, e siamo insostituibili.
Insomma: il popolo americano era ed è altra cosa rispetto a tutta questa paccottiglia propagandistica. Dire cos'è è faccenda complicata.
Merito di Trump, forse l'unico, è di avere dato voce all'America dei diseredati. Più semplice e vero è dire che questo popolo americano (la grande maggioranza degli americani) non piace all'America dei grandi giornali e della grandi tv mondiali, all'America delle Banche e delle Grandi Corporations (che, tutti insieme, sono molto meno del famoso 1% di cui parlarono quelli di "Occupy Wall Street). Anzi, a proposito, si ha l'impressione, fondata, che tutti costoro adesso siano in piazza negli USA dalla parte di quel famoso "molto meno dell'1%".

L'altra "America profonda" è proprio quella dei "molto meno dell'1%". Che si è coalizzata contro la maggioranza del proprio popolo. Le sue armi sono quelle del Potere che si sente minacciato dalla maggioranza. In testa a tutti il possente schieramento del servizi segreti americani, del Pentagono, dei produttori degli armamenti strategici, dei gestori dei sistemi di controllo della cosiddetta "pubblica opinione".

Lo scontro è tra queste due Americhe. E Donald Trump è la posta in gioco. Donald Trump è arrivato al potere e questo, di per sé, rappresenta un dato nuovo, intollerabile per chi ha dominato l'America e il mondo occidentale intero dal momento in cui gli Stati Uniti sono divenuti prima la potenza mondiale numero uno, e poi l'unica, cioè dal 1945 ad oggi. Un protagonista "rischioso" per molti aspetti, che va o ricondotto nei ranghi, o tolto di mezzo, prima che possa compiere qualche gesto che possa mettere a repentaglio il "consenso washingtoniano". Cioè il cemento di interessi che ha tenuto insieme la Nato, l'ha estesa oltre ogni limite, e ha costretto tutti gli alleati sotto il dominio del "molto meno dell'1%" degli americani.
Le convulsioni cui stiamo assistendo, e che coinvolgono tutto l'occidente, sono l'effetto di questo scontro. È ormai chiaro che Donald Trump non dispone di una vera strategia alternativa a quella dei suoi avversari. Il suo slogan di fare "di nuovo grande l'America", è troppo generico per sbaragliare il nemico interno. Può piacere a un pubblico abbrutito dalle manipolazioni cui i dominatori l'hanno sottoposto per decenni, anzi per secoli. Può apparire seducente a un pubblico che non conosce il "resto del mondo". Ma non può convincere gli alleati occidentali inquieti.
Le speranze sollevate dalle dichiarazioni del neo-presidente nei paesi che non fanno parte del "consenso washingtoniano" stanno vacillando dopo i suoi primi tentennamenti. In Russia, in Cina, in Iran, in Palestina, in Medio Oriente, ci si chiede cosa voglia fare Trump per "resettare" davvero le relazioni tra la "sua" America e il resto del mondo. E se egli possa farlo con la "squadra" di uomini che ha scelto per realizzare la sua politica. E, infine, se egli possa fronteggiare lo schieramento che l'America profonda del potere sta armando per espellerlo dai suoi ranghi.
In ogni caso sotto gli occhi di tutti  si sta consumando la crisi dell'America intera.  E quella che ne uscirà non potrà essere più l'"Egemone" incontrastato che ha dominato il mondo.





SERVIZIO CORRELATO SU PANDORA TV:

Tratto da: http://www.pandoratv.it/?p=14560

Torna alla Home Page

DONAZIONE


Letto 5422 volte
Commenti
  • penzones 18/02/2017 alle 18:48:47 , modificato il 2017-02-18, alle 19:54:42 rispondi
    Dopo l'11 settembre dovremmo stare con gli occhi bene aperti...
    Non c'è nessun "Trump imprevisto". Battere su questo tasto è ingenuo e può procurare brutte sorprese, soprattutto se ci adattiamo alle proposte che arrivano da questo presunto "nuovo" senza un'attenta valutazione. Già analisti del calibro di Paul Craig Roberts e F. William Engdahl hanno messo in luce, senza ombra di dubbio che Trump è solo un burattino nelle mani di quelle lobby che hanno scelto una diversa strategia a fronte dei radicali cambiamenti negli equilibri internazionali derivati dall'alleanza russo-cinese. Come si vede dalla posizione a proposito della conferma del pieno patrocinio americano alla NATO (il paventato abbandono serviva a scucire più saldi all'alleato europeo), nello specifico Trump sta facendo la parte del poliziotto buono e il Pentagono la parte di quello cattivo. In sostanza Trump dice a Putin: vedi io sono con te. Tu abbandona questi tuoi alleati che non hanno speranza perché la "grande America" ha deciso che non ne permetterà l'esistenza, e vieni da noi che volentieri ti accogliamo nella tenda della NATO, altrimenti, io non potrò fermare quei cattivi del Pentagono che ammassano truppe ai tuoi confini. Sarebbe inconcepibile e sovranamente stupido che la Russia cedesse a minacce che non hanno nessuna reale consistenza (l'unica vera minaccia è la dislocazione dei sistemi missilistici rispetto alla quale la Russia sta già prendendo le adeguate contromisure). Lo stesso dicasi per le "concessioni". Vogliono concedere il riconoscimento della Crimea? Ma se la Crimea è da 300 anni che è russa, come sono russi i suoi abitanti che sovranamente hanno deciso! Vogliono concedere la sospensione delle sanzioni economiche? Ma se queste fatidiche sanzioni sono alla base di una necessaria e sempre rimandata riconversione delle produzioni interne che sta rafforzando il paese perché lo rende autosufficiente. Spero tanto che, per il futuro mondo multipolare, Putin sappia fare bene i conti anche a fronte di proposte veramente allettanti.