Top

Astensione: milioni di voti in meno, ma chi se ne importa

'Meno gente va a votare meglio è. L''astensione porta infatti con sé l''indubitabile benefit di dover sistemare molta meno gente, di dover mantenere molte meno promesse.'

Astensione: milioni di voti in meno, ma chi se ne importa

Redazione

29 Maggio 2013 - 09.37


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile

di Debora Billi.

Middle placement Mobile

UN QUARTO DI MILIONE DI VOTI. Una cifra impressionante. Un quarto di milione di voti in una sola città: Roma.
Ancora più impressionante, direi sconvolgente. E” quanto ha perso il
Partito Democratico rispetto alle scorse amministrative. Il PDL ne perde
addirittura oltre 360 mila.

Dynamic 1

Anch”io ero tra i sostenitori dell”astensione:
nessuno mi rappresenta, nessuno merita il mio voto. E poi, dovrei votare
qualcuno che mi disgusta solo per non far vincere qualcuno che mi
disgusta un filino di più? Sono stata a casa tante volte anch”io,
nell”illusione che il partito dell”astensione si gonfiasse al punto da
non poter più passare inosservato, e da mettere con le spalle al muro un sistema finalmente costretto a riformarsi.

Ha ha, che risate. Beata ingenuità, la mia e quella di tanti
propugnatori del cosiddetto “segnale forte”. Talmente forte, che quando
si è finalmente verificato non l”ha sentito nessuno. I politici in TV
vaneggiano “Abbiamo preso il 40%, il 32%…” senza precisare di cosa, e
celebrando centinaia di migliaia di voti persi. Perché, semplicemente, il numero di votanti non ha alcun peso, in un regime oligarchico.

Dynamic 2

Anzi, dico di più. Meno gente va a votare meglio è.
L”astensione porta infatti con sé l”indubitabile benefit di dover
sistemare molta meno gente, di dover mantenere molte meno promesse: meno
posti di lavoro a raccomandati, meno file di elettori e finanziatori
che si presentano a riscuotere quanto anticipato in campagna elettorale.
Parentopoli e amicopoli più snelle, campagne elettorali più
economiche. Meno scarpe destre e scarpe sinistre insomma, un bel risparmio.

Non illudetevi più, quindi, che astenersi porti a qualcosa. C”è chi
brinda e festeggia proprio per gli elettori in calo. Se paradossalmente
votassero in 10, potrebbero vantare “Il 30%” (3 voti) potendo comunque
rivendicare poltrone e dovendo sistemare in cambio solo 3 gatti. In un
Paese dove il voto è una farsa che serve solo a dare una vernice di
credibilità a posti già spartiti da un pezzo, se ci andiamo in pochi rendiamo solo tutto più facile. Addio democrazia, benvenuta oligarchia.

Dynamic 3

Segui Crisis su Facebook

Segui Debora Billi  su Twitter

Dynamic 4

Fonte:  http://crisis.blogosfere.it/2013/05/astensione-milioni-di-voti-in-meno-ma-chi-se-ne-importa.html.

[GotoHome_Torna alla Home Page]

Dynamic 5
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage