Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
 
Connetti
Utente:

Password:



Democrazia nella comunicazione

CIA: una giornata particolare

Gli USA riescono a scovare 7 pianeti a 39 anni luce di distanza ma non riescono a vedere i camion dell'ISIS nel deserto. Oggi però è uscito #Vault7.

Redazione
mercoledì 8 marzo 2017 19:41


di Riccardo Pizzirani

Ricapitoliamo: gli Stati Uniti d'america sono quella nazione che riesce a sconfiggere il nazismo in 4 anni e l'impero nipponico in 5, ma dopo 17 anni è ancora in guerra con il terrorismo di Al-Qaeda.
È la nazione che riesce a scovare 7 pianeti di cui 3 assimilabili alla terra a 39 anni luce di distanza ma non riesce a vedere i camion dell'ISIS nel deserto. Ci sta.

Oggi però è uscito #Vault7, la rivelazione delle capacità di infiltrazione informatica della CIA: 

1) La CIA ha compromesso ogni sistema operativo di pc, di cellulare, delle smart tv, e dei chip delle auto. Anche i sistemi a minore diffusione come gli iPhone e i sistemi linux sono compromessi al 100%.

 2) La CIA può quindi infettare qualsiasi dispositivo informatico di massa con i suoi spyware o virus. Va da se che può scaricare i segreti o uploadare contenuti compromettenti in qualsiasi dispositivo, di chiunque. Ricordiamoci che spiavano il cellulare personale della Merkel, quindi figuratevi il nostro.

 3) La crittografia viene aggirata a monte, prima che il dato venga crittografato. Nessun sistema di messaggistica è al sicuro. Va da se che la CIA ha accesso a tutti i dati bancari di chiunque.

 4) La CIA può attivare in qualsiasi momento lo smart tv in modalità silente, accendendo il suo microfono e telecamera, sentendo e osservando tutto quando accade di fronte ad essa. Idem per pc e cellulari.

 5) La CIA ha infiltrato il suo personale nelle aziende produttrici di software e hardware; le vulnerabilità vengono inserite volontariamente, poi comunicate ai colleghi inglesi del GCHQ in modo che loro possano spiare legalmente gli americani, possibilità che alla CIA è preclusa.

 6) La CIA aveva un catalogo di "digital fingerprints" cioè di tracce lasciate dai vari programmi virus, da utilizzare durante le proprie incursioni informatiche quando volesse lasciare queste false tracce e far ricadere la colpa su terzi. 

Questi sono i primi fatti emersi. Ma tolto questo oggi è stata una giornata come tante altre, eh!


Torna alla Home Page

DONAZIONE


Letto 3749 volte