Iran – L’ultimo passo. Considerazioni di un iraniano

Riceviamo e pubblichiamo una visione dall’interno della crisi iraniana, di un cittadino che appoggia la repubblica nata dalla rivoluzione del 1979 ma è critico con diverse personalità politiche

la Guida Suprema, l'Āyatollāh Seyyed ʿAlī Ḥoseynī Khāmeneī

la Guida Suprema, l'Āyatollāh Seyyed ʿAlī Ḥoseynī Khāmeneī

Redazione 17 gennaio 2018

Riceviamo e pubblichiamo una visione dall’interno della crisi iraniana, di un cittadino che appoggia la repubblica nata dalla rivoluzione del 1979 ma è critico con diverse personalità politiche


 


 


di Hamed Ghashghavi.


 


TEHERAN (Iran)  -  Due settimane fa, si è tenuta la prima manifestazione a Mashhad e il motivo principale risiedeva nella totale insoddisfazione della popolazione nei confronti degli istituti di credito e delle banche, che hanno preso i suoi soldi in ostaggio per diversi mesi. Alcuni mesi fa ho visto io stesso persone che protestavano pacificamente davanti al Parlamento iraniano e alla Banca centrale. In realtà, le banche in Iran hanno poteri effettivi (a volte più delle banche europee) e gli interessi sono compresi tra il 15 e il 25%, investiti in progetti edilizi e altri settori in cui normalmente non dovrebbero esserlo affatto.


Non possiamo mai negare che i cittadini, me compreso, stiano affrontando problemi finanziari dovuti alla situazione del paese, essenzialmente dopo che il governo del presidente Rouhani ha speso la maggior parte del suo tempo e delle sue energie nel Piano d'azione globale congiunto (Joint Comprehensive Plan of Action – JCPOA, ndr). Sebbene Rouhani avesse promesso che la crisi economica e finanziaria dell'Iran sarebbe stata risolta dopo quell'accordo, la crisi è semmai ancora in aumento.


Naturalmente gli embarghi americani ed europei hanno in parte influenzato la crisi economica, ma l'inefficienza dell'amministrazione Rouhani era all'origine di tutto questo. La Guida Suprema da anni parla dell’Economia Resistiva (Economia della Resistenza) e dell'importanza dell'economia interna (quella indigena basata sulla produzione e l'occupazione nazionale) mentre molti funzionari (particolarmente nel governo di Rouhani) ritengono che l’unica soluzione sia quella di essere in contatto con le economie europee e americane. Quindi, dopo che la Guida ha emanato i principi di quell'Economia di resistenza, le autorità hanno cominciato a usare ripetutamente quell'espressione nelle loro interviste e discorsi che esortavano la Guida Suprema a scegliere l’«Economia di Resistenza: produzione e occupazione» come nome dell'anno corrente (nel calendario persiano).


A partire da quell'accordo, molte aziende europee come Peugeot, Citroën, TOTAL e altre ancora sono venute a Teheran e hanno firmato diversi contratti con parti sia governative che non governative. Ebbene in pratica, e come ha affermato la Guida Suprema, questi contratti sono stati firmati ma nulla è cambiato sul campo. Inoltre, la gente ha capito che le promesse di Rouhani non sono state soddisfatte. Anche se vi fossero vantaggi economici provenienti da questo accordo, i benefici sarebbero per le grandi aziende e non per la classe media.


Siccome in questi giorni sento persino alcuni amici che dicono che gli Stati europei vorrebbero rimanere fedeli al JCPOA, vorrei aggiungere questo punto riguardo all'atteggiamento europeo su questo tema:


Francesco Condemi, un documentarista francese, nel suo lavoro intitolato "L’affaire Peugeot"  (2013) ha affermato che la lobby sionista in Francia sta facendo molta pressione sulla società Peugeot per tagliare i suoi legami con la Iran Khodro (marcata come IKCO, una casa automobilistica multinazionale iraniana con sede a Teheran). Di conseguenza, questo fatto sottolinea che gli europei non sono impegnati in alcun tipo di accordo con l'Iran e, una volta minacciati i loro interessi, sono i primi a mettersi contro di te.


Non solo sulla base di quel documentario e delle statistiche, ma anche secondo gli analisti di FranceTV, dopo la stessa Francia, l'Iran è il più grande mercato mondiale per i prodotti di quella società mentre in Europa le auto francesi sono al terzo posto dopo le auto tedesche e italiane, che hanno migliori qualità.


Tenere una manifestazione pacifica in Iran è un diritto garantito come previsto dalla costituzione. Nessuna delle prime dimostrazioni all'inizio è stata violenta finché gli agenti dei nemici non si sono infiltrati. Bruciando i ritratti delle bandiere e dei martiri, attaccando alcuni edifici militari e danneggiando i luoghi pubblici e sparando contro di essi, hanno deviato i dimostranti dalla loro ragione iniziale.


ALLE RECENTI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL POPOLO IRANIANO, CON IL 73,03% DI PARTECIPAZIONE, HA MOSTRATO DI SOSTENERE LA RIVOLUZIONE ISLAMICA E DI RICONOSCERE CHE LA PRINCIPALE RAGIONE DELLA STABILITÀ E DELLA SICUREZZA DELL’ IRAN IN UNA TALE REGIONE È LA SAGGEZZA DELLA GUIDA SUPREMA.


 


E onestamente, qual è la percentuale di cittadini americani ed europei che partecipa alle proprie elezioni presidenziali?


Sayed Ali Khamenei, la Guida Suprema, in un discorso pubblico, il 15 febbraio 2017, ha dichiarato:


"Dico questo ai funzionari del paese, se la gente partecipa il 22 di Bahman (la data sul calendario persiano coincidente con l'anniversario dell'11 febbraio 1979, della Rivoluzione Islamica) a una dimostrazione, ciò non significa che siano soddisfatti di ciò che facciamo, le persone sono insaziabili, sono insaziabili a causa di molte questioni che accadono nel paese, la gente non ama la discriminazione, ovunque vedono una discriminazione si sentono male e soffrono, lo stesso quando vedono l'ipotiroidismo, lo stesso quando vedono (autorità) essere indifferenti ai loro problemi, quando vedono le cose che non avanzano, sono insaziabili. Il 22 di Bahman deve essere considerato separatamente, la resistenza della gente in contrapposizione a un nemico imboscatosi per mandare giù l'Iran è una cosa, che si è resa evidente il 22 di Bahman, e la loro aspettativa su di noi, i funzionari, è un'altra cosa! "


"Se la gente è scesa in piazza il 22 di Bahman non significa che sia soddisfatta di ciò che fa il governo. La Guida Suprema ha aggiunto: "Le rimostranze della gente non possono essere ignorate: recessione, disoccupazione e inflazione sono questioni importanti.


E ha anche affermato:


"Un funzionario europeo ha detto a uno dei nostri funzionari che se non fosse stato per il JCPOA, una guerra contro l'Iran sarebbe stata certa. Questa è solo una bugia! Perché parlano di guerra? Perché vogliono coinvolgere le menti in guerra; tuttavia, la vera guerra è una guerra economica, le sanzioni e il crollo dei tassi di attività occupazionale e delle industrie tecnologiche nel nostro paese. Attirano la nostra attenzione su una guerra militare perché possiamo dimenticare queste altre guerre. Una vera guerra è una guerra culturale".


Indubbiamente, il diritto delle persone a manifestare pacificamente è un diritto essenziale, ma dovremmo fare attenzione alle infiltrazioni straniere. Non possiamo dimenticare cosa è successo e sta ancora accadendo in Ucraina, in Georgia e in alcuni altri paesi dell'Europa orientale. In aggiunta a ciò abbiamo scoperto la manipolazione dei media su Libia e Siria da parte di persone come il sedicente filosofo francese Bernard-Henri Lévy e George Soros e varie dimostrazioni inventate che sono state girate in un set in Qatar mentre si fingeva che si svolgessero in Libia. Abbiamo assistito alla stessa cosa in Siria nell’inventare ragazze e ragazzi che venivano feriti brutalmente dall'esercito siriano o in Ucraina li abbiamo visti essere a Maidan e dopo questo si è scoperto che le foto erano state scattate in uno studio.




Durante i recenti eventi in Iran, la Western Mainstream Media ha utilizzato gli stessi video per diverse città iraniane. BBC Persian, VOA Persian e Manoto stavano cercando di stimolare il caos in tutti i modi possibili. Vale la pena ricordare che quasi 200 canali televisivi in lingua persiana sono stati fondati in Iran dopo le elezioni presidenziali del 2009. Questi canali provocano la gente a respingere il loro governo chiamandoli a manifestare e venire in strada.


