Top

Disastro ferroviario in Algeria. Lo sapevate?

'Il disastro in USA: è la fotocopia di un incidente di pochi giorni fa in Algeria. L''uno è notizia d''apertura mondiale. L''altro non esiste nei media. Perché? [Pino Cabras]'

Disastro ferroviario in Algeria. Lo sapevate?

Redazione

29 Settembre 2016 - 20.48


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile

Middle placement Mobile

Dynamic 1
di Pino
Cabras
.


Dynamic 2
Il 24 settembre, solo pochi giorni fa, in
Algeria, un brutto incidente ferroviario ha causato un morto e centinaia di
feriti. La notizia è passata inosservata in gran parte del mondo, tranne brevi
richiami qua e là, come nel Mirror
britannico.


Dynamic 3
In Italia addirittura nessun cenno. Ho
controllato con i motori di ricerca: nada de nada, nisba.


Dynamic 4
Viceversa, l’incidente di oggi del treno in
New Jersey, pur avendo la stessa esatta magnitudine di quello algerino, ha
avuto lo squillante richiamo di notizia
di apertura
in quasi tutti gli organi di informazione dell’Occidente,
compresi i telegiornali nostrani. Giovanna Botteri ci ha immancabilmente aperto
il Tg3, ma lei lo aprirebbe anche se cadesse un albero a Kansas City.


Dynamic 5
Il messaggio trasmesso quindi non è: “c’è
stato un incidente”; bensì: “solo le cose che succedono negli Stati Uniti sono
importanti”.


Le altre storie, le altre visioni del mondo,
le altre sofferenze, le altre speranze, le altre ragioni politiche, saranno
riferite solo se i media occidentali daranno il permesso, volta per volta, secondo
le loro convenienze e i propri pregiudizi. Persino la tv russa in lingua
inglese, RT, oggi apre con il disastro del New Jersey, perché la nota di fondo che
si suona a Ovest ha una forza preminente che si impone anche sulle abitudini di
un”emittente che sa suonare un’altra musica. RT peraltro non ha bucato la notizia algerina.


Questo modo occidentale di narrare le storie ha
tante applicazioni, specie in materia di guerra. Oggi ci fanno vedere i bambini
che muoiono fra le macerie di Aleppo per commuoverci e indignarci, proprio
quando l’esercito siriano guadagna terreno a danno dei jihadisti, quelli che il
senatore USA John McCain chiama i nostri “asset”. Le nostre lacrime vengono
manovrate con cinismo assoluto, perché gli stessi media non mostravano le vittime
quando venivano mietute da tali impresentabili alleati, come del resto non
mostrano le stragi saudite in Yemen, fatte con le nostre bombe.


Parlare di un incidente ferroviario locale
come di una notizia mondiale è dunque un ingranaggio che fa parte di un meccanismo,
di un sistema di pensiero funzionale alla guerra. Chi decide come farci percepire
il diverso peso di ogni parte del mondo decide anche come farci percepire le
guerre. Un direttore di TG costa meno di un F35, ma bombarda molto di più prima
ancora che si combatta la battaglia finale.



[GotoHome_Torna alla Home Page]
DONAZIONE

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile