Bridge over troubled water

La lotta di classe è una guerra, che il Capitale sta vincendo con la sistematica disumanizzazione dell’avversario da sfruttare. [Alessandra Daniele]

Alessandra Daniele | Bridge over troubled water

Alessandra Daniele | Bridge over troubled water

di Alessandra Daniele*


 


Sono fattorini di Foodora. Li chiamano rider. Li trattano da schiavi. A cottimo, in bicicletta sotto la pioggia e sotto controllo via GPS, come droni telecomandati della Gig Economy. Gig Robot. Hanno chiesto il diritto di essere riconosciuti come lavoratori dipendenti.


Il tribunale gli ha dato torto.


Erano operai dell’Olivetti. Respiravano amianto. Senza sapere che ciò che gli dava da vivere li stava uccidendo. Sono morti di mesotelioma. Le lor famiglie hanno chiesto giustizia.


Il tribunale gli ha dato torto.


E c’è chi ancora promette la via giudiziaria al Cambiamento. Come se la sola causa delle mostruosità del capitalismo fosse la corruzione, e quindi potesse esistere un capitalismo buono perché “sano”.


La mostruosità è connaturata al capitalismo, che produce solo “giustizia” classista.


Fra una settimana ritorna il Primo Maggio, ma i lavoratori non hanno niente da festeggiare.


Questa settimana ritorna il 25 Aprile, ma la guerra continua.


La lotta di classe è una guerra, che il Capitale sta vincendo con la sistematica disumanizzazione dell’avversario da sfruttare.


È una guerra che devasta i territori e deporta i popoli, che mette le sue vittime l’una contro l’altra per annientarle entrambe.


È una guerra di dominio e di sterminio, che fa milioni di morti più o meno “bianche”, e distrugge speranze e dignità di intere generazioni.


È una guerra nella quale è consentito l’uso di qualsiasi arma chimica, dai lacrimogeni ai cancerogeni, e dalla quale non c’è rifugio, perché se scappi dalla fame sei un “migrante economico”, cioè un clandestino. E uno schiavo.


È la madre di tutte le invasioni coloniali, e di tutti i regimi fascisti, torvi, farseschi, o entrambe le cose, più o meno camuffati da democrazie


La lotta di classe è la guerra, e si combatte ogni giorno in ogni angolo del mondo.


La guerra per il predominio delle cose sulle persone.


Per chi potrà permetterselo, il ponte fra il 25 Aprile e il Primo Maggio s’avvicina. La liberazione dei lavoratori però è ancora lontana.


(22 aprile 2018)


 


*Alessandra Daniele è dal 2006 fra i redattori di Carmilla, per la quale ha scritto più di mezzo migliaio fra articoli, corsivi, recensioni, e racconti brevi. Ho collaborato a tre antologie cartacee: due progetti collettivi Creative Commons che ha contribuito a ideare, Sorci Verdi (Alegre, 2011) e Scorrete lacrime, disse lo sceriffo (Crash, 2008) e l’antologia urban horror: Sinistre Presenze (Bietti, 2013). Ha pubblicato due diverse raccolte dei miei testi carmilliani: Schegge Taglienti (Agenzia X, 2014) e l’ebook gratuito: L’Era del Cazzaro (Carmilla, 2016). Il suo blog: Schegge taglienti.


 


Link articolo: Bridge over troubled water