Inoltre, fanno il lavaggio del cervello alle menti degli iraniani attraverso molteplici serie e film che attaccano il loro stile di vita, i valori e le convenzioni ideologico-culturali. Le serie TV e i film in cui non possiamo capire chi ha rapporti sessuali con chi, se una donna sia incinta, se questo sia il risultato dell’avere rapporti sessuali con il marito o il fidanzato e promuovono anche ben altri tipi di perversioni intellettuali e sessuali.


Tutti questi canali internazionali sono sostenuti e finanziati dalle potenze occidentali, principalmente dall'intellighenzia britannica e americana. Inoltre, le cosiddette ONG come il Centro per la politica mediorientale della Brookings Institution (Centro Saban), l'Istituto repubblicano internazionale, la Freedom House, l'Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID), l'Istituto Albert Einstein, il Consiglio per le relazioni estere, l'American Enterprise Institute e molti altri stanno facendo del loro meglio per interferire negli affari iraniani.


TRUMP E GLI ALTRI CHE, IN NOME DEI DIRITTI UMANI, LAVORANO MOLTO PER CREARE IL CAOS NELL'IRAN, MENTRE IGNORANO I LORO CRIMINI NEL MONDO, UCCISIONI, MASSACRI, TORTURE, IL COMPIERE GENOCIDI, RACCOGLIENDO, VIOLANDO E RUBANDO LA RICCHEZZA E LE RISORSE DELLE NAZIONI POVERE.


 


Gli iraniani, popolo ed élite, con una mano condannano la violenza e con l’altra sono contro le autorità corrotte che devono pagare il prezzo e la gente deve vedere il risultato di ciò che ha detto la Guida. Ai miei occhi, quelle autorità che hanno tradito la fiducia della nazione devono essere giustiziate. Tuttavia, molti funzionari, tra cui il generale Mohsen Rezaee, ritengono che non dovremmo mettere gli individui anti-governativi infiltrati con i pacifici cittadini nello stesso pacchetto. Quelle persone pacifiche chiedono di avere una situazione economica migliore, il che è un diritto legittimo e fondamentale.


 


Sicuramente, Iran, Russia, Siria, Iraq ed Hezbollah hanno sconfitto la cosiddetta "Guerra al Terrore" americana e il loro progetto per il Medio Oriente iniziato con l’11 settembre 2001. Tutti i gruppi estremisti settari Wahhabiti non sono riusciti a realizzare il sogno americano. Di conseguenza, creare il caos in Iran è il loro ultimo passo, ma, fortunatamente, il popolo iraniano è abbastanza saggio per affrontare queste cospirazioni.


È significativo che le manifestazioni filogovernative siano occasionalmente detenute in stati democratici come l'Iran. Le persone sono scese in strada, nonostante il clima estremamente freddo e nevoso, per attaccare le violente attività anti-governative in atto. Tuttavia, i media occidentali e sauditi non danno copertura mediatica a queste manifestazioni in favore della Guida e della Repubblica islamica come se non avessero una tale popolarità. Sorprendentemente, uno degli slogan del popolo che condanna gli agenti stranieri infiltrati nelle prime proteste è stato, "NOI COME POPOLO CI CURIAMO DI FERMARE LA DIMOSTRAZIONE ANTI-RIVOLUZIONE E TU FUNZIONARIO PRENDITI CURA DEI PROBLEMI ECONOMICI".


 


Qui ci sono alcuni esempi dei giorni scorsi:


Anniversario della manifestazione filogovernativa del 30 dicembre 2009alcune foto della manifestazione del 2009


(Dic. 29): Tabriz


(Dic. 30): Teheran 1Lungo tutto il Paese 1QomTeheran 2Lungo tutto il Paese 2,


Raduni pro-governativi dopo i recenti eventi: Zanjan (Gen. 1), Lungo il Paese (Gen. 2), Lungo il Paese 2 (Gen. 2), Gente che appoggia le forze di polizia ad Azadshahr di Mashhad (Gen. 2), Lungo il Paese 3 (Gen. 3), Teheran dopo la preghiera del Venerdì (Gen. 5), Preghiera dello scorso Venerdì a Teheran (Gen. 5), Lungo il Paese 4 (Gen. 4), Lungo il Paese 5 (Gen. 4), Lungo il Paese 6 (Gen. 7)


