Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Democrazia nella comunicazione

Faccia da Trump

Trump non ha la faccia. E proprio in questo consiste l'autentica svolta rappresentata dalla sua presidenza. [A. Daniele]

Redazione
mercoledì 19 aprile 2017 07:39

di Alessandra Daniele

Del suo blitz sulla Siria, Donald Trump non ha avvertito nessuno. Ha scavalcato il Congresso, ha ignorato l'ONU, se n'è fottuto dell'Europa. C'è un solo leader che è stato avvertito preventivamente dalla Casa Bianca. Putin.

Il quale a sua volta ha allertato la base siriana, che è stata sgomberata in tempo per subire danni minimi, e tornare operativa il giorno dopo.

Dei 59 missili lanciati sulla base soltanto un terzo ha raggiunto il bersaglio.

Di recente c'è stato un rimpasto alla Casa Bianca, e gli imperialisti hanno riguadagnato terreno, ma dal blitz sulla Siria non hanno ottenuto nessun reale vantaggio nell'area, né tattico, né strategico.

L'attacco durante la cena con Xi Jinping è stato essenzialmente un avvertimento alla Cina, bersaglio dei nazionalisti, proprio come le immediatamente successive manovre navali attorno alla Corea, e la teatrale superbomba mollata nel deserto.

Chi accusa Trump d'un voltafaccia ai danni di Putin non considera questo elemento, ma soprattutto non ne considera un altro molto più importante.

Trump non ha la faccia.

E proprio in questo consiste l'autentica svolta rappresentata dalla sua presidenza.

Trump è un trafficone che si barcamena fra la lobby nazionalista che l'ha portato al trono, e quella imperialista che vorrebbe cacciarlo.

È un boss del Queens ai materassi in una guerra di mafia planetaria, che non si combatte tanto fra stati quanto fra ideologie e corporazioni, e che oggi spacca la stessa Casa Bianca.

È un supercazzaro che ha fatto un milione di promesse irrealizzabili, ma sa che non può tradire impunemente quella fatta a Putin.

Trump è un fascista, un satrapo, uno squalo che non può fermarsi o muore, e tutto quello che è si vede.

Chiaramente.

Chi controlla la percezione della realtà, controlla la realtà.

Non è una cosa nuova della cosiddetta Era dell'immagine. La Chiesa ha dominato il mondo per un millennio controllando gli uomini dall'interno delle loro coscienze.

Hollywood ha riscritto la Storia dell'umanità dando ad ogni eroe, ogni genio, ogni profeta, reale o immaginario, passato, presente e futuro, un volto, un sistema di valori, e un accento americano.

Da Spartacus a Siddharta, da Leonardo da Vinci a Motoko Kusanagi di Ghost in the Shell.

La Faccia dell'impero è la sua forza, la sua arma più potente, il suo scudo.

La faccia del Presidente ne è sempre stata un tassello fondamentale.

E quella faccia, quella maschera, oggi non c'è più.


(16 aprile 2017)




Link articolo © Alessandra Daniele © Carmilla online.

Scheggetaglienti è il blog personale di Alessandra Daniele.





Torna alla Home Page

DONAZIONE



Letto 2107 volte