Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Kill PIL

Sulla doppia circolazione monetaria in euro e moneta fiscale

Ecco come sul territorio nazionale la moneta fiscale e l'euro diventerebbero equivalenti. [Stefano Sylos Labini]

Redazione
giovedì 6 aprile 2017 22:44

di Stefano Sylos Labini.

Se la moneta fiscale venisse accettata a larga scala sul territorio nazionale e iniziasse a circolare nell'economia, verrebbe meno anche l'incentivo a usarla per pagare meno tasse perché chiunque avrebbe in tasca la moneta fiscale potrebbe usarla al posto dell'euro per comprare merci e servizi. 
In tal modo la moneta fiscale permetterebbe di liberare euro che altrimenti sarebbero stati usati per fare pagamenti per consumi e investimenti. A quel punto sul territorio nazionale la moneta fiscale e l'euro diventerebbero equivalenti.

Ma per mettere in piedi una circolazione monetaria parallela/aggiuntiva all'euro credo che siano fondamentali degli accordi con le imprese e i sindacati: le imprese si impegnano ad accettare moneta fiscale contro la vendita di merci e servizi, i sindacati accettano che una parte dello stipendio dei lavoratori sia corrisposto in moneta fiscale.

Il punto sta nella certezza che quando si ha in tasca questa moneta fiscale ci sarà sempre qualcun altro disposto ad accettarla
E questo è possibile perché, come ha sottolineato Luciano Gallino, il valore dei titoli fiscali non è soggetto ad alcun rischio di svalutazione: un CCF da 100 euro alla fine varrà sempre 100 euro qualsiasi cosa accada sui mercati perché lo Stato lo accetta al valore nominale dell'emissione. E anche perché il denaro potenziale rappresentato dai CCF è denaro legalmente "pieno" in quanto essi vengono per definizione accettati per pagare le tasse allo Stato. Cosa che risulta essere il maggior riconoscimento a cui qualsiasi forma di denaro possa aspirare, quale che sia la sua apparenza o denominazione, come moneta circolante in una nazione.

Pertanto la moneta fiscale nasce come intervento aggiuntivo e non sostitutivo dell'euro, ma nel momento in cui inizia a circolare può tranquillamente sostituire l'euro perché moneta fiscale e euro sono equivalenti sul territorio nazionale.





Torna alla Home Page

DONAZIONE


Letto 3347 volte