 


Le basi militari statunitensi hanno formato una fascia strategica attorno all'Iran, così come molti gruppi estremisti terroristi come Al-Qa'ida ai confini orientali e ISIS ai confini occidentali che sono stati instituiti dall'intelligence USA. Tuttavia, essi hanno dimostrato un completo fallimento e hanno invece rafforzato l'Iran. La Guida Suprema Sayed Ali Khamenei ha deriso il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e ha detto che avrebbe fallito nella sua linea dura contro l'Iran, proprio come il suo predecessore "più intelligente", Ronald Reagan aveva fatto prima di lui. "Reagan era più potente e più intelligente di Trump. Era un attore migliore nel fare minacce. Si è anche mosso contro di noi e ha abbattuto un nostro aereo", ha sottolineato il leader Khamenei.


 


Sapevamo che l'anno scorso l'attacco dell'ISIS a Teheran fu finanziato e sponsorizzato dal governo saudita e ancor prima che Ben Salman dicesse "porteremo la guerra in Iran". E se guardiamo ai recenti eventi in Iran, la maggior parte degli hashtag correlati sono stati lanciati dall'Arabia Saudita.


Siccome mi è stato chiesto da molti amici circa lo stato attuale di Ahmadinejad, aggiungo questo punto in quanto un grande EX fan di quest’uomo:


Posso immaginare come la comprensione delle politiche interne dell'Iran sia difficile per il pubblico straniero ed è per questo che i media mainstream occidentali sono confusi a riguardo. Ecco perché nel mio ultimo articolo ho dato spiegazioni sui presidenti iraniani e suggerisco a coloro che vorrebbero sapere perché e in che modo Ahmadinejad si trova in una situazione del genere, di leggere la parte relativa di questo articolo:



(Questa è una parte del sistema politico-religioso dell'Iran - dal francese Le Monde Diplomatique)


 






Sappiamo tutti che il potere giudiziario in Iran è politicamente indipendente, dal momento che abbiamo visto che molti parenti di elevati funzionari come il figlio di Hashemi Rafsanjani (Mehdi), il fratello del presidente Rouhani (Hossein Feridon), il fratello del vicepresidente Jahangiri (Mehdi), il deputato di Ahmadinejad (Mohammad Reza Rahimi) sono stati tutti condannati per corruzione e sono attualmente in carcere.


 


Ahmadinejad ha recentemente iniziato ad attaccare il potere giudiziario perché i suoi amici più stretti sono stati arrestati o incarcerati, presso agenzie di stampa o nei siti internet iraniani, tranne uno o due, e fino ad oggi non ci sono informazioni confermate sull'arresto di Ahmadinejad o sul suo probabile coinvolgimento nelle recenti provocazioni. Ma ancora una volta in quanto un grande EX fan di Mahmoud, (e lui stesso sa quanto l'ho amato e lui era una figura molto importante per me) spero che questa notizia sia vera in quanto questo ex-grande uomo è diventato molto egoista e arrogante.


 


E ultimo punto sorprendente: dopo la stupida decisione di Trump di spostare l'ambasciata americana a Gerusalemme e riconoscere quella città santa come capitale di una falsa entità inumana e criminale, il mondo intero parlava della Palestina e ora dopo i recenti eventi iraniani, chi parla più di quella questione?


 


Terminiamo questo articolo citando la reazione di ieri (9 gennaio) della Guida Suprema dell'Iran agli eventi recenti.


Il Leader della Rivoluzione ha discusso il modello triangolare, o la piramide dello schema gerarchico, per descrivere chi era responsabile per il flusso di denaro e per portare a termine gli eventi orchestrati in Iran di recente.


 


La gerarchia della piramide/triangolo è indicata dall'alto (1) verso il basso (3) nelle stesse parole dell'Ayatollah Khamenei:



  1. "La trama è stata fatta dagli americani (statunitensi) e sionisti. Stanno tramando da molti mesi per dare inizio alle rivolte nelle piccole città e alla fine spostarsi verso il centro ".

  2. "Il denaro è stato fornito da un governo molto ricco vicino al Golfo Persico. Bene, queste trame sono costose. Gli americani non sono disposti a spendere soldi mentre un tale tipo di complici si trova già lì ".

  3. "Il terzo lato del triangolo è costituito dai seguaci sottomessi degli Stati Uniti: l’Organizzazione Mohajhedeen-E-Khalq, il sanguinario MEK."


"I governanti negli Stati Uniti, in primo luogo, sanno di non aver raggiunto il loro obiettivo: potrebbero provare a ripeterlo, ma sanno che non potranno mai realizzarlo. In secondo luogo, ci hanno danneggiato in questi giorni, sanno che ci sarà una qualche sorta di ritorsione".


"Le vaste manifestazioni che scaturiscono da milioni di Iraniani contro le recenti sommosse non sono eventi ordinari. In nessun luogo, in questo mondo, abbiamo assistito allo stesso identico fenomeno. Sono ben informato su questo. Questo grande, coerente movimento popolare contro la cospirazione dei nemici, con tale organizzazione, consapevolezza ed entusiasmo è unico nel mondo, e continua da quarant'anni ".


"Non è semplicemente una questione di un numero di anni. È una lotta di una nazione contro un anti-nazione; una lotta dell'Iran contro l'anti-Iran; una lotta dell'Islam contro l'anti-Islam: questo è sempre esistito e persisterà ".


 


"Tutte le azioni che i nemici hanno intrapreso contro di noi, negli ultimi quarant'anni, sono contrattacchi contro la rivoluzione islamica. La rivoluzione ha sradicato la posizione politica dei nemici nel paese; ora loro (il nemico) usano contrattacchi, frequentemente, e vengono sconfitti ogni volta. Il nemico agisce e non può avanzare a causa della resistenza: la forte barriera nazionale e popolare".


"Ancora una volta, la nazione con la sua piena potenza dice agli Stati Uniti, al Regno Unito e ai loro londinesi, 'non potevano farlo accadere questa volta, e non raggiungeranno mai i loro obiettivi.'"


"Varie analisi sono state proposte durante questi giorni. Tutte queste analisi avevano un punto comune: il punto che consente ai desideri retti e veritieri della gente di essere distinti dai movimenti brutali e distruttivi di un altro gruppo. I due devono essere distinti".


 


"Che una persona sia privata di un diritto e vi si opponga: o che i manifestanti - centinaia di persone – si uniscano e si riuniscano per esprimere le loro preoccupazioni, è una cosa; e che un numero di persone di questo raduno abusino di questo motivo - per insultare il Corano, insultare l'Islam, insultare la bandiera, bruciare la Moschea, commettere sabotaggi o dare fuoco al paese - è un'altra cosa. I due non dovrebbero essere mescolati. "


"I desideri, gli appelli o le proteste della gente sono sempre esistiti in questo paese e persistono oggi. Bene, come queste istituzioni finanziarie problematiche, alcuni istituti sono stati problematici e hanno reso alcune persone molto insoddisfatte ".


"Questi appelli devono essere affrontati e ascoltati. Devono trovare il più possibile risposta".


Tutti noi - Non dico "gli altri devono seguire" - Io stesso sono responsabile; tutti noi "dobbiamo seguire questo approccio".


 


"Vorrei aggiungere che questi eventi hanno un modello o uno schema a triangolo distinto. Gli eventi non sono emersi da un giorno all'altro; ma sono stati organizzati con cura. Le mie osservazioni si basano su informazioni provenienti da fonti di intelligence: alcune sono rese evidenti dalle loro stesse dichiarazioni, alcune sono state ottenute attraverso operazioni di intelligence ".


"Erano pronti mesi fa. I media del MEK hanno ammesso questo; hanno detto, di recente, di essere stati in contatto con gli americani qualche mese fa, per eseguire gli ordini degli Stati Uniti: organizzare disordini, incontrare questa o quella persona, trovare individui all'interno del paese per aiutarli a sparpagliarsi tra le persone. E che sono stati loro a iniziarlo."


"Hanno iniziato con uno slogan [per attirare l'attenzione] in opposizione ai prezzi elevati. Bene, questo è uno slogan che piace a tutti. Volevano attirare alcune persone con questo messaggio, quindi entrare nell'arena per perseguire i loro obiettivi malvagi e attrarre seguaci. Quello che le persone hanno fatto è questo: in primo luogo, alcune persone sono venute in strada - anche se non un gran numero -, tuttavia, proprio mentre capivano le reali intenzioni che vi erano dietro, le persone hanno separato le loro linee ".


 


"Da una parte, i rivoltosi hanno gridato ‘la mia vita è stata sacrificata per il bene dell'Iran’, dall'altra parte hanno bruciato la bandiera dell'Iran! Gli stupidi non hanno capito che queste due azioni semplicemente non possono andare insieme. Bene, speriamo che tu (MEK) muoia per l'Iran! Ma quando hai tenuto testa ai nemici dell'Iran? Coloro che hanno sempre resistito al nemico dell'Iran sono i devoti, i credenti e i rivoluzionari. Chi erano i 300.000 martiri dell'era della Santa Difesa? Erano questi uomini credenti e rivoluzionari che difesero il loro paese. Quando è che tu (MEK) sei mai morto per l'Iran, tu che gridi "la mia vita è stata sacrificata per il bene dell'Iran"?


"Bene, gli Stati Uniti ora sono arrabbiati, estremamente furiosi; non sono in collera solo con me; sono arrabbiati con tutti e tutto: arrabbiati con il popolo iraniano, arrabbiati con il governo, e arrabbiati con la Rivoluzione Iraniana perché sono stati sconfitti da questo massiccio movimento di rappresaglia ".


"Ora, i funzionari degli Stati Uniti hanno iniziato a dire sciocchezze; il presidente degli Stati Uniti afferma che il governo iraniano teme il proprio popolo! No, il governo iraniano è nato dal suo popolo; è per il proprio popolo, è creato dal popolo iraniano e fa affidamento su di esso. Perché dovrebbe temere il suo stesso popolo? Se il popolo non fosse lì, nessun governo islamico esisterebbe!"


 


"Lui [Trump] sostiene che il governo Iraniano abbia paura del potere degli Stati Uniti. Quindi, se siamo "spaventati" da voi, come abbiamo fatto ad espellervi dall'Iran verso la fine degli anni '70 e ad espellervi dall'intera regione nel 2010?"


"I governanti negli Stati Uniti, in primo luogo, sanno di non aver raggiunto il loro obiettivo: potrebbero provare a ripeterlo, ma sanno che non potranno mai realizzarlo. In secondo luogo, ci hanno danneggiato durante questi giorni, sanno che ci sarà una sorta di rappresaglia. Terzo, quest'uomo che siede alla testa della Casa Bianca - anche se, sembra essere un uomo molto instabile - deve rendersi conto che questi episodi estremi e psicotici non saranno lasciati senza una risposta."


Nelle sue ultime dichiarazioni l'Ayatollah Khamenei, la Guida della Rivoluzione, ha ricordato al suo pubblico: "Coloro che amano fare amicizia con gli agenti statunitensi – che siano fuori o che, sfortunatamente, siano alcuni all'interno - sanno anche che questo sistema sta fortemente in piedi e risolverà tutte le debolezze e i problemi con la grazia di Dio ".


 


 


Foto dei recenti raduni a favore dei governi nel gennaio 2018:




 


 


Manifestazioni:


Rasht (https://www.tasnimnews.com/fa/media/1396/10/17/1621775/راهپیمایی-مردم-رشت-در-محکومیت-اغتشاشات-اخیر) 


Mashhad 2 (https://www.tasnimnews.com/fa/media/1396/10/14/1619394/راهپیمایی-مردم-مشهد-در-محکومیت-اغتشاشات-اخیر)


Isfahan (https://www.tasnimnews.com/fa/media/1396/10/14/1619508/راهپیمایی-مردم-اصفهان-در-محکومیت-اغتشاشات-اخیر)


Tehran 2 (https://www.tasnimnews.com/fa/media/1396/10/15/1620081/راهپیمایی-نمازگزاران-تهران-در-محکومیت-اغتشاشات-اخیر)


Ahavz (https://www.tasnimnews.com/fa/media/1396/10/13/1618792/راهپیمایی-عظیم-شکوه-وحدت-در-اهواز)


Ilam and Bodschurd (https://www.tasnimnews.com/fa/media/1396/10/13/1618720/راهپیمایی-مردم-بجنورد-و-ایلام-در-محکومیت-اغتشاشات-اخیر)


 


 


Traduzione a cura di Basiliscus Basiliscus.