Top

Tunisino ucciso. Poca gloria, molte domande

La sequenza degli attentati si ripete con un cliché incredibilmente monotono, che termina sempre allo stesso modo. [Piotr]

Tunisino ucciso. Poca gloria, molte domande

Redazione

23 Dicembre 2016 - 16.39


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile

Middle placement Mobile
di Piotr.

Dynamic 1

A
Sesto San Giovanni, praticamente in quel di Milano, la polizia ha ucciso
l”ormai famoso tunisino ricercato per la strage di Berlino.

Dynamic 2
Sono molte le domande in piedi da prima di questa sparatoria.

Come sapevano che era proprio questo tizio alla guida del camion che ha fatto strage a Berlino? Semplice.
Come al solito, hanno trovato – toh guarda – un suo documento nella cabina del
camion, sotto il sedile. Come mai allora l”efficientissima polizia tedesca
aveva arrestato un pakistano che non c”entrava nulla? Ci hanno messo veramente
un giorno a trovare un documento sotto il sedile dell”arma del crimine? Ma va
là.

Dynamic 3

La
sequenza si ripete con un cliché incredibilmente monotono:

Dynamic 4
1) Attentato
“imprevisto”.

2) Ritrovamento dei
documenti degli attentatori sul luogo del crimine (e non sono “firme”
come qualche depistatore scrive, perché se volessero firmare aspetterebbero sul
posto il “martirio” e invece fuggono).

Dynamic 5
3) Dichiarazione che
l”attentatore o gli attentatori in questione erano già sospettati e a volte
sotto sorveglianza (però l”attentato lo riescono a fare lo stesso, come mai?).

4) Caccia all”uomo.

5) Conflitto a fuoco e
uccisione del sospetto. Niente cattura e interrogatorio. Nemmeno per Osama bin
Laden.

Variante
possibile: gli attentatori muoiono durante l”attentato. Ma tutti gli attentati
hanno seguito questo schema.

Il copione
è sempre lo stesso. Qualcuno sta usando sempre lo stesso canovaccio.

Non
chiedetemi chi. Non ho le prove.

E
quindi lascio che ognuno ragioni con la propria testa. Arriverà a conclusioni
magari diverse dalle mie.

L”importante
è che si emancipi dalla narrazione ufficiale. Non sta in piedi ed è diventata mortalmente
noiosa. Già, perché gli innocenti continuano ad essere ammazzati, per la gloria
di poche élite, pronte a scatenare tutte le loro speculazioni politiche e gli stati di emergenza sull’onda di una
campagna di terrore e tensione.

[GotoHome_Torna alla Home Page]
DONAZIONE

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage