Top

Per una "nuova via" in politica

Lotta antiegemonica e rafforzamento del sistema-paese. [Gianfranco La Grassa]

Per una "nuova via" in politica

Redazione

18 Febbraio 2016 - 07.02


Preroll

di Gianfranco La Grassa

OutStream Desktop
Top right Mobile

1. In tutti i paesi non centrali di quella che ho da molto tempo definita formazione sociale dei funzionari del capitale, per

Middle placement Mobile

distinguerla dal capitalismo borghese analizzato da Marx con riferimento all’Inghilterra, i (sub)dominanti – nel loro intreccio

Dynamic 1

di agenti strategici economico-finanziari e politici, coadiuvati da gruppi di intellettuali – mettono in opera le loro strategie per

la preminenza in conflitto fra loro (anche con varie forme di collaborazione in funzione del conflitto), soprattutto mediante

Dynamic 2

l’ormai ben collaudata azione tesa al divide et impera. Quanto appena detto ha una valenza del tutto particolare in Italia, con

i suoi più di sei milioni di lavoratori autonomi (le “partite Iva”). Vediamo di chiarirci un po’ le idee.

Dynamic 3

Molti critici del capitalismo sono convinti ancor oggi che la vera politica di dominio si fondi sull’omologazione della

Dynamic 4

popolazione in base a certi modelli di consumo (il “consumismo”). Tale omologazione è in realtà più superficiale e

apparente di quanto si sostiene; ad affermare simili tesi sono in genere cerchie di presunti intellettuali, che semplicemente

Dynamic 5

considerano il capitalismo una gigantesca macchina in grado di produrre beni in quantità così enormi da provocare una

sorta di “indigestione sociale”. Sfruttamento ed esaurimento del fondo naturale (e quindi ecologia come corrente che si

pensa radicalmente alternativa alle presenti forme sociali e politiche), consumismo (e quindi lotta al presunto superfluo),

onnipotenza dell’informazione (e quindi contestazione del dominio massmediatico): questi sono i tre fondamentali pilastri di

un atteggiamento che si crede rappresenti un moderno atteggiamento di attacco alla società capitalistica.

Non si tratta di negare un qualsiasi significato ad un siffatto tipo di critica. Essa non coglie tuttavia le linee di frattura interne

alla dominanza del capitale, provocate appunto dal conflitto tra paesi per la supremazia e dal loro sviluppo ineguale, più

volte da me ricordato, con il conseguente alternarsi di fasi mono e policentriche implicanti strategie diverse di predominio,

e dunque anche di opposizione allo stesso. Consumismo, pervasività massmediatica, esaurimento del fondo naturale,

diffondono sulla complessiva formazione sociale capitalistica un colore grigiastro che tutto confonde, impedendo di

distinguere le differenziazioni; invece fondamentali in politica, poiché stanno alla base delle distinzioni tattico-strategiche

che la caratterizzano. Se poi ci si riferisce in particolare al preteso consumismo, un simile atteggiamento di preteso

anticapitalismo ha ben poca efficacia, perché non credo che i modelli di consumo dei vip e quelli dei più bassi gradini

della scala sociale, con l’innumerevole serie di livelli intermedi tra gli uni e gli altri, siano poi così omologati e omologabili

come si crede da più parti.

Personalmente, punterei invece proprio su di un altro aspetto del dominio, sul divide et impera di cui sopra, perché si

affronta così, anche se ancora per “classificazioni” a grana fin troppo grossa, il problema decisivo dei blocchi sociali. Non è

un caso che mentre il concreto elettorato viene distinto in “destra” e “sinistra” assai confusamente – nel senso che in

ognuno dei due “ammassi” di votanti si trovano imprenditori di varia taglia, professionisti, manager, tecnici, lavoratori

salariati (anche operai), precari, ecc. – i due schieramenti politici, soprattutto alcuni loro gruppi dirigenti e altri di tipo

intellettuale e giornalistico, volevano fino a qualche anno fa meglio qualificare la “destra” come forza di difesa del blocco

costituito dal “ceto medio”, in realtà dalla piccola imprenditoria, dal lavoro autonomo individuale, dalle professioni liberali,

ecc.; e la sinistra come paladina del lavoro salariato, soprattutto di fabbrica, ivi compreso quello già in pensione. Per di

più, sembrava che certa “sinistra” volesse difendere uno “Stato sociale” ormai sempre più eroso. Oggi, tutto questo non

esiste più. L’unica differenza tra i due schieramenti è l’atteggiamento di difesa di certe tradizioni o di adesione a costumi

detti nuovi e più aperti ad ogni possibile novità. La questione sessuale e di “genere” è finita in primo piano, dimenticando

ogni altro problema essenziale sia di politica interna che internazionale.

Tale nuovo gioco dovrà essere messo in mora, se vogliamo uscire dalla cloaca in cui ci siamo immersi. Alla divisione per

“linee longitudinali” – dove in ogni raggruppamento andrebbero riuniti i più disparati strati sociali disposti in verticale –

dovrebbe essere sostituita quella per “latitudine”, riferendosi cioè a differenti fasce o livelli di reddito; senza troppa

attenzione alla fonte di quest’ultimo, senza cioè contrapporre i salariati agli “altri” (una congerie assai variegata di ceti

sociali). Non entro nei particolari, ma credo risulti evidente a chiunque come nascano le diffidenze reciproche tra autonomi

e dipendenti (salariati). Ci si metta nei panni di uno di questi ultimi e si pensi a quali rancori egli possa nutrire nei confronti

di certi bottegai o professionisti o agenti immobiliari, ecc; soprattutto per quanto concerne il pagamento delle imposte. Poi,

ci s’immagini d’essere un lavoratore autonomo e si viva la diffidenza (eufemismo) che può provare nei confronti di certi

dipendenti pubblici o comunque di quelli che timbrano il cartellino e all’ora data “staccano”, cascasse il mondo.

Questi sentimenti vanno compresi, ma combattuti, perché favoriscono il potere di chi veramente lo ha, di chi veramente

decide delle sorti sia dell’autonomo che del salariato. Poiché la gran massa di entrambe queste figure lavorative si

addensa verso i bassi e medio-bassi livelli di reddito, è ovvio che l’opera di chiarificazione politica, di individuazione dei

reali agenti dominanti, di demistificazione e svelamento delle loro pratiche di dominio – fra cui quelle di tipo ideologico-

culturale – va rivolta con particolare energia in direzione di tali “inferiori” strati sociali. Essi rappresentano la possibile base

di massa di una nuova forza che si erga contro il gioco della “destra” e della “sinistra”, tutto teso ad ingannare il corpo

elettorale, a dividersi il voto e a sviluppare, con modalità differenti, una politica di subordinazione della gran massa della

popolazione ai gruppi di vertice.

2. Non credo comunque che il primo compito di una nuova organizzazione politica, ove potesse formarsi, sarebbe quello

di cercare, tramite scorciatoie ed escamotages, di costituirsi quale partecipante al gioco elettorale, che la vedrebbe

necessariamente minoritaria; ed entrerebbe poi anch’essa negli squallidi giochetti delle forze politiche e dei gruppi di

agenti dominanti attuali. Non per purezza ideologica, quindi, tanto meno per ragioni etiche, è necessario pensare alla

costruzione di una forza critica radicale, che conduca la lotta sul piano prevalentemente politico-culturale, illuminando il più

possibile tutte le malefatte e la povertà, soprattutto strategica, dei subdominanti italiani (ed europei) e dei loro “sicari” politici

e ideologici. Tuttavia, non ci si può limitare a predicare in favore delle “masse” e tanto meno dei soli lavoratori dipendenti

(salariati).

E’ indispensabile attaccare a fondo, certamente, la politica del divide et impera, non accettando inutili campagne (sempre

ricorrenti ogni secondo momento) contro l’evasione fiscale, che colpiscono solo i piccoli e lasciano salvi i grandi capitali

all’estero, nei paradisi fiscali; e anche all’interno, grazie a stuoli di straricchi commercialisti e avvocati che studiano tutti i

marchingegni possibili con fusioni, scorpori, gonfiamento dei costi, riduzione dei ricavi, ecc. Non si deve nemmeno

accettare semplicemente la polemica contro l’inefficienza e scarsa produttività dell’apparato pubblico, che esiste nei fatti,

ma va attribuita fondamentalmente all’alta burocrazia, completamente immersa nel gioco della “destra” e della “sinistra”,

soprattutto grazie al più che tollerato e praticato spoil system, che premia la fedeltà ai politicanti e non affatto la capacità di

organizzare e dirigere.

Non è però sufficiente limitarsi a cercare il consenso di quella che, lo ribadisco, dovrebbe essere la “naturale” base di una

nuova forza: l’insieme delle fasce medio-basse del lavoro dipendente e di quello autonomo. E’ indispensabile – per

un’intera fase storica caratterizzata soprattutto da una lotta antiegemonica (di fatto anti-Usa) sul piano internazionale –

propagandare e appoggiare la politica di rafforzamento di tutti i vari ambiti in grado di promuovere un accrescimento di

potenza: ricerca scientifico-tecnica, grande imprenditoria (non importa se pubblica o privata) capace di dare impulso alle

innovazioni di processo e di prodotto (dell’ultima epoca dell’industrializzazione), “guerra economica”, Intelligence e

diplomazia, alleanze (ed eventuali rotture delle stesse) in grado di ottenere i migliori risultati per il sistema-paese nel suo

complesso, ecc.

La politica del consenso diretta agli strati lavorativi già indicati non può trasformarsi in generica agitazione populistica, in

appoggio sempre e comunque alle lotte di ogni settore del lavoro; ancor più negativo sarebbe l’indiscriminato sostegno al

solo lavoro salariato esecutivo. Bisogna armonizzare strategie a volte in contraddizione fra loro: sia di difesa del lavoro sia

di rafforzamento del sistema-paese e, dunque, di quei settori che a tal fine sono indispensabili. E bisogna andare del tutto

oltre gli ambiti concertativi, luogo di mediazioni al ribasso tra capitalisti solo bisognosi di finanziamenti statali e dirigenti

opportunisti degli apparati che raggruppano i lavoratori salariati, rendendoli docili strumenti al servizio di politiche

propagandate come utili al “mondo del lavoro” mentre alimentano in realtà lo sperpero di risorse da parte di tutti questi

parassiti che ci turlupinano.

Bisognerebbe impostare una efficiente “educazione di massa” circa l’imbroglio della falsa democrazia elettorale, per

dirigere i metodi della politica verso altri lidi, che tuttavia debbono essere pensati e analizzati con molta ponderazione per

non ricadere in altre forme di populismo – tipo i vari nazionalismi di altri tempi – di cui valutare adeguatamente i pericoli.

Quando sostengo che bisogna andare contro “destra” e “sinistra”, questo autentico “gioco degli specchi” di chi ci domina,

sia chiaro che non propongo certo di rivalutare il vecchio piciismo statalista (quello che è stato fatto passare per

comunismo) né il fascismo nazionalista d’antan. Sarebbe veramente indispensabile trovare nuove vie; certo con qualche

ricaduta, con qualche impurità o ambiguità, ma restando al proposito sempre vigili, senza abbassare la guardia. La bussola

dovrebbe orientarsi essenzialmente all’eliminazione dell’infame gioco (degli specchi appunto) che ci vuol bloccare in

posizione subordinata e ci paralizza.

3. Sia chiaro che mi rendo ben conto dell’impossibilità di dar vita in tempi brevi ad una nuova forza. Il riferimento a essa

serve solo per fissare alcune direttrici di marcia nella critica dell’attuale società; consci però del fallito esperimento di

superarla dando vita ad una formazione socialista (che nessuno ancora capisce che “bestia” fosse in realtà). L’importante è

fissare, almeno approssimativamente una serie di punti qualificanti.

Una nuova organizzazione o movimento politico non si dovrebbe semplicemente aggiungere a quelli indicati come

“destra” e “sinistra” (con le varianti di centrodestra e centrosinistra). Si dovrebbe trattare invece di una corrente capace di

porsi quale loro alternativa, considerandole nemici da abbattere, non avversari con cui competere per avere un po’ di voti.

Poiché tale forza non esiste, e nemmeno si può contare sull’enuclearsi a breve di condizioni che la rendano possibile, la

discussione sull’argomento servirebbe solo a fissare i punti generali (e al momento certo generici) di una politica da

attuarsi per imprimere nuovo sviluppo – e autonomo, indipendente da paesi invece oggi predominanti – all’Italia. Una

politica, soprattutto, che spazzi via l’autentico marciume odierno e prepari le condizioni per modificazioni profonde degli

stessi rapporti sociali, delle forme del dominio attualmente presenti, in sede internazionale come all’interno del paese.

Sempre però con la consapevolezza delle enormi difficoltà di ribaltare gli attuali assetti di potere in assenza di una (geo)

politica tesa a contrastare l’egemonia altrui, nonché a conseguire un ragionevole tasso di sviluppo della propria potenza (in

unione ad altri). Puntare, ad es., le carte sul conflitto capitale/lavoro, attuando di fatto una mera politica redistributiva, può

condurre nella direzione opposta a quella voluta; direzione non a caso presa da apparati che si erigono (falsamente) a

rappresentanti del lavoro (salariato) e di fatto sono oligarchie (sub)dominanti legate al carro principale dei (pre)dominanti.

Questi apparati sono nemici e, almeno come intenzione di fondo, da annientare senza mezzi termini.

Bisognerebbe smetterla di flirtare con la dizione di “destra” e di “sinistra”. Sarebbe utile indicarle con linguaggio neutro: ad

esempio, schieramento D e schieramento S. La maggior parte degli agenti (sub)dominanti politici (professionali), con

anche la stragrande maggioranza degli agenti ideologici, è situata al presente nello schieramento S. L’operazione mani

pulite – sulle cui condizioni di realizzazione ho già scritto altre volte in passato, e adesso non mi ripeto – ha ulteriormente

selezionato, al peggio, tale personale, l’ha reso ancora più servile, meno autonomo rispetto ai (pre)dominanti (statunitensi).

Nello stesso tempo, soprattutto nel nostro paese, questo insieme di agenti politico-ideologici è stato distillato per esaltare

le pessime qualità della “democrazia” meramente elettorale (quindi falsa) al servizio dei centri strategici, che distribuiscono

i compiti internazionali; con netto predominio, appunto, di quelli statunitensi.

Nello schieramento S sono passati tutti i peggiori (e ormai scadenti) ex Dc, ex Pci, ex Psi, ecc. (in genere professionisti

della politica), che hanno preparato il terreno ai settori governativi e di maggioranza odierni, formati da incredibili

incompetenti. Dall’altra parte, sta un’accozzaglia di gente, che sembra molto impreparata ad esercitare una vera

opposizione; e spesso è inoltre pronta a passare con chi assicura posti di potere (anche minimo, anche locale). Di

conseguenza, il personale dello schieramento S non ha rivali nella “democrazia” fondata sul gioco elettorale e

sull’addomesticato dibattito massmediatico tra “posizioni diverse” (e tutte complici in una direzione di subordinazione). Non

si può quindi al presente mantenere un’equidistanza tra i due schieramenti. Se il peggio sta quasi completamente nello

schieramento S, sia a livello di ceto politico che di quello intellettuale, ritengo che ci possano essere brevi (e cauti)

atteggiamenti di carattere tattico. Parlando sotto metafora, diciamo che si potrebbe a volte stare con il cancro ai polmoni

piuttosto che con quello al pancreas; consapevoli, però, che si è pur sempre in presenza di un cancro e che la “soluzione

finale” dovrebbe essere l’asportazione chirurgica di entrambi. Altrimenti andremo in metastasi con quel che seguirà.

Ormai mi sembrano poco sopportabili i “critici” (“supercritici”) che abbiamo in questo paese (e dappertutto in Europa, per la

verità). Soprattutto negativi, da non seguire, sono quelli che si dilettano con i più “alti teoremi” della “critica” di tipo

economico, quelli della preminenza dei centri finanziari transnazionali. Poi esistono i neokeynesiani (o supposti tali), che

ancora credono a un possibile nuovo Welfare. Poi ancora quelli che propugnano una politica di trasformazione dei rapporti

sociali in direzione della cooperazione, del miglioramento dell’ambiente, del contenimento dello “spreco consumistico”

ecc. Diciamolo senza mezzi termini: oggi il compito di gran lunga prioritario è la conquista di una vera autonomia, in specie

dagli Usa.

In questa lotta antiegemonica (che sia veramente continua, anche se con fasi di differente accentuazione) si accenderanno

alleanze, che possono essere fra pari o invece tra (pre)dominanti e (sub)dominanti. Naturalmente, le varie posizioni

possono mutare d’epoca in epoca in seguito al già rilevato sviluppo ineguale dei capitalismi. La finanza serve senz’altro da

strumento in questo conflitto; e in esso può assumere, a seconda della configurazione geopolitica dei pre e dei

subdominanti, una funzione propulsiva a livello dell’industria più innovativa e delle già considerate svariate pratiche per

acquisire potenza, oppure può porre “il tutto” alle dipendenze dei (pre)dominanti, dietro congrua cointeressenza. E’

esattamente quello che si sta verificando da noi, dove ogni mossa degli agenti (sub)dominanti danneggia l’italianità di

pezzi dell’economia, inneggiando alla globalizzazione e al “libero” mercato. In pratica, questi subdominanti sono in realtà

puri servi e punta di lancia dei (pre)dominanti statunitensi anche con riguardo al resto dell’Europa.

4. Coloro che propugnano la nascita (difficilissima, lo ripeto) di una nuova forza, debbono rendersi conto che la politica da

seguire sarà ostacolata da esigenze contraddittorie. Chi si pone entro il perverso gioco tra schieramento D e schieramento

S – accettando, ad esempio, la funzione di imbrigliare il lavoro salariato, cui dare saltuariamente qualche contentino di tipo

redistributivo, onde farne massa di manovra all’interno del conflitto tra gruppi di agenti dominanti per la supremazia – ha

compiti relativamente facili. Basta far riferimento al conflitto capitale/lavoro: i riformisti moderati per ottenere il contentino di

cui sopra, i finti rivoluzionari per recitare bene la loro parte di irriducibili oppositori, per poi gradualmente passare, a gruppi

e a ondate, dalla parte dei primi. Anzi, alzare la voce, tuonare con “terribile” radicalità, è estremamente utile a questi

mentitori, che si vendono al meglio.

Chi vuol veramente mutare le cose, sa che deve utilizzare “gli opposti” senza farne la sintesi, facendoli invece rimanere in

campo nella loro acuta contraddizione. E’ indispensabile che, sul piano geopolitico globale, si partecipi alla lotta tra

“predoni”, e si prendano le misure adatte a sviluppare la propria potenza. In ogni caso, in Italia è necessario difendere

quelle poche grandi imprese che agiscono in settori di punta, tecnologici ed energetici. Senza smembrare l’ENI malgrado

certi piani esiziali vengano presentati come un suo rafforzamento; senza urlare contro la Finmeccanica perché produce

quegli “arnesi” che fanno impazzire i pacifisti scemi. Ecc. ecc. In certi casi, bisogna anche sapersi opporre ai conflitti

capitale/lavoro, se questi hanno prevalenti effetti fortemente negativi in tema di lotta antiegemonica.

Nel contempo, deve essere curato il problema della creazione di un blocco sociale che appoggi la politica di autonomia e

indipendenza, e di potenziamento del proprio sistema-paese. Bisogna quindi senza dubbio colpire soprattutto i grandi

interessi laddove questi sono solo ricchezza indirizzata a meri consumi opulenti; colpire la finanza laddove questa agisce

in combutta con i dominanti centrali, alimentando la deformazione della struttura del nostro sistema-paese nel senso del

puro mantenimento (ma per quanto tempo ancora?) di un’aurea mediocrità da paese dipendente “di lusso”. Debbono

essere individuati i metodi, le ideologie opportune, l’orientamento degli interessi pensato (e voluto) come comune, al fine

di abbattere quel muro di antipatie e diffidenze che separa i lavoratori autonomi dai dipendenti, unendo invece gli strati

medio-bassi dei due raggruppamenti, entrambi costituiti da molti spezzoni sociali diversificati.

E’ necessario, per quanto possibile, difendere questi strati medio-bassi da tosature inutili e fatte passare per necessarie in

omaggio ai miti alimentati da ambienti (anche internazionali) servili nei confronti di quelli del paese centrale; quindi nessuna

indulgenza per una UE del tipo di quella che ci ritroviamo, con le sue fisime sul debito pubblico e il rapporto deficit/Pil.

Nemmeno però alcuna condiscendenza per politiche che poi, contraddittoriamente, predicano lo sviluppo dal lato della

domanda. Nessuna accettazione di uno statalismo di principio, affermato in generale, che potrebbe coprire gli interessi dei

gruppi facenti parte del complesso (sub)dominante, fra loro in conflitto per conquistare la “supremazia” nella subordinazione

ai (pre)dominanti centrali. Nessuna simpatia per un neoliberismo predicatore del “libero mercato”, il principale impedimento

all’espansione di tutti i settori decisivi per l’autonomia e l’indipendenza – che resterebbero principalmente concentrati nel

paese preminente – mentre fiorirebbero da noi quelli della dipendenza nell’“aurea mediocrità”, del tutto fragile ed esposta

alle “scosse telluriche” (politiche ed economiche) provenienti dal centro.

Bisogna riuscire ad unire gli strati medio-bassi in questione in una visione di sviluppo del sistema–paese, per preparare

successivamente trasformazioni radicali dei suoi assetti di potere politico. Non certo, per carità, con le “libere elezioni

democratiche”; non sarà comunque facile, me ne rendo conto, trovare nuovi forti impulsi per una popolazione così

fortemente impoverita di energie – intellettuali, morali, psichiche e… di qualsiasi genere insomma – com’è quella italiana.

Eppure, dovranno infine essere individuati se non vogliamo decadere sempre più.

Le esigenze sopra esposte, pur assai sommariamente, sono e saranno spesso in contrasto fra loro; e sarà tassativo non

tentare di armonizzarle con compromessi che non fanno conseguire né maggiore forza antiegemonica né più alta coesione

sociale; peggio ancora se volessimo occultare le contraddizioni con menzogne ideologiche che porrebbero le basi per un

“crollo” successivo. Non credo sia però utile mettersi adesso a rimuginare su come gestire gli attriti che sorgerebbero nella

fortunata ipotesi della (molto) futura affermazione di un’effettiva nuova forza; non voliamo fin da subito nel mondo dei sogni.

Indichiamo solo il problema. Molto pressante però.

L”articolo è stato pubblicato il 17 febbraio 2016 su [url”Conflitti e strategie”]http://www.conflittiestrategie.it/[/url].

[url”Link articolo”]http://www.conflittiestrategie.it/lotta-antiegemonica-e-rafforzamento-del-sistema-paese-di-glg[/url] © Gianfranco La Grassa

Infografica: © P. Audia, Potenze in conflitto per la supremazia [particolare].

[url”Torna alla Home page”]http://megachip.globalist.it/[/url]

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage