Top

Finanza, continuavano a chiamarla Trinità

'Quando ero bimbo, negli anni ‘60, la Finanza era come la Polinesia. Se ne conosceva l''esistenza ma appariva ''remota'' alla maggior parte della popolazione. [Glauco Benigni]'

Finanza, continuavano a chiamarla Trinità

Redazione

23 Maggio 2016 - 21.33


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile

Middle placement Mobile
di
Glauco Benigni
.

Dynamic 1

Il 21 maggio, a Sendai (Giappone) si è
concluso il G7. «Nel corso della due giorni – scrive Repubblica.it – le
autorità finanziarie delle maggiori economie mondiali si sono confrontate su
temi come l”uso di politica monetaria, spesa pubblica e riforme a lungo termine
in relazione all”obiettivo comune della crescita, per virare in conclusione su
lotta al terrorismo, evasione fiscale e sostegno finanziario alla ricerca
contro le pandemie.»

Dynamic 2

E già !… la finanza

Dynamic 3
pubblica e anche molto, molto privata.

Dynamic 4
Quando ero bambino, negli anni ‘60, la
Finanza era come la Polinesia. Se ne conosceva l”esistenza ma appariva
“remota” alla maggior parte della popolazione. Veniva evocata in
qualche giornale, nelle pagine per “addetti ai lavori” . Alla radio,
speaker frettolosi leggevano i valori dei titoli delle società quotate in Borsa
come se recitassero il Rosario laico di Cuccia & Co.: Fiat, Eridania,
Eni, Generali … poi il tutto veniva ricoperto dagli echi del
boom economico e dalla sua colonna sonora : “Che mi importa del
mondo”, “Non essere geloso se con gli altri ballo il twist”,
“Io che amo solo te “…

Il debito pubblico era molto contenuto.

Dynamic 5

Mike Bongiorno non parlava mai di Finanza .
Il Tg Unico quasi mai. Ogni tanto la stampa faceva titoli sul figlio o la
figlia del finanziere X che si godevano la vita tra Montecarlo e il Kenia …
in altri casi si narrava di un finanziere Y che aveva fatto bancarotta e il suo
yacht a Portofino era andato all”asta . Storie che sconfinavano nel Mito.

Era un”Italia “fondata sul
lavoro”. Quindi si parlava molto di Economia e molto meno di Finanza .
Appariva “remota”. Eppure non lo era. Arrivarono a un certo punto i
primi “martiri” : Calvi, Sindona, Marcinkus… La finanza divenne
“meno remota”, ma comunque restò “per pochi”. Poi fu il
tempo della Milano da bere che “giocava” anche in Borsa .

È alla fine del 1999, con il grande botto
di Nasdaq, che El Pueblo italiano
comincia a parlare più diffusamente di finanza privata. Qualche mese prima il
mio benzinaio di fiducia aveva comprato Yahoo!
e Microsoft e il mio macellaio
stava per comprare Tiscali al
momento della sua collocazione a Milano. Il mio Portiere invece non credeva più
nelle Generali e nelle Pirelli, e si informava per capire come
guadagnare con AOL – American Online
.

Era un altro mondo. Altri valori, altri Olimpi,
altre Divinità.

Il debito pubblico comunque aveva già
“bucato” il tetto del primo miliardo di euro.

Cerco di spiegarmi: il Dio Denaro esiste da
sempre, ma non si era capito bene da dove avesse origine, da quale magica fonte sgorgasse. Si pensava nelle
strade e si insegnava nelle Università che la valuta esistesse in quanto garantita da qualcos”altro: Oro, Materie
prime, Pil . E che questo “qualcos”altro” fosse nelle salde mani dei
Governi Eletti dal Popolo Sovrano.

Quanto eravamo ingenui.

Nessuno aveva mai chiarito che : il Dio
denaro è Uno e Trino. Un po” come il Dio di Church of Rome, un po” come Brahma
– Shiva – Visnù , un po” come E=mC2.

Oggi però comincia ad essere abbastanza
evidente.

La Finanza-Padre è il polo superiore di una
triade che la vede in stabile relazione con altri due Poli: l”Economia-Figlio e
la Valuta circolante-Spirito Santo .

Recentemente infine si è capito finalmente
che la Finanza – sostenuta dalle Banche Centrali e dai Mercati – crea valore dal nulla: come Dio!

La sua creatura, il Denaro, si manifesta e si incarna , sotto forma di
debito/prestito, assume sia forma materica che virtuale ma misurabile nelle
Borse e nell”economia globalizzata; orienta le scelte
strategiche e gli investimenti. Irrompe prepotente e condiziona le campagne elettorali.

Come in un enorme circuito elettrico su
scala planetaria, l”oscillazione di valore Più/Meno, cioè la sua differenza di potenziale, applicata
alla Resistenza-Economia , fa circolare la valuta , la linfa che alimenta la
massima parte della specie: $, €, Yen, Yuan, British Pound e così via . Se
volete … crea e distribusice le fiches
con le quali al dunque ci si siede al tavolo e si gioca la partita della vita .

Un esempio macroscopico ? Il Quantitative
Easing
, abbreviato in “QE“.

Con questa locuzione inglese si designa una
delle modalità con cui avviene la creazione di moneta da parte di una banca
centrale e la sua iniezione, con operazioni di mercato aperto, nel sistema
finanziario ed economico.

Per far ciò però ci vuole per lo meno una banca centrale nazionale … e noi non
ce l”abbiamo più.

Gli USA
invece mantengono intatto il loro
imponente laboratorio di alchimie
finanziarie
. E lì la creazione continua a manifestarsi :

– Dal 1913 al 2007, la Banca Centrale USA – Fed, in 94
anni aveva stampato circa 828 miliardi di dollari. Poco meno di 9 miliardi di
dollari l”anno. Bazzecole! … poi è cominciata la folle abbuffata .Governi
bulimici, eletti con i soldi dei finanzieri, hanno stappato l”elisir del
delirio collettivo pur di non rinunciare alla supremazia loro e dei loro patrons .

РIl QE 1 ̬
iniziato nel 2008 con l’acquisto di 100 miliardi di dollari di debito di
imprese private con supporto governativo (quali Fannie
Mae
e Freddie Mac) e 500
miliardi di Mortgage Baked Securities
(obbligazioni fondate sul pagamento dei mutui). [Avete visto il film “La
grande scommessa ?”]. Pochi mesi dopo, il programma è stato ampliato in
quantità e qualità, con l’acquisto di 300 miliardi di Treasuries (titoli di stato) a lungo termine. Il QE1 ha avuto
termine all’inizio del 2010;

– Gli acquisti di titoli sono ricominciati nel novembre
del 2010 (QE 2). Nel 2011, con
l’operazione Twist, la banca centrale statunitense ha modificato la
composizione del suo portafoglio, vendendo titoli a breve e acquistando titoli
a lungo termine; l’obiettivo era quello di diminuire i tassi di interesse a
lungo termine rispetto a quelli a breve.

РNel settembre 2012 ̬ stata approvata la terza ondata
di acquisti (QE 3): a differenza di
QE 1 e QE 2, la FED non ha stabilito l’ammontare di titoli da comprare, ma il
“ritmo degli acquisti”, pari a 40 miliardi di dollari al mese. Dopo
pochi mesi la FED ha deciso anche di acquistare Treasuries a lungo termine al ritmo di 45 miliardi al mese (QE 4).

– Negli anni seguenti e fino al recente passato la FED
ha continuato il suo programma autorizzando CREAZIONE DI MONETA al ritmo di 85
miliardi di dollari al mese .

– I dati circolanti sono confusi . Probabilmente la
crescente oscenità dei valori – se commisurati a quelli della vita reale e a
quelli del Debito Pubblico delle nazioni orbitanti attorno agli USA – non
consente affermazioni definitive. Si parla di un totale oscillante tra 4,5 e 16
trilioni di dollari. Quasi un quarto del Prodotto Interno Lordo annuo
dell”intero pianeta .

Questa è la Finanza bellezza! La continua copula tra le Istituzioni
Pubbliche e il Mercato Finanziario
.

Oggi il pianeta rappresentato al G7 e al
G20, in relazione alla Finanza, è (anche) divisibile in classi di conoscenza: esoterica
e di appartenenza reddituale. Da una
parte (in un ipotetico “alto”) siedono i Grandi sacerdoti del Dio
Denaro , gli Alchimisti stampatori ed erogatori di linee di credito . Liberi di
farlo: così semplicemente. ab nihilo.
Dal Nulla. Per pura volontà di
sopravvivenza egemonica, sostenuta dalle visioni dominanti dei clan di
appartenenza e dagli eserciti a loro disposizione.

I grandi
sacerdoti
del Dio denaro creano
… instancabili .

Pur di continuare a creare sono pronti a
buttare la bombe atomiche sugli ospedali e sugli ospizi, sui campi di rifugiati
e orfani delle guerre che hanno inventato loro e i loro sprezzanti sgherri.

Sotto di loro un”immesa struttura
piramidale abitata dagli Officianti, che vanno dai CEO – Chief of Executive
Officiers, boss delle strutture finanziarie e mercantili – agli Officiers a
tempo determinato. Tra questi ultimi non posso non ricordare una sterminata
pletora di figli e figlie della nuova borghesia mondiale che vanno a fare gli stages alla City, a Wall Street e oggi
anche a Shangai.

Sono i futuri Officiers. Come quelli che
una volta andavano in seminario o si iscrivevano da giovani alla Massoneria.

Tra costoro e El Pueblo ci sono i Bancarii.
Dai direttori attempati, ai cassieri di lunga esperienza , ai riciclati dal borsino
messi dietro i separé improvvisati a suggerire gli investimenti di moda .

Quei separé sono ormai come i
confessionali, come le stanze in penombra degli psicoanalisti: “Come pensa
di tutelare la sua buonauscita ora che è in pensione?” – sussurrano i
bancari ai clienti anziani.

“Compri una bella obbligazione
azionaria garantita da un”assicurazione.”

“Il Rand sudafricano e la Lira turca
stanno crescendo. Compri”. “Investa nel Fondo dei Fondi (che già la definizione la dice lunga): ci
sono le Farmaceutiche che raffinano marijuana e veleno di scorpione per lenire
i dolori del cancro, le corporates
delle stampanti 3D e quelle dei metal detector. C”è Google che sta per rilanciarsi nell”aerospaziale e nel
riciclaggio rifiuti radioattivi”. “Punti qui. Punti là! La Guerra non
ci sarà, coraggio! Fin quando lei investe, i Mercati saranno una garanzia di
Pace. Place your bet!”

Ecco, questi sono i croupiers di base . Presenti sul territorio del pianeta, dovunque. evangelizzatori del Dio denaro e/o missionari,
che infatti sbandierano le loro “missions”.

E infine cӏ El Pueblo (in un ipotetico
“basso”?). El Nuevo Pueblo
Globalizado
. L”80% degli umani mammiferi che guadagna tra 12.000 e 120.000
Eurodollari l”anno. Cittadini, consumatori, civili di nazioni NATO alleate,
telespet-attori, utenti di social network, lavoratori (sempre meno).

El Pueblo chiamato a far fronte al suo
tempo libero, incitato al godimento, condannato ai lavori forzati digitali.
Ebbro, attonito, tifoso, malato terminale in balia del Servizio Sanitario sin
da quando ognuno esce dalla sala parto. El Pueblo che oggi parla e talvolta
straparla di Finanza , di plusvalenze, di Mercati. Che li considera non più dèi remoti, ma demoni che fanno scorribande nei loro conti correnti e mangiano i
loro risparmi. Demoni che si sono infilati nelle prime e seconde case : dei
padri, dei figli , delle coppie gay in attesa di unione civile o già
felicemente sposati.

La Finanza è entrata nella vita del Pueblo
come il Cavallo di Troia. El Nuevo Pueblo tutto: salariati e partite IVA,
piccola, media e medio alta borghesia, l”ha accolta come un ospite di riguardo
e ora la osserva – per la prima volta e fortunatamente – come una vera
sconosciuta. Anzi , come una entità astratta, misteriosa come la Trinità, che è
“non conoscibile”, occulta; non più remota nello spazio/tempo
accessibile ai 5 sensi, ma originata in un”altra dimensione: virtuale,
matematica, digitale? In arrivo dal regno del Caos? Probabilmente sì.

È “aliena” ma ne sono quasi tutti
altamente sedotti. Sedotti e abbandonati. Eppure la sfidano. La titillano. Si
bruciano i polpastrelli nel tentativo di maneggiarla a loro vantaggio.

Delle tre
grandi crisi
che in questa stagione della storia intrecciano danze sontuose
ecologica, militare e finanziaria
 El Pueblo non si interessa della prima .
Confida nella raccolta differenziata altrui. Della seconda, crede di sapere e
ne parla come se si trattasse di un Campionato di Calcio che sta tenendo le
proprie Finali in Medio Oriente, ma tanto si sa chi vince. Dalla crisi
finanziaria invece, comincia ad essere atterrito. Si sente (giustamente)
impotente. Non cӏ nessun Governo locale, nessun sindacato, nessun avvocato,
nessuna class action che lo difenda.
Non c”è più nessun broker che si possa considerare un Virgilio . Si vaga per i
gironi dell”inferno finanziario … soli.

Già al primo sguardo la fitta giungla di
termini tecnici annichilisce . Cӏ un vallum
glottologico tra El Pueblo e il dialetto Globish della Finanza.

Spread, bail-in, default, rating,
downgrade, derivatives, Quantitative easing and so on … ogni termine è un
ostacolo alla vera com-unione col Dio Denaro che ha nascosto il suo tempio
nelle nebbie della contrattazione infinita . Dietro al ghigno, per niente
rassicurante, dei Ministri preposti al controllo.

Un Dio Denaro insensibile, intollerante,
avido, aggressivo, che si manifesta nell”incitazione ossessiva all”uso di plastic money, nella compravendita di
debiti e sempre meno nell”economia. Un Dio che chiede e ottiene sacrifici umani
e non vuole più remunerare il lavoro onesto. Un Dio Denaro che scatena a suo
piacimento il Fisco come uno degli ormai tanti Cavalieri dell”Apocalisse.

È un altro mondo quello in cui si è
manifestata in tutta la sua brutalità la Finanza in questi recenti decenni. Dal
1999 al 2008, dal 2008 al tonfo delle borse cinesi e alla caduta tendenziale
del valore del petrolio.

I Mercati si riprenderanno? Ma che domande…
Non si sa! Di certo continueranno ad oscillare. Quindi ecco oggi che si
registra anche la comparsa di uno sterminato esercito di ex Day Trader
geneticamente mutati in Fast Day Trader; operatori che comprano e vendono
titoli, ma anche lo stesso titolo, nel corso della stessa giornata, fino a
decine di volte al giorno. Rappresentanti inconsapevoli del Nuevo Pueblo
Globalizado. Umani digitalizzati che seduti di fronte ai loro computer negli
angoli più remoti del mondo, oppure con in mano gli smart phone di ultima
generazione, nei bar o nei vagoni delle metropolitane, grazie a software e app
si agitano vibranti nel vortice della Global Finance .

Come decidono cosa vendere, cosa comprare?
Spesso decidono per loro gli algoritmi dei loro software e delle loro
application. Talvolta qualcuno interviene, come in un videogioco. Chi li muove
? Chi li usa?

I Grandi Sacerdoti della Finanza
ovviamente.

Ebbene oggi noi dipendiamo anche da loro .
Come una volta dipendevamo dal voto dei nostri connazionali o dagli scioperi
generali.

All”inizio i Day Traders erano gente come
John Kay , diventato in seguito Primo Ministro della Nuova Zelanda o Jimmy
Wales , il fondatore di Wikipedia o George Soros, il finanziere probabilmente
più amato dai sionisti. Oggi sono decine
di milioni di anonimi
. E influiscono sul nostro presente e sul nostro
futuro.

Un milione di click sul tasto dei loro smart
phones, 10 milioni di click sui mouse di cinesi, indiani, americani e
(idealmente) ci giochiamo il Monte dei
Paschi di Siena
o passa il pacchetto di controllo di Unicredit da un
Emirato Arabo all”altro. Crollano i giganti delle Assicurazioni. Vanno in cenere
le società telefoniche nazionali e il controllo finisce in mani sempre più
ristrette. È surreale , ma al dunque è così. Giganti come Lehman Brothers sono spariti . E domani
forse si liquefà anche Santander,
la maggiore banca spagnola. Ogni conglomerate
quotato dipende (anche) dal consenso o dissenso espresso nelle vie di Shangai,
Cape Town o Londra.

La Brexit, l”eventuale uscita della Gran
Bretagna dall”UE dopo il referendum del 23 giugno, sarebbe uno “shock che
metterebbe in pericolo l”economia mondiale” – ci ricordano i giornali e i
TG.

Nel Regno Unito, dove la sanno lunga sulla
Finanza, Cameron avvisa: “se volete che restiamo in Europa, pretendiamo
maggior sovranità e soprattutto l”indipendenza totale della City”, che da
215 anni è una delle maggiori piazze finanziarie del mondo (comunque in attesa
che si formalizzi il Grande Condominio degli Stock Exchange che già vede, e
vedrà sempre più, incroci proprietari tra New York, Francoforte, Shangai e Honk
Kong).

Noi invece, la Borsa di Milano l”abbiamo
integrata-venduta al London Stock
Exchange
già 9 anni fa.

Ma veramente la gran parte degli italiani
non sa cosӏ la Finanza . Ergo non conosce il Dio Denaro? No ! Per un verso lo
conosce… in quanto indispensabile al consumo e al pagamento delle tasse. Ma
non sa come si crea, è esclusa dal controllo, è subordinata come non mai; e
guarda con gli occhi del vitello il Cavallo di Troia che si è portato in casa.
[GotoHome_Torna alla Home Page]

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile