Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop


Maestri&Compagni

Il controverso liber(al)ismo di Friedrich von Hayek


pdeiulio
domenica 28 ottobre 2012 19:02

Hayek 20121028

di Maestri&Compagni

Ecco una nuova tappa della nostra "Storia della filosofia". Con un salto di oltre un secolo, passiamo dalla Democrazia in America di Tocqueville ad un'opera molto diversa ma parimenti rilevante nella storia del pensiero liberale.

"Law, legislation and liberty" del filosofo austriaco Friedrich August von Hayek rappresenta, infatti, non solo il punto di approdo della riflessione hayekiana sul concetto di libertà, ma anche, e soprattutto, un potente dispositivo teorico che ha ispirato un'intera stagione politica ed ha influenzato le scelte e gli indirizzi di influenti uomini di stato come Margaret Thatcher e Ronald Reagan.

Dalla critica al moderno parlamentarismo agli strali lanciati contro l'idea di giustizia sociale, alla connessione stringente tra libertà economica e libertà senza altri aggettivi, l'opera del pensatore austriaco si è imposta come un vero e proprio classico del pensiero liberale novecentesco suscitando ammirazioni smodate e, molto spesso, critiche feroci. A parlarcene è Francescomaria Tedesco, autore di una monografia hayekiana per l'editore Laterza.

http://www.youtube.com/watch?v=S1NaH_BzMoM

Quando Friedrich August von Hayek nacque, l'8 maggio del 1899, il declino dell'Austria era già iniziato. Egli crebbe e si formò in una Vienna multiculturale e raffinata, che pullulava di grandi talenti letterari e di circoli di intellettuali, nonostante la città cominciasse ad essere percorsa dalle inquietudini della finis Austriae e dal presagio del non lontano collasso della Mitteleuropa.

In quella città vivevano e lavoravano, nei primi anni del Novecento, alcuni fra i più importanti intellettuali del secolo, i quali diedero vita ad alcune delle intuizioni più dirompenti per la cultura occidentale. Le suggestioni e gli stimoli della città si univano, nel giovane Hayek, a quelli di una famiglia di tradizioni accademiche e di importanti frequentazioni. Hayek non tardò a mostrarsi uno spirito eclettico, cosa che caratterizzò tutta la sua ricerca.

Iniziò a interessarsi di economia con i marginalisti (Mises in particolare), ma negli anni '30 percepì chiaramente che le sue teorie erano state sconfitte dall'enorme successo di John Maynard Keynes. Così, il suo interesse per l'equilibrio economico si ampliò alla società in generale, e divenne la questione centrale del suo pensiero: il problema dell'ordine. Intanto, tra i '30 e i '40, insegnò alla London School of Economics e partì per gli Stati Uniti, dove il suo La via della schiavitù - un tentativo di demolire le prospettive del socialismo - ebbe un successo enorme tanto che godette persino di una riduzione a fumetti.

Negli Stati Uniti ottenne la cattedra di Scienze morali e sociali a Chicago. Tra gli anni '50 e i '60 fu molto prolifico sulla questione dell'ordine sociale e dello 'scientismo costruttivista'. Alla fine dei '60 tornò in Europa, e negli anni '70 scrisse la summa del proprio pensiero, Law, Legislation, and Liberty.

Nel 1974 ricevette, assieme a Gunnar Myrdal, il Premio Nobel per l'Economia. Divenne, nei primi anni '80, un'autorità del liberismo thatcheriano. Con la Lady di Ferro Hayek condivise anche il giudizio positivo su Augusto Pinochet. Hayek aveva infatti sostenuto che il liberalismo non è in contraddizione con l'autocrazia, cosicché un governo autoritario può essere liberale, e applicò questa sua incredibile teoria alla micidiale esperienza cilena.

Morì il 23 marzo del 1992, all'età di 93 anni, a Friburgo in Brisgovia.

MC footer





Letto 23439 volte
 
Connetti
Utente:

Password: