Francetta e Italietta

Si tranquillizzino quelli che parlano di "italietta", "italioti", "repubblica delle banane" e cretinate del genere. Fossero meno provinciali, si accorgerebbero di germanietta, francetta, inghilterretta ...

Macron

Macron

Redazione 26 marzo 2019
di Turi Comito.


Possiamo pensare qualunque cosa sul Memorandum d'Intesa tra Italia e Cina (e gli accordi derivati) firmato qualche giorno fa a Roma. Che siano sbagliati, che siano giusti, che siano utili all'Italia o dannosi, che siano il cavallo di Troia della Cina per impossessarsi dell'Europa o che siano una opportunità storica per l'Europa stessa. E' legittimo tutto. 

Tranne una cosa.

Sostenere, in qualunque modo, anche solo per ischerzo, che un piccolo mediocre malamente alfabetizzato come Macron possa dire qualcosa di sensato. Alla stessa maniera di come è impossibile pensare che abbia detto qualcosa di sensato, in qualunque ambito, il suo predecessore Hollande, un altro mediocrissimo piccolo burocrate di partito che verrà ricordato solo per avere distrutto il Partito socialista francese. O, ancora peggio, pensare che abbia detto qualcosa di vagamente intelligente un filibustiere di pessimo conio dal nome Sarkozy, quello che ha voluto bombardare Gheddafi non prima di averci fatto affari miliardari. E' un vezzo di chiunque solchi le porte dell'Eliseo immaginarsi Napoleone e immaginare la Francia ancora un Impero e non invece il piccolo paese provinciale quale è, come e peggio dell'Italia per certi (e non pochi) versi.

La recente reprimenda sugli accordi italiani con la Cina di Macron all'Italia è l'ultimo esempio di una serie di cialtronate che questi presidenti, che sconoscono la parola "vergogna", hanno prodotto negli ultimi quindici anni. Manco il tempo di dire all'Italia che gli accordi con la Cina non si fanno perché la Cina è pericolosa e che non rispetta i diritti umani che Macron, questo manichino semovente dall'aria sempre inutilmente pensosa, firma contratti miliardari con questa. 

Questo finto, fasullo fino al midollo, "europeista" è convinto di essere un grande statista e il salvatore della causa europea. E' convinto che l'asse franco-tedesco sia l'argine ai "populismi". E' convinto di essere il più intelligente e in gamba di tutti e che, grazie a lui, la "casa europea" si salverà. 

Ignaro, per manifesta limitatezza intellettuale, che la fine prossima ventura di questa Europa è dovuta prima di tutto alla ipocrisia congenita, al nazionalismo travestito da europeismo, al colonialismo truccato da cooperazione internazionale, all'osanna al finanzcapitalismo spacciata per sviluppo, al doppiopesimo dei diritti umani che i maggiori paesi dell'Unione come la Francia, la Gran Bretagna e la Germania da sempre testimoniano convintamente al seguito del più ipocrita paese del mondo, gli Usa.

In Italia al governo abbiamo gente mediocre, a tratti cattiva, scadente politicamente e umanamente ma si tranquillizzino quelli che a ogni piè sospinto parlano di "italietta", "italioti", "repubblica delle banane" e cretinate del genere. Fossero meno provinciali, o provinciali quanto quelli che stanno oltre le Alpi, si accorgerebbero in meno di un minuto che l'Italietta è in ottima compagnia con la germanietta, la francetta, l'inghilterretta e tutto il resto del lordume liberista che vi si accompagna.

Fonte: https://www.facebook.com/turi.comito/posts/10216027610437016.



Sullo stesso argomento:

COME SI DIRA' IN FRANCESE "CHIAGNE E FOTTI"?