Top

A proposito di Dijsselbloem e della solidarietà dell'usuraio

'Il capo dell''Eurogruppo non ha mai detto che i paesi del Sud-Europa sperperano i soldi in alcol e donne. Semmai ha detto qualcosa di più grave, di cui nessuno parla [S. Santini]

'

A proposito di Dijsselbloem e della solidarietà dell'usuraio

Redazione

24 Marzo 2017 - 06.58


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile

Middle placement Mobile

Dynamic 1
di Simone Santini.

Dynamic 2
Cominciamo con un dato di verità,
visto che ormai viviamo di post-verità.

Jeroen
Dijsselbloem
, capo
dell”Eurogruppo (cioè l”organismo che riunisce tutti i ministri dell”economia e
finanze dell”eurozona), presidente del consiglio dei governatori del MES
(Meccanismo europeo di Stabilità, cosiddetto Fondo Salva Stati) nonché ministro
delle Finanze olandese finora in carica, ovvero uno degli uomini più potenti
della tecnocrazia europea… non ha mai
detto che i paesi del Sud-Europa, tra cui l”Italia, sperperano i soldi in alcol
e donne
.

Dynamic 3
Semmai ha detto qualcosa di più grave, che i piani alti europei dicono
sempre, senza che nessuno si scandalizzi, e qualcosa di nuovo ed estremamente preoccupante,
che ovviamente i giornaloni e commentatori nostrani hanno perfettamente e
scientemente ignorato.

Dynamic 4
Andiamo per ordine.

In Olanda ci sono state recentemente
le elezioni e il partito di Dijsselbloem (socialdemocratico) ha avuto un
tracollo, perdendo i 3/4 dei voti. La sua riconferma al ministero dell”economia
del futuro governo di coalizione appare davvero in bilico, ciò che avrebbe
ripercussioni anche sul suo ruolo europeo. Per cercare sostegno dagli alleati
di sempre (puntualmente arrivatogli dal potentissimo ministro dell”economia
tedesco Wolfgang Schäuble),
il nostro ha rilasciato una intervista al più importante quotidiano tedesco,
Frankfurter Allegemeine
Zeitung
.

Dynamic 5
Tra
i diversi temi toccati, Dijsselbloem si è intrattenuto sul concetto di solidarietà europea. Ed ha ripetuto la
visione ricorrente che ci arriva da Bruxelles:

«Nella
crisi dell’Euro i Paesi del Nord della zona Euro si sono mostrati solidali con
i Paesi in crisi. Come socialdemocratico, ritengo che la solidarietà sia molto
importante. Ma chi la chiede, ha anche dei doveri.
Io non posso spendere tutti i miei soldi in alcool e donne e poi
chiedere aiuto a lei. Questo principio vale a livello personale, locale,
nazionale ed anche a livello europeo
».

Con
una metafora magari colorita (e nemmeno poi tanto) si ribadisce il concetto che
la solidarietà europea è un dare-avere. I nostri maggiordomi si stracciano le
vesti sulla forma espressa da
Dijsselbloem, di fatto manipolandone le parole, ma si guardano bene dal mettere
al vaglio di una dura critica la
sostanza
, che viene invece data per scontata.

Non
dovrebbe essere così. La solidarietà non
è una concessione
. Tanto più la solidarietà non è una concessione
benignamente elargita per avere in cambio qualcosa.

La
solidarietà europea, se ci trovassimo all”interno di una Comunità politica,
dovrebbe essere piuttosto un meccanismo semi-automatico utile per riordinare,
riarmonizzare, eventuali storture e disequilibri che si determinano in seno
all”Unione Europea. Se qualcuno rimane indietro, non tanto per sua colpa, ma perché
è l”architettura europea che, complessivamente, crea disparità strutturali, allora è
doveroso che le stesse istituzioni europee
intervengano in maniera solidale
. Semmai la
discussione dovrebbe vertere sul se, quando, come e perché tali disparità
strutturali si creino, e quindi quando sia opportuno far scattare la dovuta e
necessaria solidarietà.

Questa
solidarietà europea, invece, non sembra affatto solidale. Usando metafore
colorite alla Dijsselbloem, mi verrebbe da dire che la solidarietà europea assomiglia
alla
solidarietà dell”usuraio
che ti presta denaro non perché ti vuole bene ma perché vuole lucrare su
sostanziosi interessi; o quella del mafioso
che ti dà i soldi per salvare la tua azienda in crisi, ma poi vuole diventarne
socio fino a costringerti a lavorare per lui.

E
fin qui, come si diceva, siamo ancora nell”alveo di ciò che Bruxelles dice
sempre, senza determinare scandalo tra i maggiordomi.

Ma
Dijsselbloem, nella stessa intervista, va
ben oltre
. E di ciò nessuno parla.
Il tecnocrate olandese lancia una proposta
innovativa
: l”Europa non vuole certamente rinunciare alla
sua solidarietà
(quando mai si è visto un usuraio che rinunci a fare prestiti?) ma tale ambito
non dovrebbe più essere governato dalla Troika bensì direttamente dal MES. Alcuni ricorderanno che durante la crisi
greca la Troika (Fondo Monetario
Internazionale, Banca Centrale Europea, Commissione Europea), a un certo punto,
si mosse in maniera ondivaga e con contrasti al proprio interno. Ciò è normale
perché le tre istituzioni che la compongono possono rispondere ad esigenze,
interessi, centri di potere diversi. Tanto più in questa fase di crisi e
sommovimenti tettonici nelle élite finanziarie e politiche transnazionali.
Ecco, dunque, la necessità di non avere slabbrature, di non concedersi
tentennamenti. Il MES è lo strumento
perfetto, e spietato, per il recupero crediti
. È un carrarmato giuridico.
Se finisci nel suo abbraccio amorevole puoi star sicuro che non ti salvi.

Continuando
con le metafore ardite, la Troika è il diavolo travestito da gentiluomo; il MES
è il diavolo con tanto di corna, forcone, coda, zoccoli e puzzo di zolfo. Di
questo dovremmo parlare in Italia, ma noi preferiamo cianciare di ubriaconi e
mignotte. 
[GotoHome_Torna alla Home Page]
DONAZIONE

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile