Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Democrazia nella comunicazione

#Vault7, ora una dieta digitale per noi ostaggi della Rete del controllo

Dopo le recenti ennesime rivelazioni di Wikileaks sul #Vault7, continuare a indignarsi e meravigliarsi appare ormai un po' troppo ingenuo [Glauco Benigni]

Redazione
mercoledì 8 marzo 2017 20:20


di Glauco Benigni*.

"Dopo le recenti ennesime rivelazioni di Wikileaks sul "Vault 7", continuare a indignarsi e meravigliarsi appare ormai un po' troppo ingenuo.
Agire e reagire in modo efficace sembra invece quasi impossibile.
Gli strumenti grazie ai quali governi , militari e technotraders esercitano il controllo in forme dittatoriali, sono troppi, troppo diffusi e troppo "indispensabii" al nostro vivere quotidiano: un radicale cambio dello stile di vita che escluda l'uso della comunicazione digitale è assolutamente impensabile. I popoli sono stati presi in ostaggio, se ne stanno rendendo conto, ma ciò che prevale al momento è solo un immenso senso di impotenza .
I leader antagonisti che possono guidare verso una situazione "sostenibile" non sono comunque i deputati e i senatori che bivaccano nei Parlamenti delle ex democrazie.
Gli hacker e gli Anonimous sono troppo "infiltrati" e rischiosi per conceder loro la fiducia che sarebbe necessaria.

Che fare dunque?

1) Combattere la perversa Sindrome di Stoccolma a causa della quale i rapiti (soprattutto le giovani generazioni) si innamorano dei loro rapitori (Social Network, Apps, nuovi devices, etc...)
2) Promuovere Assange e Snowden quali due Eroi del III Millennio e candidarli seriamente al riconoscimento ufficiale da parte della società civile fino al conferimento (come sostiene Giulietto Chiesa) del Premio Nobel per la Pace (o equivalenti).
3) Cominciare a praticare forme di "astinenza e dieta digitale" finalizzate all'accrescimento di consapevolezza nei confronti del controllo.

Intanto, vi ripropongo la lettura di due articoli assai in tema, pubblicati rispettivamente nel 2013 e nel 2016:
-     Snowden. Il Candido e il Datagate, 13.06.2013.
-     Il nostro corpo digitale, 07.10.2016.

Buona lettura!



* Glauco Benigni è il Presidente della WAC - Web Activists Community ed è autore di una quadrilogia intitolata Web Nostrum


Torna alla Home Page

DONAZIONE


Letto 3431 volte