Uomini d’Odore

Nessun reale cambiamento può più scaturire dall’urna elettorale, perché è una slot machine truccata. [Alessandra Daniele]

Alessandra Daniele | Uomini d’Odore

Alessandra Daniele | Uomini d’Odore

Redazione 27 febbraio 2018carmillaonline.com

di Alessandra Daniele


“Tappatevi il naso e votate PD”
Matteo Renzi


Esaurite le balle (e le ecoballe) il sedicente rottamatore megalomane e arrogante che voleva riscriversi la Costituzione su misura è ormai ridotto a mendicare voti, ammettendo esplicitamente il fetore che emana il suo partito. Il tanfo di corruzione e decomposizione.
Secondo il Daspo urbano, Renzi andrebbe denunciato per accattonaggio.
Il suo fallimento è tale che forse a Berlusconi toccherà addirittura governare coi suoi attuali alleati per un po’, prima di comprarsi i deputati sfusi che mancheranno al PD per il Governissimo.
Come Berlusconi, anche il PD cerca di spacciarsi per improbabile argine al Movimento 5 Stelle, il cosiddetto “Partito del No”, ma a cosa dice “no” davvero il M5S?
Non dice più no all’Euro, né alla NATO, né alla TAV, né all’Ilva. E dice sì a Confindustria, alle lobby di Washington, alla City di Londra. Di Maio è proprio andato a dirglielo personalmente.
Come anche le giunte Raggi e Appendino hanno dimostrato, il M5S in realtà non è affatto una minaccia per lo status quo.
Per quello che la presenza in parlamento dei grillini ha cambiato davvero, lo stipendio avrebbero dovuto restituirlo tutto.
Di Maio è solo un altro sedicente rottamatore.
Il capitalismo s’è dimostrato incompatibile con qualsiasi forma di democrazia che non sia solo un inutile Beauty Contest che si limita a sostituire un frontman con un altro.
Un Cazzaro con un altro.
Nessun reale cambiamento può più scaturire dall’urna elettorale, perché è una slot machine truccata.
Nessuno dei partitini fuori dalle coalizioni farlocche a parte LeU ha qualche possibilità di superare lo sbarramento al 3% del Cacarellum, che sta lì proprio per questo. L’appello al “voto utile” però non ha senso, perché nessun voto è utile.
E l’astensione è altrettanto inutile.
Lo sarebbe anche se raggiungesse il 100%.
Il governo uscente resterebbe in carica con una prorogatio d’emergenza, poi si tornerebbe a votare.
E stavolta magicamente dai computer del Viminale salterebbe fuori qualche milione di voti equamente distribuiti per consentire la formazione d’un altro Governissimo di salvezza nazionale. Poi una riforma elettorale bipartisan introdurrebbe il voto elettronico.
E il problema sarebbe definitivamente risolto.
Come tutti gli altri. Il fascismo è morto, la mafia non esiste, la crisi è finita. Ce lo assicurano i ministri del PD, e possiamo fidarci.
Dopotutto, sono uomini d’odore.


 


*Alessandra Daniele è dal 2006 fra i redattori di Carmilla, per la quale ha scritto più di mezzo migliaio fra articoli, corsivi, recensioni, e racconti brevi. Ho collaborato a tre antologie cartacee: due progetti collettivi Creative Commons che ha contribuito a ideare, Sorci Verdi (Alegre, 2011) e Scorrete lacrime, disse lo sceriffo (Crash, 2008) e l’antologia urban horror: Sinistre Presenze (Bietti, 2013). Ha pubblicato due diverse raccolte dei miei testi carmilliani: Schegge Taglienti (Agenzia X, 2014) e l’ebook gratuito: L’Era del Cazzaro (Carmilla, 2016). Il suo blog: Schegge taglienti.


 


Link articolo: 

commenti