Top

Presidente Mattarella, perché non risponde?

Paolo Savona ha scritto una lettera aperta al presidente della Repubblica con un tema molto importante: la cessione della sovranità fiscale. Mutistmo totale al Quirinale

Presidente Mattarella, perché non risponde?

Redazione

14 Settembre 2015 - 17.46


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile
di Marcello Foa.

Middle placement Mobile

Dynamic 1
Lo scorso 22 agosto Paolo Savona ha scritto una lettera aperta al presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella su un tema molto
importante: la cessione della sovranità fiscale. Paolo Savona non è uno
qualunque: è un economista che spicca per il coraggio delle sue tesi ma
tutt’altro che ostile alle istituzioni. Docente universitario,
presidente del Fondo interbancario di tutela dei depositi, è stato
Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato, con delega al
riordinamento delle partecipazioni statali nel Governo Ciampi (aprile
1993-aprile 1994), poi nel biennio 2005-2006 Capo del Dipartimento per
le Politiche Comunitarie della Presidenza del Consiglio dei ministri e
Coordinatore del Comitato Tecnico per la Strategia di Lisbona, che ha
redatto il Piano Italiano per la Crescita e l’Occupazione presentato
alla Commissione Europea il 15 ottobre 2005. Ed è anche vicepresidente
vicario di Aspen.

Insomma, Paolo Savona non è un rivoluzionario, ma sull’Unione europea
non sempre è allineato con l’establishment. Seppur favorevole al
processo di integrazione, è stato da subito un irriducibile critico
dell’accordo di Maastricht
che riteneva basato su parametri privi di
basi scientifiche e nocivi
, poiché introducevano rigidità anziché
promuovere la flessibilità necessarie per rendere davvero competitiva
l’economia del Vecchio Continente. E lo ha dimostrato ancora una volta
pubblicando, sul sito Scenari Economici, l’appello pubblico a Mattarella. Dai toni rispettosi ma dai contenuti forti.

Dynamic 2

Savona chiedeva se fosse vero che il capo del Quirinale avesse
concordato con il presidente della BCE e con il ministro dell’economia e
delle finanze
italiano un accordo per cedere alla Ue la sovranità
fiscale residua
, come desiderato dalla Bundesbank

Dynamic 3
Detto in termini più
semplici: l’Italia rinuncerebbe a decidere la propria politica fiscale,
rinunciando anche a quei pochi margini di autonomia che le rimanevano.


Dynamic 4
Scriveva:


Dynamic 5

Invece di uscire dal paradosso di un non-Stato europeo
formato da non-Stati nazionali si intende approfondire questa strana
configurazione istituzionale, perché appare vantaggiosa a pochi paesi
capeggiati dalla Germania.

Poiché la tesi del vantaggio che potremmo ricavarne è priva di
fondamento, da tempo si insiste nello spargere terrore su quello che
avverrebbe se l’euro crollasse, trascinando il mercato unico,
aggiungendo la ciliegina della speranza che in futuro le cose andranno
meglio e che si va facendo di tutto affinché ciò avvenga.

Vivere nel terrore del dopo e nelle speranze che le cose cambino,
senza attivare gli strumenti adatti affinché ciò avvenga, non è
posizione politica dignitosa.


E avvertiva Mattarella:


A ogni buon conto, se una tale scelta maturasse, Lei non
potrebbe ratificarla, perché l’art. 11 della Costituzione dice
chiaramente che l’Italia: consente, in condizioni di parità con gli
altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento
che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce
le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Naturalmente diranno che la decisione risponde a queste condizioni
(pace, giustizia e parità con altri Stati) ma, sulla base
dell’esperienza fatta con la cessione all’Unione Europea della sovranità
di regolare i mercati e di battere moneta, queste sono pure ipotesi,
una vera truffa per taluni e un’ingenuità per altri, che né la scienza
economica (mi passi il termine), né la politica, che pretese di scienza
non ha mai avuto, possono asseverare.


Wow, una vera bomba.


Quando ho letto l’articolo mi sono detto: ora Mattarella risponderà.
E invece…
La prima settimana, nulla. Ho pensato: il Quirinale sarà
ancora in vacanza. Poi è trascorsa una seconda settimana e una terza.
Sempre e solo silenzio.


E allora mi chiedo: presidente Mattarella, perché non risponde? Non pensa che gli italiani abbiano diritto di sapere? 


Basterebbero poche righe, non fosse che per rispetto di Savona e, naturalmente, del popolo italiano.


Suvvia, laddove la democrazia funziona, come in Svizzera, si usa. E in Italia? Non vorrà dirci che si fa finta di nulla…

Seguitemi anche sulla mia pagina Facebook e su twitter: @MarcelloFoa

[GotoHome_Torna alla Home Page]
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage