Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Maestri&Compagni

Maestri&Compagni. Due o tre cose su di noi ...


pdeiulio
giovedì 6 settembre 2012 08:48

M C 20120906

di Roberto Pierri e Paolo Granata

Da oggi Megachip inizia la collaborazione con Maestri&Compagni.

Quella che segue è la presentazione di questa bella iniziativa già da qualche tempo diventata una piacevole realtà sulla rete. Ne sono artefici due giovani studiosi, Roberto Pierri e Paolo Granata, che hanno intrapreso insieme una difficile quanto meritoria attività di divulgazione scientifica.

Sono convinto che i nostri lettori sapranno apprezzare questa nuova "finestra" che a breve apriremo sulla conoscenza e il sapere. Chi ci segue da tempo sa bene che fornire sempre nuovi strumenti per tentare d'interpretare meglio la realtà che ci circonda e in cui viviamo fa parte del nostro dna. Faccio dunque i migliori auguri di buon lavoro ai nostri nuovi amici e compagni di strada.

(Pier Francesco De Iulio)

 «La cultura è l'unico bene dell'umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande». Così si esprimeva il grande filosofo tedesco Hans Georg Gadamer in un'intervista rilasciata nel 1999. Un'affermazione, la sua, carica di pathos e di fiera opposizione alla grave crisi culturale che già da tempo aveva investito l'Europa intera e dalla quale il vecchio pensatore tedesco proponeva di uscire ripristinando l'elemento più proprio del sapere filosofico: la dimensione del dialogo. «Questo - proseguiva e in qualche modo concludeva l'autore - è l'impegno, il compito che riguarda tutti noi. E i nuovi strumenti tecnici, come la radio e la televisione, devono essere impiegati in questa direzione favorendo la diffusione del dialogo».

Quando Gadamer pronunciava queste parole la realtà del web non si era ancora affermata, ma non ci sembra di fare violenza al testo se, accanto ai tradizionali mezzi di comunicazione di massa appena evocati, aggiungessimo, come potenziale alleato della cultura e della diffusione del sapere, anche i recenti new media, di cui Internet rappresenta la pietra angolare. Maestri & Compagni nasce proprio da questa convinzione.

Il progetto, ideato nei primi mesi del 2011 e il cui nome trae diretta ispirazione dalle omonime biografie intellettuali di Gadamer e Norberto Bobbio, è il frutto della passione di due giovani studenti universitari che, consapevoli delle enormi possibilità offerte dallo sviluppo del web, hanno deciso di portare sulla scena della rete i grandi temi della filosofia, tradizionalmente relegati all'interno del dibattito specialistico e troppo spesso inaccessibili al lettore comune. Attraverso una serie di video-interviste, lezioni e documentari, realizzate con la partecipazione dei maggiori studiosi italiani e internazionali, ci siamo proposti di costruire un ampio archivio multimediale e di metterlo a disposizione di chiunque fosse interessato, o anche semplicemente incuriosito, ad avvicinarsi al vasto mare magnum delle idee che hanno accompagnato il lungo e travagliato cammino dell'umanità.

Tuttavia, ci preme sottolineare che questa iniziativa - da oggi arricchita dall'apertura di una nuova rubrica su Megachip - è rivolta soprattutto ai giovani. Nella misura in cui la società tutta intera sembra essersi disinteressata dell'avvenire delle nuove generazioni, la diffusione del pensiero filosofico e del sapere critico può costituire, oggi più che mai, uno strumento decisivo in grado di offrire, a chiunque lo desideri, la possibilità di superare quel senso di profonda inadeguatezza rispetto a una realtà che si fa ogni giorno più complessa, ma anche e soprattutto la capacità di comprendere e trasformare le ingiustizie di un mondo che già Antonio Gramsci, dietro le sbarre della sua prigione, aveva definito «grande e terribile».


Roberto Pierri e Paolo Granata

Web: www.maestriecompagni.com

Facebook: https://www.facebook.com/pages/Maestri-Compagni/163838420316302



Letto 23269 volte
 
Connetti
Utente:

Password: