Top

'Crisi schizofrenica dell''Impero'

'C''è uno scontro interno alla classe dirigente USA sull''intera strategia imperiale: attraversa il tema dell''11/9, della guerra e dei sauditi [Giulietto Chiesa]'

'Crisi schizofrenica dell''Impero'

Redazione

29 Settembre 2016 - 20.47


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile

Middle placement Mobile

Dynamic 1
di
Giulietto Chiesa
.

Dynamic 2
Mi scrive un lettore:

«Le sarei grato se
potesse, con la sua maggiore esperienza, aiutarmi a comprendere tale
situazione: un”Arabia Saudita al servizio degli interessi USA che fornisce le
basi per l’11/9 ma poi viene accusata e citata in giudizio, ma Obama ostacola
tale possibilità mentre il senato insiste, mentre nel frattempo vengono fornite
a sauditi armi per conquistare lo Yemen e per girarle a Daesh nella conquista
della Siria…

Dynamic 3
Sono un po” confuso io o
l”impero americano è in piena crisi schizofrenica?

La ringrazio in anticipo.

Dynamic 4
Alfredo Carannante»

Dynamic 5
=====

Gentile Carannante,

l”Arabia Saudita è da gran tempo, dalla sua
nascita, al servizio degli Stati Uniti d”America. Creata e protetta dai
colonialisti ha potuto sopravvivere grazie a uno scambio strategico: fornendo
petrolio ai prezzi definiti dall”Impero in cambio della protezione fisica della
monarchia e dei suoi manutengoli da parte degli Stati Uniti. In più acquistando
i certificati di credito del Tesoro americano e depositando i proventi nelle
banche americane e lasciando i lingotti d”oro in casa americana, cioè a Fort
Knox.

Questa è la premessa indispensabile.

Da qui si ricava che i servizi segreti USA
presero fin dall”inizio il controllo totale dei servizi segreti e dell”esercito
saudita. E lo hanno mantenuto fino ad oggi.

Il governo saudita fa dunque ciò che gli
comandano i padroni di turno a Washington. Nel 2001 sale al potere George Bush
Junior
, figlio del grande amico dei Saud, ex capo della CIA, George Bush
Senior. Lo Junior è in mano ai neo-con
americani di Paul Wolfowitz e Dick Cheney. Che organizzano l”11 Settembre. Gli
servono soldi e capri espiatori per costruire la favola della minaccia
islamica. E l”Arabia saudita glieli offre. Questo stava scritto nelle famose 28
pagine che Bush Junior ordinò fossero segregate. Cioè, per essere ancora più
precisi, il governo saudita e i suoi servizi segreti, d”accordo con la Cia,
offrono la necessaria copertura per sparare la favola dei cosiddetti 19 dirottatori
guidati da Osama bin Laden. Naturalmente prendono parte all”operazione, e la
guidano, importanti spezzoni dei servizi segreti israeliani e pachistani. Anche
di questo ci sono le prove.

Ma a
Washington è in atto uno scontro violentissimo
sotto il tappeto. Una parte
dei democratici vuole mettere in difficoltà i neo-con e insiste per la pubblicazione delle 28 pagine (che in
realtà sono un segreto di pulcinella, rimasto segreto solo perché i
grandi media sono in mano ai neo-con). E riapre il caso, oggi, a quindici anni
di distanza.

L”Arabia Saudita (che, nel frattempo, si
fida sempre meno degli USA), agisce per conto proprio in Siria, creando guai
che gli USA di Obama non vorrebbero dover fronteggiare. L”operazione Daesh è
fatta di comune intesa tra Cia (settori della), Pentagono (settori del) e
servizi segreti e monarchie del Golfo, in testa ovviamente Arabia Saudita e
Qatar, che sono pieni di dollari.

Sfortunatamente per loro la Russia
interviene e sconfigge Daesh con i suoi bombardamenti. A questo punto Obama
vorrebbe fare marcia indietro. Ma non ci riesce perché non ha il controllo né dei suoi, né degli altri. Quando ri-scoppia
il caso delle 28 pagine, l”Arabia Saudita (che teme per le sue tasche, perché
potrebbe essere chiamata in giudizio dai parenti delle vittime, e poiché ha
nelle banche americane qualche trilione di dollari che potrebbero essere bloccati
dai tribunali americani) minaccia rappresaglie del tipo: se andate avanti su
questa strada, chiunque siate, noi ritiriamo 700 miliardi di dollari dalle
vostre banche, così, tanto per cominciare. Ma, se questo avvenisse, il colpo al
dollaro sarebbe devastante.

Dunque l”America di Obama si spaventa.
Obama mette il veto.

Ma il Senato USA, con un voto di 99 a
favore e uno contro, cancella il veto presidenziale (che significa che votano
contro il presidente uscente anche tutti i senatori democratici meno uno) e
consente ai tribunali americani di portare in giudizio il governo saudita
(sostanzialmente per concorso in strage). Ricordo qui, di passaggio, che le 28
pagine, anche da sole, distruggono la tesi ufficiale dell”11 settembre, che
assegnava la responsabilità ai c.d. 19 dirottatori e a Osama bin Laden. La
distrugge perché dimostra che altre
forze
— che non venivano nemmeno
nominate dall”inchiesta ufficiale
— presero
parte all”attentato terroristico
dell” 11 settembre 2001.

Ma, per rispondere all”ultima parte della
sua domanda: come si spiega l”appoggio dato da Obama all”Arabia Saudita nel
fornirle svariate decine di miliardi in armamenti sofisticati per condurre la
guerra contro lo Yemen? La spiegazione è chiara: non è Obama che arma i sauditi
e li sostiene. Sono i neo-con del
Pentagono, della Cia, e del complesso militare-industriale che guidano la
danza. Il povero Obama, che non li può fermare, traccheggia. Finge di opporsi,
ma poi ratifica le loro decisioni.

Ha paura lui stesso di quello che fanno e
che lui è costretto a firmare. Manda Kerry a negoziare coi russi, ma poi si
trova di fronte al fatto compiuto che aerei americani, o protetti dagli
americani, vanno a bombardare l”esercito di Bashar al-Assad e uccidono
anche ufficiali russi. Mentre i media occidentali scatenano una campagna contro
i russi, accusandoli di tutto, quando è evidente che Daesh e al-Nusra ricevono
armi dall”Arabia Saudita, e mentre la Turchia agisce per proprio conto, come le
pare e dove le pare. E la Turchia è un membro della Nato.

È chiaro che a Washington ci sono forze che
vogliono continuare la guerra e innalzare il livello dello scontro con la
Russia. Ma queste forze non coincidono con l”attuale Amministrazione. Da questo
groviglio emerge la posizione apparentemente schizofrenica degli USA. In realtà
questa posizione, come ho già detto, corrisponde a una divisione interna agli USA e concerne l”intera strategia americana.
Per cui è importante, d”ora in avanti, non ragionare di “una posizione
americana” (che non c”è), ma tenere presente che è in corso uno scontro interno alla classe dirigente
americana
.

L”esito delle elezioni consentirà di
definire una tappa di questo scontro. Ma non potrà dirimere la divisione perché
né gli uni né gli altri hanno una idea adeguata della crisi che incombe e che
porterà alla ridefinizione dei rapporti di forza nel mondo intero.

O — purtroppo, ma bisogna dirlo — alla
guerra globale.

[GotoHome_Torna alla Home Page]
DONAZIONE

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage