L’industria dell’apocalisse

Mentre i partiti si concentrano sulle meschine acrobazie per tornare alla solita Grossolana Coalizione aggirando il risultato elettorale, a pochi chilometri da qui l’apocalisse è già cominciata. [Alessandra Daniele]

Alessandra Daniele | L’industria dell’apocalisse

Alessandra Daniele | L’industria dell’apocalisse

di Alessandra Daniele


 


“La maggior parte dei paesi ha un esercito. L’esercito prussiano ha un paese”.


(Voltaire)



L’aforisma di Voltaire è perfetto per gli Stati Uniti, se con esercito s’intende anche l’industria bellica e para-bellica che è la spina dorsale metallica dell’impero USA.
Un sistema politico-economico e mediatico basato sul warfare, una vera e propria fabbrica di guerre fatte in serie, il cui altoforno che non può mai essere spento, e pretende d’essere continuamente nutrito divorando un paese dopo l’altro, ora punta all’Iran.


Tutta l’area è ormai una fornace di conflitti concentrici, come gironi dell’inferno in terra.


Le immagini televisive di devastazione provenienti dalle zone di guerra sono terribili quanto sinistramente familiari. E non soltanto perché ne arrivano di simili da quasi 30 anni. Sono anche il genere di scenari che siamo abituati a vedere nelle serie e nei film post-apocalittici USA, della guerra eterna e “necessaria” che raccontano.


Cambiando canale si cambia scenario: metropoli illuminate, paesaggi tropicali, salotti colorati pieni di vip.


L’impressione che ne deriva è che la struttura del nostro universo sia simile a quella d’un palinsesto televisivo, dove ogni scenario è strettamente confinato all’interno della narrazione che lo rappresenta, con rare possibilità di mescolarsi ad altri purché già simili per qualche episodio crossover, e nessuna possibilità di filtrare nella nostra realtà quotidiana.


Ovviamente questa è un’illusione.


Gli universi post-apocalittici che vediamo nelle news appartengono al nostro mondo, e sono spesso molto più vicini di quanto pensiamo.


Cambiare canale è inutile.


Come votare.


Il Movimento Due Facce corteggia ancora lo zar di tutte le ruspe, ma se non è già al governo col PD lo dobbiamo solo a Renzi. Grazie al Cazzaro.


Mentre i partiti si concentrano sulle meschine acrobazie per tornare alla solita Grossolana Coalizione aggirando il risultato elettorale, a pochi chilometri da qui l’apocalisse è già cominciata.


(6 maggio 2018)


 


Link articolo: L’industria dell’apocalisse


 


*Alessandra Daniele è dal 2006 fra i redattori di Carmilla, per la quale ha scritto più di mezzo migliaio fra articoli, corsivi, recensioni, e racconti brevi. Ho collaborato a tre antologie cartacee: due progetti collettivi Creative Commons che ha contribuito a ideare, Sorci Verdi (Alegre, 2011) e Scorrete lacrime, disse lo sceriffo (Crash, 2008) e l’antologia urban horror: Sinistre Presenze (Bietti, 2013). Ha pubblicato due diverse raccolte dei miei testi carmilliani: Schegge Taglienti (Agenzia X, 2014) e l’ebook gratuito: L’Era del Cazzaro (Carmilla, 2016). Il suo blog: Schegge taglienti.


 


 


 

commenti