Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Democrazia nella comunicazione

Dibattito Le Pen-Macron: chi ha vinto davvero?

Non saranno i sondaggi a caldo a dircelo, né una prima analisi del 'sentiment' su Twitter. La partita si gioca nelle città di provincia. [Marcello Foa]

Redazione
giovedì 4 maggio 2017 11:32

di Marcello Foa.

Chi ha vinto il confronto Le Pen-Macron? Secondo l'unico sondaggio disponibile Macron, piuttosto nettamente, ma i sondaggi a caldo sono relativamente affidabili, vedi i dibattiti Clinton-Trump che davano sempre vincente Hillary. Com'è andata a finire poi lo sappiamo.
Marine Le Pen ieri sera ha dominato il dibattito nel senso che ha sempre imposto a Macron i temi. I due moderatori sembrava che non ci fossero.  La sua personalità è risultata sovrastante: decisa, ironica, capace di interrompere il ragionamento dell'avversario con piccole, velenose battute. Macron anzichè ignorarle le assecondava e ha trascorso quasi tutta la serata a giustificarsi e a spiegare. Anche la mimica dei due era evidente: lei sicura con il piglio del professore, il tacco fermo sotto il tavolo, lui a tratti in soggezione mostrava evidenti segni di nervosimo. Più volte grumi di bava sono apparsi sulle sue labbra.
La strategia della Le Pen era evidente: dimostrare che Macron non rappresenta il cambiamento ma è l'erede del Partito socialista che ha governato la Francia per 5 anni. Marine gli ha rinfacciato più volte il fatto di essere stato ministro dell'economia, chiedendogli: perché non ha fatto le riforme che propone oggi quando era al governo come consigliere e poi ministro?
Anche quando parlava dei problemi reali della gente è apparsa più credibile: dava l'impressione di conoscerli meglio, in una certa misura di "viverli" e dunque di comprendere bene la realtà delle fasce più basse della popolazione. Macron dava l'impressione di recitare una parte, di parlare di argomenti e di una realtà, quella popolare, che ha studiato sui libri, come un allievo diligente ma senza trasporto, senza reale condivisione.
Altrettanto chiara la sua strategia: caratterizzare Marine Le Pen come un'estremista, come l'erede del padre e in un paio di occasioni ci è riuscito ma questo tema è rimasto sullo sfondo. Dure le sue battute sull'incapacità del candidato del Fronte Nazionale: più volte le ha rimproverato di dire delle sciocchezze, sempre, però, in contropiede.
Su un punto Marine Le Pen ha sbagliato: nella foga di distruggere l'immagine di Macron non si è mostrata abbastanza propositiva. Nel finale avrebbe dovuto lasciare da parte le polemiche e rivolgersi non più al suo avversario ma ai francesi a casa, prendendo il tono e la postura di un presidente autorevole che parla alla Nazione, come si aspettano i francesi da un Capo dello Stato che in una certa misura deve apparire regale.
Macron non ha interpretato questo ruolo ma alla fine è apparso più moderato e rassicurante, recuperando in parte il terreno perso in precedenza.
E allora chi ha vinto? Non saranno i sondaggi a  a caldo  a dircelo, come quello commissionato da BFMTV, da sempre molto vicina a Macron e che potebbe pertanto essere tendenzioso. Una prima analisi del sentiment su twitter, ad esempio, indica il contrario.
La partita si gioca nelle città di provincia. Il rischio, per Marine Le Pen, è che la sua aggressività induca alcuni elettori di sinistra, orientati ad astenersi, ad andare alle urne e a votare Macron "turandosi il naso". La speranza è di aver fatto breccia nel cuore del francese medio, che vive lontano da Parigi e che sente i valori della Francia profonda.
Basterà per ribaltare la vittoria annunciata di Macron?




Torna alla Home Page

DONAZIONE


Letto 3541 volte