Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Cronache internazionali

La Casa Bianca si è convertita alla democrazia

È finita la retorica della "democratizzazione" che ha accompagnato tutte le avventure militari delle amministrazioni precedenti [Thierry Meyssan]

Redazione
martedì 4 aprile 2017 00:51


«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°231
di Thierry Meyssan.

Un passo significativo è stato appena intrapreso dall'amministrazione Trump: i suoi principali diplomatici hanno annunciato di riconoscere il diritto dei siriani alla democrazia. Ammettono che questi hanno scelto sovranamente Assad come presidente. È finita la retorica della "democratizzazione" che ha accompagnato tutte le avventure militari delle amministrazioni precedenti.


Nell'immagine in apertura: Nikki Haley, ambasciatrice USA all'ONU

DAMASCO (Siria) - Lentamente l'amministrazione Trump mette in campo la sua nuova politica mediorientale. Dopo aver riformato il Consiglio di Sicurezza Nazionale, dopo aver scambiato informazioni d'intelligence con l'esercito russo, avendo proibito ai suoi uomini di continuare a sostenere jihadisti ovunque, e dopo aver lanciato veri attacchi contro di loro in Yemen, in Iraq, in Libia e in Somalia, il nuovo presidente degli Stati Uniti ha fatto annunciare che si mette fine all'interferenza del suo paese nella vita politica siriana.
L'ambasciatrice USA al Consiglio di Sicurezza, Nikki Haley, non si è accontentata di annunciare che rovesciare il presidente Assad non era più la "priorità" di Washington, ma ha chiaramente affermato che spettava al solo Popolo siriano di scegliersi il proprio presidente; propositi immediatamente confermati dal Segretario di Stato, Rex Tillerson.
Per valutare i progressi compiuti, ricordiamoci che sin dal 2012, il piano Feltman prevedeva l'abrogazione della sovranità del Popolo siriano.
Che si sappia: con Donald Trump, la Casa Bianca si è finalmente convertita alla democrazia, vale a dire al "governo del popolo, dal popolo, per il popolo" secondo la celebre formula di Abramo Lincoln. Gli Stati Uniti stanno ridiventando una potenza normale. Abbandonano la loro ambizione imperialista. Rinunciano alla dottrina Wolfowitz di dominio globale. Riconoscono ancora una volta che tutti gli uomini sono uguali, siano essi occidentali o no.
Lo stupore degli Stati membri della NATO è commisurato all'evento: siccome dall'11 settembre non fanno altro che utilizzare il concetto di "democrazia" all'incontrario, sono rimasti sbigottiti.
Infine, il ministro degli Esteri francese, Jean-Marc Ayrault, ha dichiarato: «Che si mantenga Assad o che non si mantenga Assad, non è questo il modo di porre la questione. La questione è quella di sapere se la comunità internazionale rispetta i propri impegni». Traduzione: la questione non è di sapere che cosa vogliano i siriani, ma se gli Stati Uniti e i loro alleati (gli "Amici della Siria") rispetteranno o meno la promessa dell'amministrazione Obama di ripristinare un mandato francese sulla Siria.
Per la squadra di François Hollande le cattive notizie non arrivano mai sole: Ankara è stata la prima a mollare Parigi. Ha dichiarato, dopo la visita di Rex Tillerson, che rinunciava a creare una "zona sicura" in Manbij e Raqqa; un modo elegante per annunciare che ammette di non poter estendere in Siria l'occupazione che conduce illegalmente a Cipro dal 1974. Finita dunque l'alleanza franco-turca.
Tuttavia, il ritorno della NATO al Diritto internazionale ha avuto inizio. Si è unita alla posizione della Siria, che lo difende con il suo sangue e quello della Russia e della Cina, che l'hanno protetto con sette veto consecutivi al Consiglio di Sicurezza.
La tappa successiva resta quella che esprimeva già la Siria nel luglio 2012: convincere l'intera Organizzazione del Nord Atlantico a smetterla di manipolare il terrorismo internazionale. Vale a dire, ammettere che gli attuali Fratelli Musulmani non sono una confraternita araba, ma costituiscono una branca dei servizi segreti britannici; e riconoscere che non sono musulmani, ma si nascondono dietro il Corano per far meglio avanzare l'imperialismo anglo-israeliano.


Fonte: Al-Watan (Siria).

Traduzione a cura di Matzu Yagi.




Torna alla Home Page

Letto 4683 volte
Commenti
  • ndr60 05/04/2017 alle 09:31:04 rispondi
    Singolare coincidenza: oggi i tg e i giornali riuniti gridano di Assad criminale e massacratore di bambini col sarin. Forse qualcuno non è d'accordo sul rispettare la sovranità del popolo siriano.
 
Connetti
Utente:

Password: